Bhopal

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il disastro del 1984, vedi disastro di Bhopal.
Bhopal
Corporazione Municipale (Municipal Corporation)
Bhopāl
Bhopal – Veduta
Localizzazione
Stato India India
Stato federato Madhya Pradesh
Divisione Bhopal
Distretto Bhopal
Territorio
Coordinate 23°16′00.12″N 77°24′00″E / 23.2667°N 77.4°E23.2667; 77.4 (Bhopal)Coordinate: 23°16′00.12″N 77°24′00″E / 23.2667°N 77.4°E23.2667; 77.4 (Bhopal)
Altitudine 498[1] m s.l.m.
Superficie 285 km²
Abitanti 1 433 875 (2001)
Densità 5 031,14 ab./km²
Altre informazioni
Lingue urdu, hindi, inglese, marathi
Cod. postale 426001[2]
Prefisso 91-755[3]
Fuso orario UTC+5:30
Targa MP-04
Cartografia
Mappa di localizzazione: India
Bhopal
Sito istituzionale

Bhopal (Bhopāl, भोपाल) è una suddivisione dell'India, classificata come municipal corporation, centrale di 1.433.875 abitanti, capoluogo del distretto di Bhopal e della divisione di Bhopal, nello stato federato del Madhya Pradesh. In base al numero di abitanti la città rientra nella classe I (da 100.000 persone in su)[4].

Bhopal è conosciuta anche con il soprannome di Città dei 7 laghi.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

La città è situata a 23° 16' 0 N e 77° 24' 0 E e ha un'altitudine di 498 m s.l.m.[1], in un'area collinosa (l'altopiano Malwa), che sale verso i monti Vindhya a sud. A ovest si trovano i due laghi Bhoj, laghi artificiali di antica data (dell'XI e del XVIII secolo) appartenenti al bacino del fiume Yamuna, affluente del Gange.

Nel subcontinente indiano, la collocazione di Bhopal è molto favorevole: posizione centrale, comunicazioni agevoli per strada e ferrovia, un aeroporto moderno, risorse abbondanti di elettricità e di acqua, nonché di mano d’opera.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Il clima di Bhopal è temperato caldo, con estati calde e inverni freschi. Esiste una ben definita stagione delle piogge, ma la piovosità non è particolarmente elevata.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Periodo precoloniale[modifica | modifica wikitesto]

La fondazione di Bhopal viene attribuita al re di Parmara, Bhoj (1000-1055), e il suo nome era originariamente Bhojpal, dal nome di quel sovrano e dalla parola indiana pal, diga. Infatti, il re creò un lago artificiale sbarrando con una diga di terra il corso del fiume Kolans, e nei pressi fondò la città.

Nel Seicento la città faceva parte dell'Impero Moghul, che si estendeva a gran parte dell'India ed era guidato da una classe dirigente di religione islamica ma di idee moderate e tolleranti.

Già ai primi del Settecento la città si era arricchita di magnifici palazzi, moschee, e altre bellezze architettoniche. Nel 1724 divenne il cuore di uno regno musulmano creato dal generale (sardar) afgano Dost Mohammed Khan approfittando dell'indebolimento dell'Impero Moghul. Per diversi anni il regno fu indipendente dall'Impero solo di fatto, ma non formalmente.

La capitale, inizialmente posta in una cittadina minore, fu trasferita a Bhopal qualche anno dopo.

Periodo coloniale e post-coloniale[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Bhopal (stato).

Nel 1818 il regno di Bhopal divenne un principato nell'ambito dell'India britannica, e si distinse per la ricca cultura musulmana, le tradizioni di tolleranza, le istituzioni progressiste.

Tutto questo avvenne in particolare grazie al governo di quattro sovrane musulmane (Begum, 1819-1926), le quali, proponendosi di educare il popolo, avevano imposto l’istruzione primaria gratuita per tutti e favorito l’emancipazione delle donne. Letteratura, poesia, pittura e musica erano le più importanti forme d’aggregazione della popolazione.

