Biagio De Giovanni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Curly Brackets.svg
Biagio De Giovanni
Monogramma del Parlamento Europeo
Unione europea
Parlamento europeo
Luogo nascita Napoli
Data nascita 21 dicembre 1931
Partito Partito Comunista Italiano; Partito Democratico della Sinistra; Democratici di Sinistra
Legislatura III, IV
Gruppo Gruppo per la Sinistra Unitaria Europea; Gruppo socialista; Gruppo del Partito del socialismo europeo
Incarichi parlamentari
Presidente della Commissione per gli affari istituzionali
Pagina istituzionale

Biagio De Giovanni (Napoli, 21 dicembre 1931) è un filosofo e politico italiano, parlamentare europeo, già esponente del PCI, del PDS e dei DS. Ha aderito successivamente alla Rosa nel Pugno.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

È stato eletto deputato europeo alle elezioni del 1989, e riconfermato nel 1994, per le liste del PCI e del PDS. È stato presidente della Commissione per gli affari istituzionali, membro della Commissione per la gioventù, la cultura, l'istruzione, i mezzi di comunicazione e lo sport, della Delegazione per le relazioni con l'Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche, della Commissione giuridica e per i diritti dei cittadini, della Delegazione per le relazioni con la Repubblica popolare cinese, della Delegazione per le relazioni con i paesi del Mashrek e gli Stati del Golfo.

Laureatosi in filosofia del diritto, alla facoltà di giurisprudenza all'Università Federico II di Napoli, con una tesi su Giambattista Vico, è stato docente nello stesso ateneo e successivamente ha insegnato presso l'Università di Bari.

È stato poi docente di Dottrine politiche presso l'Università degli Studi di Napoli "L'Orientale" e titolare della cattedra Jean Monnet di Storia e politica dell'integrazione europea presso lo stesso ateneo. Dal 1987 al 1989 è stato anche rettore dell'Orientale.

Attualmente è ancora un intellettuale attivo e interessato alla politica italiana e campana, relatore in diversi seminari e incontri, su temi non solo filosofici, tuttora è continua e proficua la sua produzione pubblicistica.

Opere principali[modifica | modifica sorgente]

  • L'esperienza come oggettivazione: alle origini del problema moderno della scienza, 1962.
  • La teoria politica delle classi nel Capitale, 1976.
  • Hegel e il tempo storico della società borghese, 1976.
  • Marx e la costituzione della praxis, 1984.
  • Marx dopo Marx, con Gianfranco Pasquino, 1985.
  • La nottola di Minerva: PCI e nuovo riformismo, 1989.
  • Dopo il comunismo, 1990.
  • L'ambigua potenza dell'Europa, 2002.
  • Da un secolo all'altro: politica e istituzioni a partire dal 1968, con Ciriaco De Mita e Roberto Racinaro, 2004.
  • La filosofia e l'Europa moderna, 2004.
  • Sul partito democratico. Opinioni a confronto, con Massimo Cacciari e Giuseppe Galasso, 2007.
  • A destra tutta. Dove si è persa la sinistra?, 2009.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Le Forme e la storia. Scritti in onore di Biagio De Giovanni, a cura di M. Montanari, F. Papa, G. Vacca, Napoli, Bibliopolis, 2011 (in appendice Bibliografia di Biagio de Giovanni, a cura di Luca Basile)

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 54160173 SBN: IT\ICCU\CFIV\064516