Bell X-9 Shrike

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bell X-9 Shrike
Un Bell X-9
Un Bell X-9
Descrizione
Tipo Missile aria-superficie
Impiego Missile sperimentale
Costruttore Stati Uniti Bell
Primo lancio 28 aprile 1949
Ritiro dal servizio 23 gennaio 1953 (ultimo lancio)
Utilizzatore principale Stati Uniti USAF
Esemplari 31
Altre varianti GAM-63 Rascal
Peso e dimensioni
Lunghezza 6,9 m (22 ft 9 in)
Altezza 2,4 m (7 ft 10 in)
Larghezza 2,34 m[1]
Diametro 0,56 m (1 ft 10 in)
Prestazioni
Gittata 80 km circa[1]
Tangenza 19 800 m
Velocità massima Mach 2,0
Motore Un endoreattore a combustibile liquido Bell XLR65-BA-1, 13,3 kN di spinta

i dati sono estratti da American X-Vehicles: An Inventory X-1 to X-50[2] salvo diversa indicazione.

voci di missili presenti su Wikipedia

Il Bell X-9 Shrike (averla) era un prototipo di missile guidato aria-superficie a combustibile liquido prodotto dall'azienza statunitense Bell Aircraft Corporation ed utilizzato per i test che portarono allo sviluppo del GAM-63 RASCAL a testata nucleare.

Storia del progetto[modifica | modifica wikitesto]

Dopo il termine della seconda guerra mondiale gli Stati Uniti d'America istituirono una struttura operativa, lo Strategic Air Command (SAC), incaricata della detenzione e dell'utilizzo dell'arsenale nucleare strategico. Nell'aprile 1946 venne pianificato un programma per lo sviluppo di una nuova arma di distruzione di massa (Weapons of Mass Destruction (WMD)) che si concretizzerà nel GAM-63 Rascal.[3]

Nel maggio 1947 il SAC stipulò un contratto con la Bell Aircraft Corporation per lo sviluppo di un nuovo missile aria-superficie, l'ASM-A-2 Rascal (in seguito ridesignato B-63 e definitivamente GAM-63 Rascal) destinato ad essere trasportato da velivoli utilizzati come vettori.[4]

Per testare le caratteristiche della nuova arma venne ordinato di sviluppare un missile su scala ridotta che assunse la designazione di RTV-A-4 Shrike. Al modello era demandato il compito di testare la migliore forma aerodinamica, il suo sistema di radio navigazione, la propulsione e tutte le operazioni preliminari di carico e pre-lancio.[4]

Ne vennero ordinati 93 esemplari ma continui ridimensionamenti al progetto ridussero la quantità finale[1].
Vennero realizzati trentuno razzi X-9, l'ultimo dei quali venne lanciato il 23 gennaio 1953.[2]

Impiego operativo[modifica | modifica wikitesto]

Il programma di lancio ebbe inizio il 28 aprile 1949[2], quando venne effettuato il primo volo di prova con un mock up di un RTV-A-4 privo di motore.
Il primo lancio di un modello autopropulso venne tentato senza successo nel maggio 1950 e solo con il quinto tentativo, nel novembre dello stesso anno, i problemi vennero definitivamente risolti.[4]

Utilizzatori[modifica | modifica wikitesto]

Stati Uniti Stati Uniti

Esemplari attualmente esistenti[modifica | modifica wikitesto]

Nessuno degli Shrike è sopravvissuto ai test. L'unico frammento rimasto è una parte di uno stabilizzatore verticale conservata al Larry Bell Museum di Mentone (Indiana).[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c "Aerei" gennaio/febbraio 2001
  2. ^ a b c d American X-Vehicles: An Inventory X-1 to X-50, pag.15
  3. ^ (EN) John Pike, GAM-63 Rascal in GlobalSecurity.org, http://www.globalsecurity.org, 28 aprile 2005. URL consultato il 15 aprile 2010.
  4. ^ a b c Bell X-9 Shrike in Designation-Systems.Net.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Dennis R. Jenkins, Tony Landis; Jay Miller, American X-Vehicles: An Inventory—X-1 to X-50 (NASA Special Publication), Monographs in Aerospace History, No. 31, Centennial of Flight, Washington, DC, NASA History Office, giugno 2003, OCLC 52159930. URL consultato il 21 marzo 2013.
  • (EN) Jay Miller, The X-Planes: X-1 to X-45, Midland, Hinckley, 2001, ISBN 1-85780-109-1.
  • Aerei gennaio-febbraio 2001, Dossier 1, Parma, Delta editrice, 2001.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]