Benjaman Kyle

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Benjaman Kyle

Benjaman Kyle (Indianapolis, 29 agosto 1948[1][2]) è lo pseudonimo utilizzato da un uomo che soffre di amnesia retrograda dall'età apparente di 50-65 anni[2]. La sua reale identità è sconosciuta.

È l'unico cittadino statunitense a essere incluso nella lista delle persone scomparse pur essendo noto il luogo in cui vive[3]. Negli Stati Uniti d'America è conosciuto anche come Man with no name (L'uomo senza nome).

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Benjaman Kyle è lo pseudonimo di un uomo che soffre di amnesia retrograda, ritrovato in stato d'incoscienza il 31 agosto 2004 e la cui identità non è mai stata identificata. Quel giorno, verso le 5:00-6:00 del mattino, un uomo nudo e privo di sensi viene trovato nei pressi di un ristorante Burger King dal capo della filiale del fast food, all'incrocio tra l'uscita 87 dell'Interstate 95 e l'Highway 17, a Richmond Hill, in Georgia; l'uomo è nudo, steso accanto ai cassonetti del ristorante. Portato all'ospedale, si scopre che l'uomo soffre di amnesia retrograda e non riesce a ricordarsi com'è finito in mezzo a quei rifiuti; ha completamente perso la memoria, non sa come si chiama e non si riconosce nel proprio viso.

I medici gli trovano tre fori nel cranio, che potrebbero indicare dei colpi subiti da un'arma contundente. Soffre di una cataratta progressiva a entrambi gli occhi, che può esser stata causata dall'esposizione prolungata al sole mentre giaceva a terra svenuto. Nei pressi del Burger King la polizia non trova alcun indizio capace di permettere la sua identificazione. Soprannominato "BK", perché è stato trovato vicino a un Burger King, decide di assumere il nome di Benjaman Kyle. Pensa di esser nato il 29 agosto 1948 (lo ricorda perché sono dieci anni esatti prima di Michael Jackson[4]) e di chiamarsi Benjaman; ha inoltre qualche vago ricordo di Denver e Indianapolis e pensa di aver vissuto a Boulder negli anni Settanta; del resto non ricorda nulla, dato che i pochi ricordi si fermerebbero attorno al 1985.

Alcuni linguisti hanno affermato che il suo accento è un miscuglio di quello del nord dell'Indiana e di quello dell'Oklahoma[2]. Senza identità e senza assicurazione, fornire assistenza medica a Benjaman Kyle è stato complicato: non possedendo un numero di previdenza sociale, non ha potuto neppure trovare un lavoro ed è stata aperta una petizione nel 2012 sul sito della Casa Bianca per attribuirgliene uno ex novo[5]. Tuttora vive a Savannah, in Georgia, a circa 40 km da dove venne ritrovato[6].

Nel 2012 lo studente dell'Università statale della Florida John Wikstrom gli ha dedicato il cortometraggio Finding Benjaman, presentato anche al Tribeca Film Festival e al Festival di Cannes, nel quale Kyle afferma di vivere nei boschi, come un senza tetto, vista l'impossibilità di essere accolto nei centri di assistenza o di trovare un lavoro a causa del non possesso del numero di sanità e di un documento di identità[6]. In seguito a questo cortometraggio Benjamin ha ricevuto l'offerta di un imprenditore locale di lavorare come lavapiatti nella sua attività, lavoro che mantiene tuttora e che gli ha permesso di avere una dimora; inoltre, il senatore della Florida Mike Weinstein, attraverso il Dipartimento della Motorizzazione e Sicurezza Stradale della Florida (la motorizzazione civile statunitense), è riuscito a ottenere un documento d'identità temporaneo per avere un sostituto della carta d'identità.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Kyle è un uomo bianco di circa 50-65 anni, è alto 1,80 m e pesa 110 kg. Ha i capelli brizzolati ed è stempiato. Ha occhi blu-verdi[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Come luogo di nascita viene indicato quello più probabile, che tuttavia non è sicuro.
  2. ^ a b c d Benjaman Kyle sul sito dedicato alle persone scomparse
  3. ^ Neil Forsyth, Do you know this man? | Life and style (Londra), The Guardian, 10 luglio 2010. URL consultato il 16 novembre 2012.
  4. ^ Benjaman's Memories
  5. ^ Do you know this man? Man living as 'John Doe' for eight years hopes film, Web campaign will solve mystery of his identity: report
  6. ^ a b Cortometraggio Finding Benjaman

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]