Benna (meccanica)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La benna di un escavatore

La bènna (dal latino benna) è un organo per il sollevamento, trasporto, carico e scarico di materiali sciolti, o per lo scavo e spostamento di terreni.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

È montata su varie macchine e apparecchiature tipo pale caricatrici, gru, terne ed escavatori. Può essere sorretta da una gru (benna sospesa), oppure da un braccio articolato montato su un veicolo a motore autobenna con la benna montata anteriormente.

Tipologie[modifica | modifica wikitesto]

A seconda dell'uso e del tipo di materiale esistono diversi tipi di benna specifici:

  • Auto rovesciante: usata per calcestruzzo, sabbia, ghiaia. Costituita da un contenitore imperniato fuori asse che si rovescia al contatto con il suolo dopo lo sblocco di un perno comandato in vari modi. Il raddrizzamento avviene per gravità al momento del sollevamento tramite un sistema di aggancio posto eccentricamente dal lato opposto.
Benna per calcestruzzo
  • Cerniera: un contenitore chiuso da due valve incernierate con apertura simmetrica rispetto il centro. Sistema utilizzato particolarmente per il calcestruzzo, l'apertura è collegata ad una lunga leva che permette un accurato dosaggio.
Benna trascinata
  • Mordente: costituita da diversi spicchi comandanti idraulicamente, utilizzata per raccogliere grossi massi o scogli, rottami, trucioli.
  • Trascinata: un grosso contenitore con denti e chiusura sul fondo, utilizzato per dragare canali o per scavi in zone paludose. Trascinato da cavi si riempie, sollevato tramite un aggancio eccentrico sul lato opposto a quello dentato è poi scaricato aprendo il fondo tramite un altro cavo collegato ad esso.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Enciclopedia Motta vol. II, Milano, Federico Motta Editore.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]