Biblioteca Comunale di Polistena

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Biblioteca Comunale di Polistena
Biblioteca Comunale di Polistena
Il municipio dove al primo piano ha sede la biblioteca
Stato Italia Italia
Regione Calabria
Città Polistena
Indirizzo Piazza della Pace, 1
Tipo Pubblica
Numero opere 60.000
Apertura giugno 1969
Sito Biblioteca Polistena

La Biblioteca Comunale di Polistena, spesso chiamata semplicemente Biblioteca Comunale nacque nel 1986 per custodire i numerosi manoscritti e libri posseduti dal comune di Polistena.[1]

Storia[modifica | modifica sorgente]

La biblioteca venne aperta nel giugno 1969 nei locali del vecchio Teatro Comunale. Nel 1986 essa fu trasferita al primo piano del Palazzo Municipale dove si trova tuttora per aumentare così lo spazio a disposizione. Quando finiranno i lavori di restauro, la biblioteca e il Museo Civico verranno spostati nel Palazzo Sigillò[1]

Settori[modifica | modifica sorgente]

La biblioteca conserva oltre ai circa 60.000 volumi ed opuscoli, tre fondi archivistici ed un'emeroteca che comprende 12 quotidiani nazionali e 5 calabresi; 109 periodici nazionali e 48 calabresi in corso oltre 283 periodici nazionali e 249 calabresi non in corso, per un totale complessivo di 689 testate. Il numero orientativo dei fascicoli è di oltre 150.000. La biblioteca dispone oltre ai settori riguardanti le opere di carattere enciclopedico (Tra i più importanti troviamo quelli riguardanti la “Narrativa” e la “Poesia” sia italiana che straniera) anche un settore che riguarda esclusivamente il meridione, in particolare la Calabria. La Biblioteca ha infatti rivolto particolare attenzione ai problemi della storia calabrese come: il brigantaggio, l’emigrazione, la mafia, la 'ndrangheta, la camorra e la droga.[1]

Donazioni[modifica | modifica sorgente]

Tra le numerose donazioni ricordiamo quella del senatore Girolamo Tripodi e quella del duca Riario Sforza. Il primo donò la raccolta degli Atti Parlamentari di 4 legislature e il secondo un fondo archivistico appartenente alla famiglia Milano. Questo fondo comprende 50 pergamene e oltre 1800 unità cartacee riguardanti la storia economica e feudale dei comuni sotto il dominio dei Milano (Polistena, San Giorgio, Melicucco, Galatro, Plaesano, Ardore, Bombile, San Nicola, Siderno, Scudieri e molti altri). La biblioteca conserva inoltre altri due fondi archivistici appartenuti alle famiglie Rodinò di Miglione e Avati.

La biblioteca si è anche occupata di recuperare e restaurare il numeroso materiale archeologico presente nel territorio creando così un vero e proprio Museo Civico.[1]

Personale e orari di apertura[modifica | modifica sorgente]

Giorno Orario mattina Orario pomeriggio
Lunedì 8.00-14.00 chiusa
Martedì 8.00-14.00 15.00-17.00
Mercoledì 8.00-14.00 chiusa
Giovedì 8.00-14.00 15.00-17.00
Venerdì 8.00-14.00 chiusa

Il personale della biblioteca è composto stabilmente dal direttore Giovanni Russo, da un collaboratore part-time, da 6 operatori del Servizio Civile Nazionale e da 3 operatrici di Bibliopiana.

La Biblioteca è aperta al pubblico dal lunedì al venerdì dalle ore 8:00 alle 14:00. Da poco tempo, è aperta di pomeriggio anche di martedì e giovedì, dalle ore 15:00 alle 17:00.[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e :::Comune di Polistena «Sito Ufficiale»

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]