Betsy Drake

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Betsy Drake nel film Ogni ragazza vuol marito (1948)

Betsy Drake (Parigi, 11 settembre 1923) è un'attrice cinematografica e scrittrice statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Betsy Drake nacque a Parigi nel 1923 da famiglia agiata (il nonno Tracy Drake costruì il Drake Hotel di Chicago). Allo scoppio della crisi economica del 1929, i Drake furono costretti a rientrare negli Stati Uniti per fronteggiare i loro problemi finanziari, e Betsy crebbe dapprima a Chicago, poi a Wesport (Connecticut), quindi a Washington e New York. Durante l'infanzia e la giovinezza frequentò scuole sia pubbliche che private, iniziando a interessarsi alla recitazione mentre studiava al college di Rock Creek Park nel Maryland.

Trasferitasi a New York, iniziò a lavorare come modella ed ottenne i primi ingaggi come attrice teatrale, in particolare grazie all'incontro con il drammaturgo Horton Foote, che le offrì un ruolo nella propria pièce Only the Heart. Notata dal produttore cinematografico Hal B. Wallis, la Drake firmò un contratto per trasferirsi a Hollywood ma lo rescisse subito dopo per rientrare a New York e continuare la carriera sul palcoscenico. Nel 1947 si unì alla London Company per interpretare in Inghilterra il ruolo di protagonista in Deep are the Roots, un dramma americano sul problema razziale negli stati del Sud, che era stato portato al successo a Broadway da Barbara Bel Geddes[1]. Mentre recitava al West End, sotto la direzione del regista Elia Kazan, la Drake venne notata dal celebre attore hollywoodiano Cary Grant, che si trovava in quel momento a Londra. I due vennero presentati dall'attrice Merle Oberon mentre facevano entrambi ritorno negli Stati Uniti a bordo della Queen Mary[2].

Colpito dal fascino e dall'intelligenza della Drake e dalla sua interpretazione teatrale[1], Grant le propose di tentare nuovamente la carriera cinematografica e la presentò a produttori del calibro di David O. Selznick e Dore Schary, facendole ottenere un contratto con la casa produttrice RKO[1]. L'attrice debuttò nella commedia Ogni ragazza vuol marito (1948), in cui ebbe come partner proprio Cary Grant, ottenendo lusinghieri consensi da parte della critica[3]. I due attori si sposarono il giorno di Natale del 1949 a Phoenix (Arizona), con una cerimonia privata organizzata dal testimone di nozze di Grant, il produttore Howard Hughes[4], e lavorarono di nuovo insieme in Mr. and Mrs. Blandings, una serie radiofonica ispirata alla coppia di coniugi protagonista del film La casa dei nostri sogni (1948), interpretata poco tempo prima da Grant. Nel frattempo la Drake apparve in altre pellicole di diverso genere, come la romantica commedia musicale Ho incontrato l'amore (1949), al fianco di William Powell, e il melodramma La seconda moglie (1950), accanto a Robert Young.

Nel 1952 tornò a recitare al fianco di Cary Grant in un'altra pellicola brillante, C'è posto per tutti (1952), ma la sua attività sul grande schermo rimase sporadica durante tutto il decennio. Nel 1956 l'attrice, di ritorno da una visita a Grant sul set spagnolo del film Orgoglio e passione (1957), rimase coinvolta nel naufragio del transatlantico italiano Andrea Doria, avvenuto al largo di Nantucket (Massachusetts) ad opera della Stockholm, e fu tra i passeggeri sopravvissuti e tratti in salvo dalla nave francese Île de France[5]. La Drake tornò sul grande schermo l'anno successivo con un ruolo di co-protagonista nella commedia brillante La bionda esplosiva (1957), interpretata da Jayne Mansfield e Tony Randall.

Nel 1958 il matrimonio della Drake con Grant si concluse con una separazione consensuale[6], mentre il divorzio sarebbe stato pronunciato quattro anni più tardi, nel 1962[7]. Nello stesso anno l'attrice si trasferì in Inghilterra per partecipare a due pellicole di produzione britannica, il thriller Decisione di uccidere (1958), accanto a Richard Todd, e la commedia Next to No Time (1958), al fianco di Kenneth More. Ebbe ancora un ruolo televisivo di rilievo nel 1959, in un episodio della serie Ricercato vivo o morto, interpretata dall'allora emergente Steve McQueen, e apparve per l'ultima volta sul grande schermo in una commedia per ragazzi, Clarence, il leone strabico (1965), diretta da Andrew Marton. Abbandonata del tutto la recitazione, la Drake rivolse i propri interessi artistici verso altre attività, prima fra tutte quella di scrittrice. Nel 1971, con il nome di Betsy Drake Grant, pubblicò infatti la novella Children You Are Very Little, mentre negli anni successivi lavorò regolarmente come psicoterapeuta in diverse strutture ospedaliere psichiatriche di Los Angeles. La sua sola riapparizione sulle scene, nel ruolo di se stessa, risale al 2005 nel documentario Cary Grant: A Class Apart, dedicato all'indimenticabile attore.

Dal matrimonio con Cary Grant la Drake non ebbe figli e dopo il divorzio non si risposò più. È madrina di Tessa Dahl, figlia dell'attrice Patricia Neal e dello scrittore Roald Dahl, e di Tracy Granger, figlia degli attori Jean Simmons e Stewart Granger.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Jerry Vermilye, Cary Grant, Milano Libri Edizioni, 1982. pag. 104
  2. ^ Richard Torregrossa, Cary Grant, a celebration of style, Bulfinch, 2006, pag. 100
  3. ^ Jerry Vermilye 1982, pag. 105
  4. ^ Jerry Vermilye 1982, pag. 109-110
  5. ^ Jerry Vermilye 1982, pag. 117-118
  6. ^ Jerry Vermilye 1982, pag. 119
  7. ^ Jerry Vermilye 1982, pag. 128

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 53821229 LCCN: no2002069951