Beloved

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il gruppo musicale britannico dei Beloved, vedi The Beloved.
Beloved
Beloved.png
Titolo originale Beloved
Paese di produzione Stati Uniti
Anno 1998
Durata 172 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere drammatico
Regia Jonathan Demme
Soggetto Toni Morrison
Sceneggiatura Akosua Busia, Richard LaGravenese e Adam Brooks
Fotografia Tak Fujimoto
Montaggio Andy Keir e Carol Littleton
Musiche Rachel Portman
Scenografia Kristi Zea
Interpreti e personaggi

Beloved è un film del 1998 diretto da Jonathan Demme.

Tratto dall'omonimo romanzo di Toni Morrison (vincitore del Premio Pulitzer e uscito in Italia col titolo Amatissima), è ambientato subito dopo la fine della guerra di secessione americana e vede tra i protagonisti Thandie Newton, Danny Glover e Oprah Winfrey, questi ultimi due già interpreti del film Il colore viola di Steven Spielberg del 1985.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Ohio, seconda metà dell'800. La vita di un'ex schiava (Sethe) è apparentemente normale, ma in realtà nasconde dolorosi e incoffessabili segreti. Essa vive con la figlia Denver e a loro si uniranno dapprima Poul e successivamente Beloved. Beloved è una ragazza con enormi problemi psicologici e il suo personaggio nel film assume spesso un carattere che è figlio di un passato tormentato e che tende a incastrarsi nel presente, in qualche modo continuando sempre a ritornare, sebbene Sethe tenti in tutti i modi di tenerlo lontano per proteggere da esso Denver. Il film tenta di raccontare il grave stato psicologico degli afroamericani, a seguito del lungo periodo di segregazione nel quale essi hanno subito soprusi d'ogni sorta: dalle violenze, alle impiccagioni, alla schiavitù stessa. Questa condizione porterà (dopo l'abolizione della schiavitù) Sethe a compiere gesti apparentemente inspiegabili, se non fosse che essa è segnata dal suo passato di ex-schiava. In ciò si può trovare una chiave di lettura del suo personaggio e a tratti anche del personaggio di Poul. Nel film entra anche una figura del passato, "nonna Sue", la quale viene evocata spesso nei ricordi degli altri personaggi. Sarà proprio una visione di nonna Sue a dare a Denver la forza necessaria affinché riesca finalmente ad entrare nel mondo degli adulti. Ciò la spingerà a cercare un lavoro e questo segnerà il finale della storia.

Riprese[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato girato in Pennsylvania e in Maryland.

Critica e successo[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante il successo di critica e la notorietà del regista, il film fu un flop al botteghino statunitense; di conseguenza in Italia la pellicola fu snobbata sia dalla distribuzione cinematografica che da quella home video, uscendo direttamente in Pay TV, su TELE+.

Premi e nomination[modifica | modifica wikitesto]

  • Premi Oscar 1999:
  • Chicago Film Critics Association Awards 1999:
    • Miglior promessa femminile a Kimberly Elise
    • Nomination Miglior attrice non protagonista a Chicago a Kimberly Elise
    • Nomination Miglior fotografia a Tak Fujimoto
  • Image Awards 1999:
    • Miglior attore protagonista in un film a Danny Glover
    • Nomination Miglior attrice protagonista in un film a Oprah Winfrey
    • Nomination Miglior attrice non protagonista in un film a Beah Richards
    • Nomination Miglior attrice non protagonista in un film a Kimberly Elise
    • Nomination Miglior attrice non protagonista in un film a Thandie Newton
    • Nomination "Outstanding Motion Picture"

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema