Betio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Betio
Cannoni giapponesi residuato bellico della Seconda Guerra Mondiale
Cannoni giapponesi residuato bellico della Seconda Guerra Mondiale
Geografia fisica
Localizzazione Oceano Pacifico
Coordinate 1°21′25″N 172°55′49″E / 1.356944°N 172.930278°E1.356944; 172.930278Coordinate: 1°21′25″N 172°55′49″E / 1.356944°N 172.930278°E1.356944; 172.930278
Arcipelago Isole Gilbert
Geografia politica
Stato Kiribati Kiribati
Cartografia
Tarawa map w.jpg
Mappa di localizzazione: Kiribati
Betio

[senza fonte]

voci di isole delle Kiribati presenti su Wikipedia

Betio è un'isoletta situata nell'angolo sud-ovest dell'atollo di Tarawa, facente parte dell'arcipelago delle Isole Gilbert, nella Repubblica di Kiribati. Su di essa sorge il porto più importante dell'atollo.

Mappa di Betio della Seconda guerra mondiale (si notano la pista di atterraggio ed il pontile costruiti dai giapponesi)

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Betio è conosciuta soprattutto perché è stata il teatro della sanguinosa Battaglia di Tarawa durante la Seconda guerra mondiale. Vi si trovano ancora relitti risalenti all'invasione giapponese ed al successivo attacco americano del novembre 1943. La pista di atterraggio giapponese, obiettivo dell'attacco, non esiste più, ma la sua estensione si può ancora intuire al giorno d'oggi osservando le palme che crescono meno rigogliose su di essa. Rimangono inoltre diversi bunker e parecchi rottami di equipaggiamento militare, oltre a ordigni inesplosi sparsi su tutta l'isola e sulle scogliere circostanti. Vi sono anche sepolte le salme di diversi soldati americani e giapponesi.

Una drammatica immagine della Battaglia di Tarawa

Quest'isoletta fu anche il luogo del massacro, avvenuto prima dello sbarco americano, in cui vennero decapitati dei civili neozelandesi e figiani ad opera dei giapponesi[1]. Tale massacro potrebbe essere stato compiuto come rappresaglia per l'assistenza alla fuga di alcuni marinai del mercantile Niminoa (o Nimanoa)[2]. Questi marinai erano stati catturati dai giapponesi all'inizio della Guerra del Pacifico, dopo che ebbero autoaffondato la loro nave per evitare che venisse usata dagli invasori[3]. Il relitto parzialmente sommerso del Niminoa sarebbe poi stato usato dai giapponesi come una postazione di mitragliatrici contro le forze di invasione americane[3]. Le notizie del massacro furono tenute segrete dalle autorità britanniche del tempo per evitare che i governi della Nuova Zelanda e delle Figi informassero le famiglie delle vittime.

A partire dagli anni settanta Betio, essendo il centro dell'attività economica di Kiribati, diventò sempre più popolosa, e la costruzione di una strada sopraelevata che la collega a Bairiki, all'inizio degli anni ottanta, diede un'ulteriore spinta al fenomeno. L'isoletta ha una densità di popolazione simile a quella di Hong Kong ed è l'agglomerato urbano più densamente popolato di tutte le isole del Pacifico, superando i 20.000 abitanti[4].

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Sia il prologo che l'ultima missione dello sparatutto in prima persona Medal of Honor: Pacific Assault sono ambientati durante la Battaglia di Tarawa, dove il giocatore veste i panni di un Marine statunitense. Nel gioco compaiono sia il relitto della Niminoa che il pontile che i giapponesi costruirono sul lato nord dell'isoletta.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Australian National Archives; Report on Japanese atrocities at Tarawa, Gilbert and Ellice Islands (execution of European prisoners at Betio, Tarawa on or about 15 October 1942), compiled by Major DCI Wernham, District Officer, Gilbert Islands, supplied to Australian government by High Commissioner for the Western Pacific, February 1944
  2. ^ (EN) Jane Resture, War in the Pacific. URL consultato il 26-09-2009.
  3. ^ a b (EN) Scuttled Ship "Niminoa" in Tarawa on the Web – The Assault of the Second Marine Division on Betio Island, Tarawa Atoll, 20-23 November, 1943. URL consultato il 26-09-2009.
  4. ^ (EN) Dev Nadkarni, An ailing island in the sun in NZ Herald, 25 ottobre 2008. URL consultato il 26-09-2009.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

geografia Portale Geografia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di geografia