Beleth

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Illustrazione di Beleth dal "Dictionnaire Infernal" di Jacques Collin de Plancy.

In demonologia, Beleth (ma anche Bileth, o Bilet, o Byleth)[1] è un demone, uno dei re dell'inferno. Si fa vedere seduto su un cavallo bianco, preceduto dal suono di trombe e di musicisti di ogni genere[1]. Indossa un anello d'argento ad un dito della mano sinistra e lo mostra sempre davanti al suo viso, come è costume tra i principi e i re crudeli prima di Amaymon.

Ha la facoltà di riunire le persone in amore.

Secondo il catalogo Pseudomonarchia Daemonum, il figlio di Noè è il primo ad averlo invocato dopo il Diluvio universale e ha scritto un libro sulla matematica grazie al suo aiuto.

In passato apparteneva all'ordine dei Troni, a cui spera un giorno di tornare. Ottantacinque legioni sono ai suoi ordini[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Rosemary Guiley, The Encyclopedia of Demons and Demonology, p. 27