Dopo l'indipendenza dell'India, lo stato di Bhopal divenne uno degli stati della federazione. Nel 1956, nel quadro di una riorganizzazione generale della federazione, lo stato fu sostituito dal nuovo, più vasto stato del Madhya Pradesh, di cui Bhopal è capitale.

L'incidente del 1984[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Disastro di Bhopal.

Il 2 dicembre 1984 avvenne a Bhopal un terribile incidente industriale, che provocò diverse migliaia di morti. Da una fabbrica di fitofarmaci di proprietà della multinazionale statunitense Union Carbide si sviluppò una nube di isocianato di metile, che si espanse su una zona densamente popolata. I morti sul momento furono circa 3000, ma il bilancio sale oltre i 15000 se si contano coloro che morirono nel periodo seguente per le conseguenze dell'intossicazione. Contando anche i sopravvissuti, sia con danni permanenti che con lesioni solo temporanee, il numero di intossicati sarebbe compreso, secondo le varie fonti, tra 150.000 e oltre 600.000. La società responsabile del disastro era all'epoca una filiale del gruppo Union Carbide; in seguito Union Carbide vendette la filiale ad una società indiana, e successivamente la Union Carbide stessa fu rilevata dalla Dow Chemical, società americana tra i maggiori produttori del settore chimico.

Demografia[modifica | modifica wikitesto]

Al censimento del 2001 la popolazione di Bhopal assommava a 1.433.875 persone, delle quali 755.685 maschi e 678.190 femmine. I bambini di età inferiore o uguale ai sei anni assommavano a 203.348, dei quali 105.034 maschi e 98.314 femmine. Infine, coloro che erano in grado di saper almeno leggere e scrivere erano 985.956, dei quali 559.245 maschi e 426.711 femmine.[5]

Le lingue più diffuse sono l'urdu (che era anche la lingua della classe dirigente dello stato di Bhopal), l'hindi e anche l'inglese. Una minoranza significativa parla marathi.

La religione più diffusa a Bhopal è tradizionalmente l'Islam, ma esistono oggi significative presenze di altre religioni, in particolare l'induismo.

Povertà[modifica | modifica wikitesto]

I bambini dei marciapiedi, per la maggior parte senza parenti, hanno un’età compresa fra i cinque e i diciotto anni. Soffrono fra l’altro di denutrizione, di gravi malattie della pelle e di pesanti problemi psicologici. Tra di loro ci sono bambini con problemi di tossicodipendenza, che vengono costretti a prostituirsi.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Bhopal, oltre alla sua grande cultura, era una cittadina ricca di piccoli artigiani, famosi in tutta la regione per le loro lavorazioni. Quasi tutti si trovavano nella zona nord della città, la più povera, ma ciò non spaventava i clienti, soprattutto ricche signore della "Bhopal bene".

Ancora oggi, l'oreficeria è una delle attività economiche importanti di Bhopal.

Accanto a questa tradizione artigianale, si è sviluppata un'attività industriale favorita dalla collocazione geografica della città.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Falling Rain Genomics, Inc, Bhopal, India Page. URL consultato l'11 luglio 2008.
  2. ^ (EN) India Post, Pincode search - Bhopal. URL consultato il 28 luglio 2008.
  3. ^ (EN) Bharat Sanchar Nigam Ltd, STD Codes for cities in Madhya Pradesh. URL consultato il 28 luglio 2008.
  4. ^ (EN) Census of India, Alphabetical list of towns and their population - Madhya Pradesh (PDF). URL consultato il 21 maggio 2008.
  5. ^ (EN) Census of India 2001, Population, population in the age group 0-6 and literates by sex - Cities/Towns (in alphabetic order): 2001. URL consultato il 20 giugno 2008.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Jean De Maleissye, Storia dei veleni - Da Socrate ai giorni nostri, Bologna, Odoya. 2008 ISBN 978-88-6288-019-0
  • Dominique Lapierre e Javier Moro, "Mezzanotte e cinque a Bhopal", Oscar Mondadori. 2009 ISBN 978-88-04-51452-7

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

India Portale India: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di India