Bestia Pitta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pictish Beast.svg
ElginBeast.jpg

La Bestia Pitta (a volte detta anche Drago Pitto o Elefante Pitto) è una rappresentazione artistica di un animale, rappresentata su pietre con simboli pitti. Non è facilmente identificabile con un qualsiasi altro animale reale, ma può somigliare a un ippocampo, specialmente quando è rappresentato in posizione eretta. Le evocazioni fantasiose vi hanno incluso anche un delfino, un kelpie (spirito maligno delle acque), (o Each Uisge) o anche il Mostro di Loch Ness.

Recenti congetture hanno dato adito a una correlazione con il progetto di fermagli dragoneschi, pezzi di gioielleria a forma di S della metà del primo al secondo secolo che raffigurano animali a doppia testa con musi a spirale e orecchie particolari. Questi sono stati trovati nel sud della Scozia e nel nord dell'Inghilterra. La più determinante attestazione di ciò è la presenza sulla seconda pietra di Mortlach di un simbolo molto simile a tale fermaglio.

La Bestia Pitta comprende approssimativamente 2 parti su 5 di tutta la rappresentazione animale Pitta, e da ciò si deduce ovviamente la sua grande rilevanza. Si è pensato che fosse un importante figura nella mitologia dei Pitti, e/o un simbolo politico.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Jones, Duncan, A Wee Guide to The Picts, (Musselburgh, 2003)
  • (EN) Cessford, Craig, The Heroic Age: A Journal of Medieval Northwestern Europe, issue 8 (2005) ISSN 1526-1857

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]