Bibi Andersson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bibi Andersson riceve un premio (21 dicembre 1957)

Berit Elisabeth Andersson (Stoccolma, 11 novembre 1935) è un'attrice svedese.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Gli inizi[modifica | modifica sorgente]

Berit Elizabeth Andersson nasce l'11 novembre 1935 a Kungsholmen (Stoccolma) da Josef Andersson e Karin Andersson, sorella minore di Gerd Andersson (11 giugno 1932, Stoccolma), diplomata alla scuola di danza dell'Opera Reale Svedese. Dal 1949 al 1951 lavora in ambito cinematografico affrontando parti minori. All'età di sedici anni, nel 1951, sul palcoscenico del teatro di Malmö viene scoperta dal regista, anch'egli svedese, Ingmar Bergman, che le offre una parte in uno spot per il detergente Bris. Nel 1953 debutta sul grande schermo con il film Dumbom diretto da Nils Poppe, dove interpreta Elvira, un'artista del circo. L'anno successivo, il 1954, recita nel film di Torgny Wickman En nott pa Glimmingehus. L'esperienza cinematografica va di pari passo con gli studi per diventare attrice: dal 1954 al 1956, infatti, frequenta la Royal Dramatic Theatre School (Kungliga Dramatiska Teatern or Dramaten) e la Terserus Drama School.

Il successo[modifica | modifica sorgente]

Nel 1955 torna a lavorare con Bergman, dopo la prima collaborazione del 1951, nel film Sorrisi di una notte d'estate dove interpreta un piccolo ruolo. È l'inizio di una collaborazione che durerà fino al 1994. Nel 1956 entra a far parte della ristretta cerchia di attori di Bergman al teatro di Malmö (Malmö Stadsteater), di cui il regista è stato direttore nel 1950. Nel biennio successivo, 1957-1958, Bergman le affida numerosi ruoli in film di rilievo quali Il settimo sigillo (1957), Il posto delle fragole (1957) e Alle soglie della vita (1958), in cui l'interpretazione di una ragazza madre le vale la nomination come miglior attrice al festival di Cannes. Nel 1962 al Teatro Drammatico Reale interpreta il dramma di Arthur Miller After the Fall, ispirato al matrimonio fallito dello scrittore con Marilyn Monroe. L'anno successivo è una giovane moglie nella produzione bergmaniana Who's afraid of Virginia Woolf? (1963) e nel frattempo vince l'Orso d'argento per la migliore attrice al Festival di Berlino per l'interpretazione nel film L'amante. Nel 1965 fa il suo debutto cinematografico negli USA con il film Duello a el Diablo di Ralph Nelson, in cui interpreta Ellen Grange, una giovane donna violentata da un indiano Apache. Prosegue la sua collaborazione con Bergman che nel 1966 le affida la parte principale (l'infermiera Alma) nel film Persona, insieme a Liv Ullmann. Grazie a Persona l'anno successivo viene premiata al festival del cinema svedese con un Guldbagge[1] come miglior attrice. Tra il 1966 e 1973, oltre a collaborare con Bergman (in film quali Passione, L'adultera e Scene da un matrimonio), lavora anche con John Huston nel film Lettera dal Kremlino (1970) e nel 1973 debutta sul palcoscenico di Broadway nell'opera Full Circle. Nel 1974 appare nella versione per la NBC di After the fall di Arthur Miller. Nel 1987 ha una piccola parte nel film premio Oscar Il pranzo di Babette ("Babette's Feast") di Gabriel Axel, dove recita accanto a Jark Kulle. Nel 1980 si cimenta nella direzione con la produzione del film di Sam Shepard True West e con quello di Suzanne Brogger After the Orgy. Nel 2005 interpreta, sul palco di Antibes, un monologo ispirato alla nobildonna svedese Magdalena Rudenschold.

Vita privata[modifica | modifica sorgente]

Bibi Andersson è stata legata ad alcuni personaggi celebri. Tra i più importanti possiamo citare: Gosta Terserus, attore svedese con cui ha avuto una breve relazione all'inizio degli anni '50; Ingmar Bergman, suo compagno dal 1956 al 1959; il regista e scrittore Kjell Grede che sposa nel 1960 e da cui, dopo tredici anni di matrimonio e una figlia, Jenny Matilda Grede, divorzia nel 1973; il politico e scrittore svedese Per Ahlmark, sposato nel 1978 e da cui ha divorziato nel 1981. Dal 29 maggio 2004 è sposata con Gabriel Mora Baeza.

Nel 1976 viene coinvolta insieme a Bergman in un'indagine del fisco e arrestata in Svezia per evasione fiscale.

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Opere teatrali[modifica | modifica sorgente]

ANNO TITOLO LUOGO REGISTA RUOLO
1973 Full circle American National Theatre Academy (Broadway) Otto Preminger Anna
1977 The Night of the Tribades Helen HayesTheatre (New York City) Michael Kahn Siri von-Essen-Strindberg
1995 The Winter's Tale Brooklyn Academy of Music (New York City) - -

Filmografia parziale[modifica | modifica sorgente]

Televisione[modifica | modifica sorgente]

ANNO TITOLO ITALIANO TITOLO ORIGINALE REGISTA RUOLO TIPOLOGIA
1959 - Lilith Josef Halfen La figlia di un sarto Telefilm
1961 - Det låter som ett hjärta Åke Falck Mia, la figlia Telefilm
1961 - Ljuva ungdomstid Hans Abramson Muriel McComber, figlia di David Telefilm
1967 - Trettondagsafton Hans Dahlin Viola Telefilm
1969 - Fröken Julie Keve Hjelm Julie Telefilm
1971 - The Dick Cavett Show Jim Mulholland Se stessa Serie Tv
1973 - Makt på spel Staffan Roos - Serie Tv
1974 - After the Fall - Holga Telefilm
1975 - Tre kast - Se stessa Serie Tv
1976 - En daares foersvartal Kjell Grede Siri von Essen Mini serie Tv
1981 - Mon meilleur Noël - La Lumière Mini serie Tv
1981 - Linje lusta Bo Widerberg Blanch DuBois Telefilm
1982 - On sort ce soir - Se stessa Serie Tv
1983 - Savannen Tord Pååg Lydia Telefilm
1985 Wallemberg Wallenberg: A Hero's Story Lamont Johnson Maggiore von Dardel Telefilm
1988 - Måsen Björn Melander Arkadina Telefilm
1990 - Haute tension—Secret de famille - Anne Serie Tv
1991 - Till Julia Margareta Garpe Gloria Telefilm
1993 - Blank päls och starka tassar Arne Hedlund Birgitta Thorell Telefilm
1998 - Längtans bläa blomma Lárus Ýmir Óskarsson Mrs. Tidren Mini serie Tv
2000 - Først & sist Ole Jørgen Grønlund Se stessa Serie Tv
2003 - The Lost Prince Stephen Poliakoff Regina Alexandra Telefilm
2004 - The Return of the Dancing Master Urs Egger Elsa Berggren Telefilm
2007 - Bror & syster Susanna Edwards Zia Majken Serie Tv
2007 - Nyhetsmorgon - Se stessa Serie Tv
2008 - Continuarà... Montse Mompó Se stessa Serie Tv

Speciali[modifica | modifica sorgente]

ANNO TITOLO ITALIANO TITOLO INGLESE TITOLO ORIGINALE REGISTA RUOLO TIPOLOGIA
1979 - - A Look at Liv Richard Kaplan Se stessa Documentario
1986 - - Greta Garbo: The Temptress and the Clown Dan Säll Narratrice Documentario
1993 - - Die Frauen in Ingmar Bergmans Filmen Katja Raganelli Se stessa Documentario
1994 - - Bergman: On Stage Mikael Katzeff Se stessa Documentario
1996 - Lines fro the heart I rollerna tre Christina Olofson Se stessa Documentario
1998 - Little big sister Achot K'tanah Achot G'dolah David Fisher Narratrice Documentario
2000 Light Keeps Me Company Light Keeps Me Company Ljuset håller mig sällskap Carl-Gustav Nykvist Se stessa Documentario
2002 - - Schwestern im Leben Wilfried Hauke Se stessa Documentario
2004 - - Passion of Anna: Disintegration of Passion Greg Carson Se stessa Documentario
2009 Images from the Playground Images from the Playground Bilder från lekstugan Stig Björkman Se stessa Documentario

Radio[modifica | modifica sorgente]

ANNO PROGRAMMA RADIO
1966 Vaentans tider Swedish Radio Theatre

Collaborazioni con Ingmar Bergman[modifica | modifica sorgente]

ANNO TITOLO ITALIANO TITOLO INGLESE TITOLO ORIGINALE RUOLO TIPOLOGIA
1951 - - Bris Soap Commercials Una principessa Pubblicità
1955 Sorrisi di una notte d'estate Smiles of a Summer Night Sommarnattens leende - Film
1956 Enrico XIV Henry XIV Erik XIV Karin Månsdotter Teatro
1957 - - Bakomfilm smultronstället Se stessa Documentario
1957 - Mr. Sleeman Is Coming Herr Sleeman komer Anne-Marie Telefilm
1957 Il settimo sigillo The seventh seal Det sjunde inseglet Mia, moglie di Jo Film
1957 - Peer Gynt Peer Gynt Girl at Saeter Teatro
1957 - The Misanthrope The Misanthrope Éliante Teatro
1957 Il posto delle fragole Wild Strawberries Smultronstället Sara (doppio ruolo) Film
1958 - - Rabies Eivor Telefilm
1958 Il volto The Magician Ansiktet Sara Lindqvist Film
1958 Alle soglie della vita Brink of life Nära livet Hjördis Petterson Film
1958 - The Legend The legend Sagan Teatro
1958 - - Ur-Faust Lieschen Teatro
1958 - The People of Värmland Värmlänningarna Stina Teatro
1960 L'occhio del diavolo The Devil's eye Djävulens Öga Britt-Marie Film
1961 - Playing with Fire Leka med elden Cousin Adèle Teatro
1963 - Pleasure Garden Lustgården Anna, figlia di Fanny Film
1963 Who's Afraid of Virginia Woolf? Who's Afraid of Virginia Woolf? Vem är rädd för Virginia Woolf? Honey Teatro
1964 A proposito di tutte queste...signore Now about these women För att inte tala om alla dessa kvinnor Humlan Film
1966 Persona Persona Persona Infermiera Alma Film
1966 - School for Wives Hustruskolan Agnès Teatro
1966 - The Criticism of the School for Wives Kritiken över Hustruskolan Elise Teatro
1969 Passione The passion En passion Eva Vergerus Film
1971 L'adultera The touch Beröringen Karin Vergerus Film
1973 Scene da un matrimonio Scenes from a marriage Scener ur ett Äktenskap Katrina Film
1975 - Twelfth Night, or What You Will Trettondagsafton Viola Teatro
1988 - Long Day's Journey into Night Lång dags färd mot natt Mary Cavan Tyrone Teatro
1991 - Peer Gynt Peer Gynt Åse Teatro
1994 - Goldberg Variations Goldbergvariationerna Ernestina van Veen Teatro
1994 Sinfonia d'Autunno Autumn Sonata Höstsonaten Paulina Teatro

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

ANNO PREMIO CATEGORIA FILM
1958 Cannes Film Festival Miglior attrice Alle soglie della vita
1963 Berlin International Film Festival Miglior attrice The Mistress
1967 Guldbagge Awards Miglior attrice Persona
1968 BAFTA Awards[2] Miglior attrice straniera Persona
1968 BAFTA Awards Miglior attrice straniera Il letto della sorella
1968 National Society of Film Critics Awards Miglior attrice Persona
1975 National Society of Film Critics Awards Miglior attrice non protagonista Scene da un matrimonio
2001 Guldbagge Awards Miglior attrice non protagonista Det blir aldrig som man tänkt sig
2004 Guldbagge Awards Miglior attrice non protagonista Elina - Som om jag inte fanns

Doppiaggio[modifica | modifica sorgente]

Maria Pia di Meo è stata una delle doppiatrice di Bibi Andersson.

Pubblicazioni[modifica | modifica sorgente]

Nel 1996 Bibi Andersson ha pubblicato la sua autobiografia "Ett ögonblick" (letteralmente "un momento").

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ "Premio dello scarabeo d'oro" (Guldbaggen), il più importante riconoscimento rilasciato in Svezia fin dal 1964 dall'Istituto cinematografico svedese.
  2. ^ British Academy of Film and Television Arts.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 51834074 LCCN: n96101273