Bibliografia di Diana Wynne Jones

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Diana Wynne Jones (16 agosto 1934 – 26 marzo 2011) è stata una scrittrice inglese. Nota per le sue novelle di genere fantasy dirette ad un pubblico di bambini e adulti, conta una ricca e varia bibliografia.

Narrativa[modifica | modifica wikitesto]

Questa lista segue Internet Speculative Fiction Database e raggruppa i libri in ben cinque sezioni di narrativa (dalla 1.5 alla 1.9): Chrestomanci composta da sei romanzi e quattro storie brevi e altri quattro cicli.[1]

Libri illustrati[modifica | modifica wikitesto]

  • Who Got Rid of Angus Flint? (1978), illustrato da John Sewell; originariamente pubblicato su Young Winter's Tales 6 (1975)
  • The Four Grannies (1980)
  • Chair Person (1989)
  • Yes Dear (1992), illustrato da Graham Philpott[2]
  • Puss in Boots (1999)

Antologie[modifica | modifica wikitesto]

  • Hidden Turnings (editore) (1989)
  • Fantasy Stories (editore) (1994)
  • Spellbound (editore) (1995)

Racconti brevi[modifica | modifica wikitesto]

Questi racconti non sono mai stati pubblicati in volumi separati o inclusi in alcuna raccolta degli scritti di Jones.[3]

  • "Mela Worms", su Arrows of Eros (NEL, 1989)
  • "I'll Give You My Word", su Firebirds Rising (Penguin, 2006)
  • "JoBoy", su The Dragon Book (Ace, 2009)
  • "Samantha's Diary", su Stories: All-New Tales (HarperCollins, 2010)

Raccolte di "short stories"[modifica | modifica wikitesto]

Queste raccolte includono circa 25 storie. Tuttavia, alcune di esse possono essere presenti su più di un volume[4]

  • Warlock at the Wheel and Other Stories (1984), contente 8 storie pubblicate dal 1978 al 1984
  • Stopping for a Spell: Three Fantasies (1993), formato da alcuni racconti rilasciati dal 1975 al 1989
  • Everard's Ride (1994), composto da un saggio del 1983 e da 7 "short stories" pubblicate dal 1984 al 1995
  • Minor Arcana (1996), contente 7 storie pubblicate dal 1982 al 1995[5] – nominato al British Fantasy Award
  • Believing is Seeing (1999), formato da 7 racconti rilasciati dal 1982 al 1999
  • Unexpected Magic: Collected Stories (2004), composto da 16 "short stories" pubblicate dal 1978 al 2003[6]

Serie di Chrestomanci[modifica | modifica wikitesto]

Il ciclo fantasy Chrestomanci comprende circa sei novelle e quattro racconti brevi.[7]

Ordine di pubblicazione[modifica | modifica wikitesto]

L'ordine di pubblicazione dei libri è il seguente:

  1. Vita stregata (1977) – Guardian Children's Fiction Prize; Preis der Leseratten (ZDF Schülerexpress, Germany)
  2. I maghi di Caprona (1980)
  3. Strega di classe (1982)
  4. Le vite perdute di Christopher Chant (1988) – Carnegie Medal commendation
  5. Mixed Magics (2000), short stories published 1982 to 2000
  6. Scherzi del destino (2005)
  7. The Pinhoe Egg (2006) – Mythopoeic Fantasy Award Children's finalist;[8]Locus Award Young Adult Book, 6th place

Ma se invece si dividono le novelle di Mixed Magics la lista divente:

  1. Vita stregata (1977)
  2. I maghi di Caprona (1980)
  3. "The Sage of Theare", su Hecate's Cauldron (1982) ed. Susan M. Schwartz
  4. "Warlock at the Wheel", su Warlock at the Wheel (1984) di Jones
  5. "Carol Oneir's Hundredth Dream", su Dragons and Dreams (1986) ed. Jane Yolen
  6. Le vite perdute Christopher Chant (1988)
  7. "Stealer of Souls", su Mixed Magics (2000) di Jones
  8. Scherzi del destino (2005)
  9. The Pinhoe Egg (2006)

Ordine di lettura[modifica | modifica wikitesto]

La stessa Diana Wynne Jones raccomandò di leggere gli scritti nel seguente ordine:[9]

  1. Vita stregata (1977)
  2. Le vite perdute di Christopher Chant (1988)
  3. Scherzi del destino (2005)
  4. Strega di classe (1982)
  5. I maghi di Caprona (1980)
  6. The Pinhoe Egg (2006)

I racconti pubblicati su Mixed Magics possono essere letti liberamente in qualsiasi punto della serie.

Ordine cronologico[modifica | modifica wikitesto]

Due romanzi che hanno come protagonista Christopher Chant trattano uno di un bambino e l'altro di un'adolescente; mentre gli riguardano le avventure che egli vive a Chrestomanci. A questo punto la sequenza narrativa cambia ancora e diventa più chiara per la distribuzione degli eventi. Gli unici libri che non hanno una collocazione temporale ben precisa sono contrassegnati da ‡.

  1. Le vite perdute di Christopher Chant]]
  2. Scherzi del destino
  3. Vita stregata
  4. "Warlock at the Wheel"
  5. "The Sage of Theare"‡
  6. Strega di classe
  7. I maghi di Caprona
  8. "Stealer of Souls"
  9. "Carol Oneir's Hundredth Dream"
  10. The Pinhoe Egg

Cronache di Chrestomanci[modifica | modifica wikitesto]

Le Cronache di Chrestomanci sono state pubblicate in tre volumi:

  • Volume 1: Vita stregata e Le vite perdute di Christopher Chant.
  • Volume 2: Strega di classe e I maghi di Caprona.
  • Volume 3: Scherzi del destino e The Pinhoe Egg.

Dalemark Quartet[modifica | modifica wikitesto]

In ordine cronologico:

  1. The Spellcoats (1979)
  2. Cart and Cwidder (1975)
  3. Drowned Ammet (1977)
  4. Crown of Dalemark (1993) – Mythopoeic Award, Children's Fantasy[10]

Tuttavia, quando i libri sono stati pubblicati dalla Oxford University Press, sono stati numerati nell'ordine in cui sono stati pubblicati (Cart, Ammet, Spellcoats, Crown) ed è possibile leggerli in questo modo, senza il rischio di spoiler.

Serie di Derkholm[modifica | modifica wikitesto]

  1. Dark Lord of Derkholm (1998) – Mythopoeic Award, Children's Fantasy[11] (si veda her remarks on winning the award)
  2. Year of the Griffin (2000)

Serie de Il castello errante di Howl[modifica | modifica wikitesto]

  1. Il castello errante di Howl (1986) – secondo classificato al Boston Globe–Horn Book Award;nominato al Phoenix Award[12]
  2. Il castello in aria (1990) – Mythopoeic Fantasy Award Children's finalist[13]
  3. La casa per ogni dove (2008) – Mythopoeic Fantasy Award Children's finalist[14]

Serie di Magids[modifica | modifica wikitesto]

Altro[modifica | modifica wikitesto]

Poesie[modifica | modifica wikitesto]

Intera bibliografia in ordine di pubblicazione[modifica | modifica wikitesto]

1970[modifica | modifica wikitesto]

1980[modifica | modifica wikitesto]

1990[modifica | modifica wikitesto]

  • Il castello in aria (1990) – Il castello errante di Howl
  • Black Maria (1991)
  • "A Slice of Life", su Now We Are Sick (1991), poema
  • Yes, Dear (1992)
  • A Sudden Wild Magic (1992)
  • Hexwood (1993)
  • Crown of Dalemark (1993) – Dalemark
  • Stopping for a Spell (1993), collezione
  • Fantasy Stories (1994)
  • Everard's Ride (1995), collezione
  • Spellbound(1995)
  • Minor Arcana (1996), collezione
  • Deep Secret (1997) – Magids
  • The Tough Guide to Fantasyland (1996)
  • Dark Lord of Derkholm (1998) – Derkholm
  • Puss in Boots (1999)
  • Believing is Seeing (1999), collezione

2000[modifica | modifica wikitesto]

  • Year of the Griffin (2000) – Derkholm
  • Mixed Magics (2000), collezione – Chrestomanci
  • Stealer of Souls (2002), originariamente pubblicato su Mixed Magics (2000) – Chrestomanci
  • The Merlin Conspiracy (2003) – Magids
  • Unexpected Magic (2004), collezione
  • Scherzi del destino (2005) – Chrestomanci
  • The Pinhoe Egg (2006) – Chrestomanci
  • Enna Hittims (2006), originariamente pubblicato su Believing is Seeing (1999)
  • "I'll Give You My Word", su Firebirds Rising (Penguin, 2006)
  • The Game (2007)
  • La casa per ogni dove (2008) – Il castello errante di Howl
  • "JoBoy", su The Dragon Book (Ace, 2009)

2010[modifica | modifica wikitesto]

  • "Samantha's Diary", su Stories: All-New Tales (HarperCollins, 2010)
  • Enchanted Glass (2010)

Pubblicazioni postume[modifica | modifica wikitesto]

  • Earwig and the Witch (2011)
  • Reflections On the Magic of Writing (2012), nonfiction
  • The Islands of Chaldea (2014)[22]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ name=isfdb
  2. ^ name=isfdb
  3. ^ name=isfdb
  4. ^ name=isfdb
  5. ^ name=isfdb
  6. ^ name=isfdb
  7. ^ name=isfdb
  8. ^ name=myth
  9. ^ http://www.leemac.freeserve.co.uk/chresto.htm MacArdle, Meredith. "The Chrestomanci Series." The Official Diana Wynne Jones Website. Retrieved 7 November 2012.
  10. ^ name=myth
  11. ^ name=myth
  12. ^ name=phoenix
  13. ^ name=myth
  14. ^ name=myth
  15. ^ name=bghb
  16. ^ name=SFawards
  17. ^ name=myth
  18. ^ name=phoenix
  19. ^ name=SFawards
  20. ^ name=chaldea
  21. ^ name=SFawards
  22. ^ "Diana Wynne Jones's final book completed by sister". Alison Flood. The Guardian. 24 June 2013. Retrieved 2013-07-03. The headline is a poor match for the content which closes, 'Jones said there were also "other things were coming to light" among her sister's papers. "She left behind a mass of stuff", she said.'
fantasy Portale Fantasy: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di fantasy