Betty Ford

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Betty Ford
Foto ufficiale della Casa Bianca, 1974

Foto ufficiale della Casa Bianca, 1974


First lady degli Stati Uniti d'America
Durata mandato 9 agosto 1974 – 20 gennaio 1977
Predecessore Pat Nixon
Successore Rosalynn Carter

Second lady degli Stati Uniti d'America
Durata mandato 6 dicembre 1973 – 9 agosto 1974
Predecessore Judy Agnew
Successore Happy Rockefeller

1st Chair of the Board,
Betty Ford Center
Durata mandato 1982–2005
Successore Susan Ford

Elizabeth Ann Bloomer Warren Ford (Chicago, 8 aprile 1918Rancho Mirage, 8 luglio 2011) è stata la moglie di Gerald Ford, trentottesimo presidente degli Stati Uniti d'America.

Meglio conosciuta con il nome di Betty Ford, fu First lady degli Stati Uniti d'America dal 1974 al 1977.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Unica figlia (la coppia ebbe tre figli) di William Stephenson Bloomer senior (19 luglio 1874 - 18 luglio 1934), e Hortense Neahr (11 luglio 1884 - 20 novembre 1948).

Studiò danza prima al Calla Travis Dance Studio (1926-1935) e poi con Hanya Holm e Martha Graham negli anni 1937-1938 al Bennington College,[1] fu modella per l'agenzia di John Robert Powers.

Nel 1942 sposò William Gustavas Warren ma divorziarono nel 22 settembre 1947 senza avere figli. il 15 ottobre 1948 sposò Gerald Ford da cui ebbe 4 figli:

Per quanto riguarda l'impegno sociale fu molto attiva per l'eguaglianza dei diritti promuovendo l'Equal Rights Amendment cercandone di accelerare i tempi per l'approvazione, con il quorum stabilito, prima che scadessero i termini.[2]

Fu ricoverata nel 1978 al Long Beach Naval Hospital, per liberarsi dalla dipendenza di oppioidi e analgesici, e nel 1982 fondò con l'ex ambasciatore Leonard Firestone il Betty Ford Center.

Nel 1987 le fu impiantato un by-pass coronarico e rimasta vedova, nel 2006, iniziò ad avere seri problemi di salute tanto che nel 2006 e nel 2007 fu operata per coaguli di sangue nelle gambe. A causa delle difficoltà di deambulazione e non poté partecipare al funerale della moglie del presidente Johnson Claudia detta "Lady Bird" ma fu costretta a mandare i figli in sua rappresentanza, limitandosi a delle condoglianze telefoniche. È scomparsa nel 2011 all'età di 93 anni.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Della sua esperienza alla Casa Bianca parla il film del 1987 All'ombra della Casa Bianca di David Greene, con Gena Rowlands e Josef Sommer, tratto dalla sua autobiografia The times of my life.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Presidential Medal of Freedom - nastrino per uniforme ordinaria Presidential Medal of Freedom

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) First Lady Biography: Betty Ford
  2. ^ S. Ashley Jeffrey, Betty Ford: a symbol of strength, pag 94, Nova Publishers, 2003, ISBN 978-1-59033-407-2.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 84478887 LCCN: n50024808

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie