Bibliomania

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La bibliomania è un disturbo ossessivo-compulsivo che concerne il collezionismo o l'accumulazione compulsiva di libri al punto che le relazioni sociali o la salute sono compromesse. Uno dei tanti disordini psicologici associati ai libri, la bibliomania è caratterizzata dall'atto di collezionare libri che non hanno nessuna utilità o nessun valore per il normale collezionista. L'acquisto di molteplici copie dello stesso libro e edizione e l'accumulo di libri oltre la possibile capacità d'uso o fruizione sono sintomi frequenti della bibliomania.

Il termine fu coniato dal Dottor John Ferriar, che praticò come dottore alla Manchester Royal Infirmary.[1]

La bibliomania non va confusa con la bibliofilia, che è il legittimo amore per i libri e non è considerato clinicamente un disordine psicologico.

Altri comportamenti anormali che riguardano i libri includono il mangiarli (bibliofagia), il furto di libri compulsivo (bibliocleptomania), il seppellirli (bibliotafia), il bruciarli etc.

Esempi[modifica | modifica sorgente]

Persone affette da bibliomania[modifica | modifica sorgente]

  • Stephen Blumberg, che fu condannato per aver rubato libri per il valore di venti milioni di dollari
  • Thomas Phillipps[2] (1792-1872) soffriva di una grave forma di bibliomania. La sua collezione, che alla sua morte conteneva oltre 160.000 volumi e manoscritti, è ancora all'asta dopo oltre cento anni dalla sua morte.
  • Rev. W.F. Whitcher[3] un pastore metodista del diciottesimo secolo che dopo aver rubato libri rari, asserì che fossero ritrovamenti fortuiti presso il libraio locale.

Personaggi fittizi affetti da bibliomania[modifica | modifica sorgente]

Ulteriori letture[modifica | modifica sorgente]

  • Holbrook Jackson, The Anatomy of Bibliomania, Urbana, University of Illinois Press, 2001, ISBN 0252070437.
  • Thomas Frognall Dibdin, Bibliomania: Or Book Madness, 1811.
  • Nicholas A. Basbanes, A Gentle Madness: Bibliophiles, Bibliomanes, and the Eternal Passion for Books, Henry Holt and Company, Inc., 1995.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Kendall, Joshua. The man who made lists: love, death, madness, and the creation of Roget's Thesaurus. Penguin Group. USA. 2008. p.154
  2. ^ Book Collecting: A.N.L. Munby: A Balanced View
  3. ^ A Book Thief.; A Providence Preacher'S Strange Transactions In Rare Vo... - Article Preview - The New York Times