Bert Jansch

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Bert Jansch
Bert Jansch dal vivo a Seattle nel 2007
Bert Jansch dal vivo a Seattle nel 2007
Nazionalità Scozia Scozia
Genere Folk
Periodo di attività 1965-2011
Strumento Chitarra
Etichetta Transatlantic
Gruppo attuale Pentangle
Album pubblicati 13 in gruppo
38 da solista
Studio 23
Live 8
Raccolte 13 in gruppo
7 da solista
Sito web

Herbert Jansch (meglio conosciuto come Bert Jansch) (Glasgow, 3 novembre 19435 ottobre 2011[1][2]) è stato un chitarrista scozzese, dedito soprattutto alla musica folk e al blues.

È stato membro fondatore dei Pentangle. Negli anni sessanta ha subito l'influenza del chitarrista Davey Graham e della cantante folk Anne Briggs. È conosciuto soprattutto per l'innovativo stile chitarristico, ma è anche cantante e cantautore.

La sua opera ha influenzato artisti come Bernard Butler, Jimmy Page, Ian Anderson, Nick Drake, Donovan, Johnny Marr (chitarrista degli Smiths) e Neil Young. La sua instancabile opera di rielaborazione di materiale folk britannico anglosassone gli è valsa il premio Lifetime Achievement Award dalla BBC (2001).

I primi anni[modifica | modifica wikitesto]

Jansch nasce allo Stobhill Hospital di Glasgow, ma cresce a Edimburgo, dove frequenta la Pennywell Primary School e la Ainsley Park Secondary School. È un teenager quando acquista la prima chitarra e inizia a frequentare il folk club locale The Howff, gestito da Roy Guest. Vi incontra Archie Fisher e Jill Doyle (sorellastra di Davey Graham), che lo introduce alla musica di Big Bill Broonzy, Pete Seeger, Brownie McGhee e Woody Guthrie. Ha anche occasione di incontrare Robin Williamson (che fonderà poi l'Incredible String Band), con cui, nel 1963, viaggia verso Londra.

Per la pronuncia del nome Jansch[modifica | modifica wikitesto]

Jansch stesso pronuncia il proprio cognome 'Jansh' [dʒænʃ] (così come si usa in Scozia), per quanto venga più spesso pronunciato 'Yansh' [jænʃ]. Quest'ultima pronuncia è stata adottata dai suoi due figli, Kieron e Adam.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album[modifica | modifica wikitesto]

Singoli/EP[modifica | modifica wikitesto]

  • 1966 Needle of Death (EP)
  • 1967 Life Depends on Love/A Little Sweet Sunshine
  • 1973 Oh My Father/The First Time I Ever Saw Your Face
  • 1974 In The Bleak Midwinter/One For Jo (non-album A-side)
  • 1975 Dance Lady Dance/Build Another Band
  • 1978 Black Birds of Brittany/The Mariner's Farewell
  • 1980 Time and Time/Una Linea Di Dolcezza
  • 1982 Heartbreak Hotel/Up To The Stars
  • 1985 Playing the Game/After the Long Night
  • 2003 On the Edge of a Dream/Walking This Road/Crimson Moon

Compilation[modifica | modifica wikitesto]

  • 1969 Bert Jansch: The Bert Jansch Sampler
  • 1972 Box Of Love: The Bert Jansch Sampler Volume 2
  • 1986 Strolling Down The Highway
  • 1992 The Gardener: Essential Bert Jansch
  • 1993 Three Chord Trick
  • 2000 Dazzling Stranger: The Bert Jansch Anthology

Live[modifica | modifica wikitesto]

  • 1980 Bert Jansch Live at La Foret (pubblicato solo in Giappone)
  • 1993 BBC Radio 1 Live in Concert
  • 1996 Live at the 12 Bar:An Authorised Bootleg
  • 1997 Blackwaterside
  • 1998 Young Man Blues
  • 2001 Downunder: Live in Australia
  • 2004 The River Sessions
  • 2007 Fresh As a Sweet Sunday Morning (Live 2006)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Notizia della morte su giornaledellamusica.it.
  2. ^ (EN) Derek Schofield, Bert Jansch obituary, guardian.co.uk, 5 ottobre 2011.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Doug Kennedy, The Songs and Guitar Solos of Bert Jansch, New Punchbowl Music, 1983
  • Colin Harper, Dazzling Stranger: Bert Jansch and the British Folk and Blues Revival, Bloomsbury, 2000, ISBN 0-7475-5330-0 (pbk).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 18139847 LCCN: n92018704

Rock progressivo Portale Rock progressivo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock progressivo