Bensen X-25

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bensen X-25
foto dell' X-25 in volo
foto dell' X-25 in volo
Descrizione
Equipaggio 1
Costruttore Stati Uniti Bensen
Data primo volo 5 giugno 1968
Data entrata in servizio 1968
Data ritiro dal servizio 1968
Sviluppato dal Bensen B-8
Dimensioni e pesi
Lunghezza 3,45 m[1]
Altezza 1,90 m[1]
Diametro rotore 6,68 m[1]
Peso a vuoto 57 kg[1]
Propulsione
Motore McCulloch (motore a pistoni, 4 cilindri raffreddato ad aria)
Prestazioni
Velocità max 137 km/h (85 kt)
Velocità di crociera 30-80 km/h[1]
Tangenza 3810 m (12500 ft)

i dati sono tratti da Dennis R. Jenkins, Tony Landis e Jay Miller. American X-Vehicles: An Inventory X-1 to X-50, salvo altra indicazione e si riferiscono all' X-25B

voci di aeroplani sperimentali presenti su Wikipedia

Bensen X-25 era un piccolo autogiro statunitense, sviluppato negli anni sessanta dalla Bensen e sponsorizzato dalla USAF.
Il programma X-25 fu avviato per dare possibilità ai piloti abbattuti di prendere terra in un punto scelto, diversamente dai paracadute, condizionati dal vento (programma DDV, Discretionary Descent Vehicle)[2].

Storia del progetto[modifica | modifica sorgente]

L' X-25 derivava dagli autogiro della Bensen destinati al volo amatoriale (B-8, B-8M); per la prima volta la X dei velivoli sperimentali veniva assegnata ad un autogiro[1].
Il piccolo autogiro avrebbe dovuto equipaggiare aerei da combattimento per fornire un sistema di salvataggio dotato di una certa autonomia. La prima versione base di X-25 fu definita un "gyro-chute" "giro-cadute" (gioco di parole tra autogiro e paracadute) ed in effetti era privo di propulsore.
Il suo utilizzo doveva essere "monouso", non recuperabile, ed era dotato di un sistema automatico che gli avrebbe consentito di adeguarsi alla velocità di eiezione dal velivolo, foss'anche stata supersonica. Le altre due versioni erano invece motorizzate: Il sistema propulsivo era un piccolo quattro cilindri montato dietro il pilota. L' X-25A e B furono utilizzati per valutare tecniche di pilotaggio e per l'addestramento dei piloti all'autogiro.
La fattibilità del sistema alla fine fu dimostrata ma la realizzazione pratica fu sconsigliata[1]: il progetto decadde dopo la fine della guerra in Vietnam, quando l'USAF perse interesse nel concetto di DDV. [2]

Versioni[modifica | modifica sorgente]

Furono implementate tre versioni dell' X-25.

  • X-25 - mai testato in volo
  • X-25A - era un Bensen B-8M che fu provato dall'USAF. Esemplare unico (numero di serie 68-10770) volò per la prima volta il 5 giugno 1968
  • X-25B - un B-8 testato dall' USAF. Esemplare unico (serial 68-10771) primo volo 23 gennaio 1968

Esemplari attualmente esistenti[modifica | modifica sorgente]

  • l'X-25A è presso l'Air Force Museum di Dayton
  • l'X-25B è al Museo AFFTC a nella base di Edwards.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f g "Aerei" gennaio/febbraio 2001
  2. ^ a b Jenkins, Landis e Miller 2003, p. 17

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Dennis R. Jenkins, Tony Landis; Jay Miller, American X-Vehicles: An Inventory X-1 to X-50 (PDF), Monographs in Aerospace History No. 31, Washington, NASA, giugno 2003, SP-2003-4531.
  • (EN) Jay Miller, The X-Planes: X-1 to X-45, Midland, Hinckley, 2001, ISBN 1-85780-109-1.
  • (IT) Aerei gennaio-febbraio 2001, Dossier 1, Parma, Delta editrice, 2001.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]