Esercito dell'India

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Bhāratīya Thalsēnā)
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Bhāratīya Thalsēnā
Indian Army
La bandiera dell'esercito indiano
La bandiera dell'esercito indiano
Descrizione generale
Attiva 1947 - oggi
Nazione India India
Servizio Bhāratīya Saśastra Sēnāēṃ
Tipo esercito
Dimensione 1.100.000 uomini in servizio attivo
960.000 uomini nel personale di riserva
Quartier Generale Headquarters, Indian Army, New Delhi
Battaglie/guerre Guerre indo-pakistane: Guerra di Corea
Invasione di Goa
Guerra sino-indiana
Operazione Cactus
Missioni di peacekeeping Indian Peace Keeping Force
UNIFIL
UNAVEM I - II - III
UNOSOM
UNAMIR
UNMIBH
UNMIH
ed altre...
Anniversari 15 gennaio (Indian Army Day)
Sito internet Indian Army official website
Comandanti
Capo di stato maggiore generale Vijay Kumar Singh

fonti citate nel corpo del testo

Voci su unità militari presenti su Wikipedia

Bhāratīya Thalsēnā (Devanagari: भारतीय थलसेना) - Indian Army in inglese (abbreviato in IA), è l'esercito dell'India. È la componente con l'organico maggiore tra le forze armate indiane e ha il compito principale di condurre operazioni militari di terra. Secondo alcune fonti, sarebbe l'esercito più numeroso al mondo.

L'esercito Indiano detiene circa 3.800.000 integranti di vario genere (1.300.000 titolari, 1.200.000 riserve e 1.300.000 paramilitari). È un servizio militare totalmente volontario, dato che il servizio di leva non è mai stato istituito in India. L'esercito ha una grande esperienza in diversi tipi di terreni, dato che l'India ha grandi differenze in questo aspetto sul suo territorio nazionale, e ha acquisito una discreta storia di utilizzo da parte delle Nazioni Unite nelle loro operazioni di pace.

La forza è comandata dal Capo di Stato Maggiore, al momento il Generale Vijay Kumar Singh. Il grado più alto nell'Esercito Indiano è Maresciallo di Campo, ma è un grado onorario e può concederlo solo il Presidente dell'India e solamente in circostanze eccezionali. (Vedi Maresciallo di Campo (India)). I Generali Sam Manekshaw e Kodandera Madappa Cariappa sono i soli due ufficiali che hanno raggiunto questo grado. Dato che il Maresciallo di Campo è un grado onorario, i Marescialli di Campo sono gli unici ufficiali che non si ritirano mai dalla carica.

Ruolo[modifica | modifica sorgente]

Agni-II (2004)

La dottrina dell'Esercito Indiano ne definisce il ruolo come

« "L'Esercito Indiano è la componente terrestre delle Forze Armate Indiane, che esistono per sostenere gli ideali della Costituzione Indiana. In quanto rilevante componente del potere nazionali, insieme con la Marina Indiana e l'Aeronautica Militare Indiana, i ruoli dell'Esercito Indiano sono i seguenti:
  • Ruolo Primario: preservare gl'interessi nazioni e salvaguardare la sovranità, l'integrità territoriale e l'unità dell'India contro ogni minaccia esterna, attraverso la deterrenza o la guerra.
  • Ruolo Secondario: assistere gli enti Governativi a risolvere i rispettivi conflitti di attribuzione e ogni altra minaccia interna e fornire aiuto all'autorità civile quando richiesta a tal fine[1]»

Storia[modifica | modifica sorgente]

Questa voce tratta dell'Esercito Indiano moderno. Per l'Esercito prima dell'Indipendenza, nel 1947, fare riferimento ad Esercito nazionale indiano e Esercito dell'India Britannica

Non appena l'India ottenne l'Indipendenza, nel 1947, l'Esercito dell'India Britannica fu diviso in due parti, per servire le nazioni, appena create, dell'Unione Indiana e della Repubblica Islamica del Pakistan. Molte unità furono destinate all'India, le restanti al Pakistan. Alcune unità Gurkha furono ritenute nell'Esercito Britannico

La prima guerra del Kashmir[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Conflitto del Kashmir.

Quasi immediatamente dopo l'Indipendenza, le tensioni fra l'India ed il Pakistan cominciarono a degenerare. Fu così che la prima di tre guerre totali fra le due Nazioni scoppiò in relazione alla Principato del Kashmir. A seguito della riluttanza del Maharaja del Kashmir di accedere sia all'uno sia all'altro Stato, un impaziente Pakistan sponsorizzò l'idea di un'invasione tribale di parti del Kashmir. Stando alla lettura che l'India ne dà, fra questi erano compresi anche membri regolari dell'Esercito Pakistano. Poco più tardi, il Pakistan inviò le proprie truppe per annettere lo Stato.
Il Maharaja, Hari Singh, si appellò all'India ed a Lord Mountbatten -- il Governatore Generale --, chiedendo aiuto, ma gli fu risposto che l'India non vedeva alcuna ragione per intervenire. Fu così che il Maharaja firmò l'Atto di Accessione ed il Kashmir, unilateralmente, entrò a far parte dell'Unione Indiana (una decisione, successivamente, ratificata dalla Gran Bretagna, ma mai accettata dal Pakistan). Immediatamente dopo, le truppe indiane furono aviotrasportate a Srinagar e, in una famosa operazione, rintuzzarono gli invasori. Una guerra intensa fu combattuta da un capo all'altro del Paese e quelli che erano stati colleghi si ritrovarono a combattere su due fronti opposti. Entrambi gli Stati riuscirono ad assicurarsi alcuni territori, ma subirono perdite significative.

Una non facile pace, sponsorizzata dalle Nazioni Unite fece tornare alla pace i due contendenti per la fine del 1948, con i Soldati Indiani e Pakistan a fronteggiarsi direttamente sulla Linea di controllo che, da allora, divide il Kashmir in due zone. Le tensioni fra l'India ed il Pakistan, soprattutto con riguardo al Kashmir, non sono mai state totalmente eliminate da allora.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Indian Army doctrine

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

India Portale India: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di India