Benedetto Accolti il Vecchio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Benedetto Accolti (Arezzo, 1415Firenze, 26 settembre 1464) è stato un umanista e giureconsulto italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era figlio di Michele degli Accolti da Pontenano, che nel 1414 era divenuto lettore di diritto all'Università di Firenze e segretario della Repubblica, e di Margherita di Rosello Roselli.

Studiò diritto a Firenze e a Bologna, dove si laureò. Insegnò diritto civile e canonico a Volterra nel 1435 e, dalla fine di quello stesso anno, nello Studio Fiorentino, dove rimase per tutta la vita. A Firenze sposò Laura di Carlo Federighi, da cui ebbe otto figli, tra i quali il futuro cardinale Pietro e Bernardo, detto l'Unico Aretino, poi duca di Nepi. Nel 1448 fu «savio» e assessore dei Sindaci del rettore del Comune fiorentino.

Nel 1441 partecipò al «Certame coronario», un concorso di poesia, e il 17 aprile 1458 succedette a Poggio Bracciolini come cancelliere della Repubblica fiorentina, incarico che resse fino alla morte.

Scrisse mediocri poesie in volgare e in latino. Fu autore delDe bello a Christianis contra Barbaros gesto pro Christi sepulchro et Judaea recuperandis, una storia in quattro libri della prima crociata dedicata a Piero de' Medici. L'opera fu pubblicata a Venezia nel 1532 e tradotta e volgarizzata, sempre a Venezia, nel 1543 (da essa Torquato Tasso trasse la trama della sua Gerusalemme liberata). Scrisse il Dialogus de praestantia virorum sui aevi ex bibliotheca illustrissimi ac eruditissimi viri Antonii Magliabequi, dedicato a Cosimo de' Medici, in difesa dei contemporanei contro gli esaltatori dell'antichità.

Suo nipote è l'omonimo cardinale Benedetto Accolti detto il Giovane.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Michele Messina, Francesco Accolti di Arezzo. Umanista, giureconsulto e poeta del secolo XV, in «Rinascimento», I, 1950, pp. 292–231.
  • Marcello Aurigemma, «Accolti, Benedetto», in Enciclopedia Dantesca, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1970.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]