Berliner Weisse

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Un bicchiere di Berliner Weisse aromatizzata con lo sciroppo di lampone

Berliner Weisse (in tedesco Berliner Weiße) è una birra di frumento ad alta fermentazione dal gusto acido e a bassa gradazione. Il termine è un marchio registrato protetto dalla Associazione dei Birrai di Berlino. [1] Ha un grado alcolico di circa il 2,8 %[2]. e un colore scuro lattiginoso. La temperatura di servizio consigliata è di 8-10 °C. Spesso è addolcita con sciroppo di lampone (di colore rosso) o di asperula (di colore verde).

Le prime produzioni risalgono al sedicesimo secolo nelle regioni della Germania Settentrionale e in particolare a Berlino ha avuto un ruolo primario[3]. Ebbe il suo periodo di maggior diffusione nel diciannovesimo secolo quando la Berliner Weisse era la bevanda alcolica più popolare di Berlino e veniva venduta in circa 700 birrerie cittadine.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La maggior parte degli esperti di birra fa risalire le sue origini ad una birra che veniva prodotta ad Amburgo e che fu imitata e sviluppata dal mastro birraio del XVI secolo Cord Broihan.[4] La birra di Broihan, divenne molto popolare. Il grado alcolico tipico si attesta attorno al 3% vol, anche se il suo valore può variare. Tradizionalmente, quelle prodotte in Marzo sono più forti e vengono fatte maturare nei mesi estivi.

Produzione[modifica | modifica sorgente]

I metodi birrari moderni usano frumento in basse proporzioni, generalmente dal 25% al 50%, e deliberatamente creano una acidità sia attraverso una seconda fermentazione in bottiglia (Jackson suggerisce che le bottiglie tradizionali venivano sotterrate nella "terra calda" per diversi mesi), sia con l'aggiunta di Lactobacillus.[4] Documentazioni dei primi del diciannovesimo secolo indicano che la birra era prodotta con cinque parti di frumento e una parte di orzo e bevuta giovane, con poche indicazioni di come veniva prodotta l'acidità.[5]

Marchi[modifica | modifica sorgente]

Berliner Weisse aromatizzata con asperula

A Berlino, nel diciannovesimo secolo, la Berliner Weisse era la bevanda alcolica più popolare e veniva prodotta in circa 700 birrerie. Negli ultimi anni del ventesimo secolo rimasero solo due birrifici che continuavano la produzione a Berlino, più qualche altro sparso in Germania. I due birrifici di Berlino, Berliner Kindl[6] e Schultheiss,[7] sono stati entrambi acquisiti dal Oetker Group e l'unico marchio prodotto ancora a Berlino è il Berliner Kindl Weisse.[8]

Degustazione[modifica | modifica sorgente]

La Berliner Weisse è solitamente servita in un bicchiere a boccia[9] con sciroppi aromatizzati,[10] come lamponi (Himbeersirup), o asperula (Waldmeistersirup).[10] La birra può anche essere miscelata con altre bevande, come la lager chiara, in modo da bilanciare l'acidità[10]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Aktenzeichen 1113176. Deutsches Patent und Markenamt
  2. ^ Michael Jackson's Beer Hunter - Beer Styles: Berliner Weisse, www.beerhunter.com. URL consultato il 7 agosto 2009.
  3. ^ The dictionary of beer and brewing - Google Books, books.google.co.uk. URL consultato il 7 agosto 2009.
  4. ^ a b The world guide to beer, Michael Jackson, Mitchell Beazley, 1977, page 56 - "Berliner Weisse", ISBN 0855331267
  5. ^ The art of brewing - Google Books, books.google.co.uk. URL consultato il 7 agosto 2009.
  6. ^ Berliner Kindl Brauerei (Oetker Group), www.berliner-kindl.de. URL consultato il 29 ottobre 2009.
  7. ^ Schultheiss (Oetker Group), schultheiss.de. URL consultato il 29 ottobre 2009.
  8. ^ Berlin Breweries, www.europeanbeerguide.net. URL consultato il 7 agosto 2009.
  9. ^ The rough guide to Germany - Google Books, books.google.co.uk. URL consultato il 7 agosto 2009.
  10. ^ a b c The World Guide to Beer, Michael Jackson, Mitchell Beazley, ISBN 0855331267

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • The World Guide to Beer, Michael Jackson, Mitchell Beazley, 1977, page 56 - "Berlner Weisse", ISBN 0855331267
  • Die Biere Deutschlands, 1988, by Dietrich Höllhuber and Wolgang Kaul, pag. 340.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]