Bia (mitologia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Bia (in greco βία, "gagliarda") nella mitologia greca è la personificazione della forza e della violenza.

Il mito[modifica | modifica sorgente]

Figlia di Stige, una delle Oceanine, e del Titano Pallante, è la sorella di Cratos (la potenza), di Zelos (l'ardore) e di Nike (la vittoria).

Con i fratelli si alleò con Zeus nella lotta contro i Titani. Viene citata insieme a Cratos da Eschilo nel Prometeo incatenato, dove viene incaricata di incatenare Prometeo ad una rupe. È la guardia del corpo del padre degli dei.

Pareri secondari[modifica | modifica sorgente]

In un'altra versione del mito vediamo Bia e Crato figurano come una sorte di tutori dell'ordine nel regno degli dei.

Rappresentazione[modifica | modifica sorgente]

Viene rappresentata come una donna armata con corazza.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Fonti[modifica | modifica sorgente]

Moderna[modifica | modifica sorgente]

mitologia greca Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca