Benjamin Price

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Benjamin Price
Bprice.jpg
Nome orig. 若林源三 (Genzo Wakabayashi)
Lingua orig. Giapponese
Autore Yoichi Takahashi
Editore Shueisha
1ª app. 1981
1ª app. in Shonen Jump
Editore it. Star Comics
app. it. 2000 – 2004
app. it. in Techno
Voci orig.
Voce italiana Giorgio Borghetti
Specie umano
Sesso Maschio
Etnia giapponese
Data di nascita 7 dicembre

Benjamin Price (若林源三 Wakabayashi Genzo?), più noto come Benji Price, è uno dei protagonisti del manga e anime Holly e Benji (Capitan Tsubasa).

Gioca come portiere e si fa chiamare S.G.G.K. (Super Great Goal Keeper), in quanto è in grado di parare pressoché qualsiasi tiro; i gol subiti sono quasi tutti realizzati infatti da grandi fuoriclasse. È inoltre un tipo molto carismatico che riesce a tenere alto il morale della squadra anche nei momenti difficili.

Incontra per la prima volta Hutton quando aveva 12 anni e tra i due scoppia un'accesa rivalità che culminerà nel derby tra la Newppy (Nankatsu Elementary) di Hutton e la sua squadra (Saint Francis, Shutetsu nel manga).

Carattere e personalità[modifica | modifica wikitesto]

Benji è uno dei personaggi principali della storia. All'inizio della serie è un ragazzo molto arrogante fin quando non conosce Holly, il quale riesce a violare la sua imbattibilità di portiere; in seguito i due diventeranno grandi amici e compagni di squadra. Nel corso della serie pochi altri riusciranno a segnargli, tra questi ci sono Mark Lenders e Karl Heinz Schneider.

Il campionato nazionale[modifica | modifica wikitesto]

In seguito lui e Hutton entrano nella New Team (Nankatsu SC nel manga), formazione che riunisce tutti i migliori giocatori della città di Fujisawa (Nankatsu nel manga) ma, a causa di un infortunio, lui gioca solo la finale del campionato elementari: è comunque anche grazie alle sue parate che la New Team riesce a vincere la finale contro la Muppet (Meiwa nel manga) di Mark Lenders.

Dopo questo campionato si trasferisce in Germania Ovest dove entra nelle giovanili dell'Amburgo. Lì conosce il Kaiser Karl Heinz Schneider, centravanti delle giovanili dell'Amburgo e tra i due si sviluppa un'accesa rivalità, in quanto Benji è l'unico portiere in grado di parare il 50% dei suoi tiri.

Il torneo di Parigi[modifica | modifica wikitesto]

A 15 anni viene convocato dalla nazionale di calcio giapponese; il primo test della nazionale è proprio contro l'Amburgo e, durante quest'amichevole, Benji comincia a criticare aspramente i propri connazionali, evidenziandone i limiti e le incapacità, fino a sfociare in una rissa con Mark Lenders.

Per tutto il periodo di preparazione al mondiale, Benji non fa altro che punzecchiare e provocare i propri compagni, rendendosi odioso alla squadra, ma proprio la sera prima dell'esordio Benji confida a Holly di aver interpretato una parte così sgradevole in accordo con l'allenatore Marshall (Mikami nel manga), il tutto allo scopo di spronare i compagni a impegnarsi di più e a stimolare la concorrenza dell'altro portiere nipponico, Ed Warner.

Il sacrificio di Benji è tale da non voler partecipare al campionato mondiale giovanile di Parigi, rimanendo in panchina per dare l'opportunità al collega Warner di far pratica con avversari internazionali.

Benji giocherà solo la finale contro la Germania Ovest di Schneider, in sostituzione di Warner infortunatosi al polso nella semifinale con la Francia; anche grazie alle sue decisive parate il Giappone riuscirà a vincere la finale per 3-2 (21' Schneider, 25' Becker, 48' Lenders, 55' Schneider, 60' Hutton) (N.B. in questo mondiale le partite durano 60 minuti).

Dopo il mondiale a causa dell'infortunio del portiere titolare dell'Amburgo entra in prima squadra a 15 anni. Il suo debutto in Bundesliga avviene contro il Bayern di Schneider. L'Amburgo stava vincendo 2-0 quando Schneider accorciò le distanze infortunando anche il portiere dell'Amburgo che fu sostituito proprio da Benji/Wakabayashi: lui parò tutti i tiri di Schneider permettendo all'Amburgo di vincere.

Il World Youth[modifica | modifica wikitesto]

Tre anni dopo si infortuna ai polsi per aver tentato di parare i tiri dell'olandese Brian Cruiford (chiamato nel manga anche Brian Krayfort), durante l'amichevole Germania-Olanda (che Benji giocherà eccezionalmente con la maglia tedesca) e dello svedese Levin, durante Amburgo-Colonia, ma viene comunque convocato nella nazionale giapponese U20 (la Nippon Youth) nella partita contro la Thailandia; il Giappone infatti, essendo rimasto privo di giocatori del calibro di Mark Lenders e Tom Becker, deve fare a meno anche di Ed Warner, che ha lasciato la nazionale dopo un litigio con l'allenatore.

Benji entra al 40° del primo tempo quando il Giappone stava perdendo 4-1 e grazie alle sue parate di pugno e all'entrata in campo di Rob Denton al 44° il Giappone riesce a rimontare e a vincere (5-4).

Gioca come titolare anche nelle altre partite dell'Asian Youth (Giappone-Uzbekistan 8-1, Giappone-Emirati Arabi Uniti 6-0, Giappone-Arabia Saudita 4-1, Giappone-Cina 6-3); proprio nel match contro la Cina subisce il primo gol su tiro da fuori area in tutta la serie, non riuscendo a parare il tiro speciale di Shunko Sho. In questa stessa partita si infortuna nuovamente ai polsi.

Il Giappone, grazie al ritorno in nazionale del Karate Keeper Ed Warner, riesce a vincere le restanti partite senza di lui e a qualificarsi al World Youth. Wakabayashi resta in panchina nelle prime tre partite, guarisce in tempo per tornare titolare nei quarti contro la Svezia. Qui para i numerosi tiri di Levin prendendosi la rivincita per l'infortunio causatogli dallo stesso giocatore in Amburgo-Colonia. Grazie alle sue parate, il Giappone vince anche le semifinali contro i Paesi Bassi e la finale contro il Brasile.

Road to 2002[modifica | modifica wikitesto]

Nella serie Road to 2002 gioca nell'Amburgo; la rivalità con Schneider si fa ancora più accesa soprattutto quando egli si trasferisce al Bayern Monaco, che sta allestendo una squadra di stelle per puntare allo scudetto e alla Champions League: Karl propone a Benji di unirsi al Bayern, ma Benji decide di rimanere nella squadra che lo ha accolto fin da piccolo, rifiutandone l'offerta. I due si ritrovano quindi da avversari in Bundesliga: nella partita che li vede contro, Benji dà il via all'azione che porta l'Amburgo in vantaggio, ma Schneider pareggia; all'ultimo minuto Benji batte una punizione per la sua squadra, ma il tiro viene respinto e nel contropiede che ne deriva, Schneider raddoppia, dando la vittoria alla sua squadra.

A causa di quest'errore, nella serie successiva del manga, il Golden 23, Benji viene messo fuori squadra dall'allenatore, per cui decide di lasciare la squadra e di dedicarsi totalmente alla nazionale nelle qualificazioni asiatiche per le Olimpiadi di Madrid.

Squadre in cui ha giocato:

  • Saint Francis (Shutetsu nel manga)
  • New Team (Nankatsu SC nel manga)
  • Amburgo Amburgo

Inoltre nel Millennium Dream lo si vede tesserato nel Bayern Monaco, sebbene questo speciale del manga non sia contestualizzato nella trama della serie regolare.

anime e manga Portale Anime e manga: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di anime e manga