Bertoldo, Bertoldino e Cacasenno (film 1954)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bertoldo, Bertoldino e Cacasenno
Titolo originale Bertoldo, Bertoldino e Cacasenno
Paese di produzione Italia
Anno 1954
Durata 90 min
Colore B/N
Audio sonoro
Genere comico, commedia
Regia Mario Amendola, Ruggero Maccari
Soggetto Giulio Cesare Croce (racconti)
Sceneggiatura Mario Amendola, Ruggero Maccari
Produttore Felix Nova
Distribuzione (Italia) Minerva
Fotografia Alvaro Mancori
Montaggio Nino Baragli
Musiche Franco D'Achiardi
Scenografia Giancarlo Bartolini Salimbeni
Interpreti e personaggi

Bertoldo, Bertoldino e Cacasenno è un film del 1954, diretto da Mario Amendola e Ruggero Maccari. Il film è un remake del precedente girato nel 1936.

Trama[modifica | modifica sorgente]

La storia è ambientata in un Medioevo pittoresco ma molto rozzo. Il villano brutto e volgare Bertoldo è invitata alla corte di un re di una piccola provincia, perché deve impedire le nozze della figlia con un imbroglione di nome Lord Wilmore.
Bertoldo si fa aiutare nell'impresa dal figlio Bertoldino (sciocco anche lui) e dal nipote Cacasenno (chiamato così per aver defecato sulla testa del nonno durante il battesimo). Dopo tante peripezie e dabbenaggini, i tre contadini riusciranno ad impedire con buffi stratagemmi le nozze tra i due nobili. Infatti la principessa andrà in sposa al cantore Brunetto, uomo colto, giovane e bello, di cui la nobildonna era innamorata da tempo.

Incassi[modifica | modifica sorgente]

Incasso accertato sino a tutto il 31 marzo 1959 Lit 60.278.090

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema