Belavia Belarusian Airlines

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Belavia Belarusian Airlines
Belavia Bielorusian Airlines Logo.gif
Belavia 735 EW-253PA.JPG
Compagnia aerea di bandiera
Codice IATA B2
Codice ICAO BRU
Identificativo di chiamata BELAVIA
Descrizione
Hub Minsk
Programma frequent flyer Belavia Leader
Flotta 20
Destinazioni 40
Azienda
Tipo azienda Azienda pubblica
Fondazione 5 marzo 1996 a Minsk
Stato Bielorussia Bielorussia
Sede Minsk
Persone chiave Anatoliy Nikolaevich Gusarov (Direttore Generale)
Slogan Tutto per il cliente!
Sito web www.belavia.by
Voci di compagnie aeree presenti su Wikipedia

La Belavia Belarusian Airlines (in bielorusso: Белавія) è la principale compagnia aerea bielorussa e ha sede a Minsk, in Bielorussia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

  • 24 dicembre 2008 - 1 milione di passeggeri ha transitato all'hub principale dalla Belavia a Minsk dall'inizio dell'anno.[1]
  • 18 febbraio 2009 - la Belavia Belarusian Airlines ha completato i controlli della sicurezza IOSA (IATA Operational Safety Audit) della IATA diventando la prima compagnia aerea bielorussa che rispetta gli standard di sicurezza mondiali.[2]
  • 20 giugno 2009 - la Belavia ha effettuato l'ultimo volo di linea con un Tupolev Tu-134 della sua flotta. Dopo 30 anni di servizio gli aerei Tu-134 lasciano il posto agli aerei canadesi CRJ-200LR e agli statunitensi Boeing 737.[3]
  • 29 giugno 2009 la Belavia diventò membro ufficiale della MITA (in inglese: Multilateral Interline Traffic Agreement) dell'IATA. Attualmente la compagnia aerea bielorussa ha firmato 60 accordi bilaterali con le compagnie aeree. L'appartenenza alla MITA con circa 350 membri permette di consolidare la posizione della Belavia sul mercato internazionale dell'aviazione civile.[4]
  • 18 febbraio 2010 - l'apertura del nuovo sito internet della Belavia con la possibilità di acquistare i biglietti della compagnia aerea bielorussa online in tutto il mondo.[5]
  • 15 aprile 2010 - la Belavia ha aperto i voli di linea giornalieri sulla linea Minsk - Mosca-Vnukovo collegando Minsk con i tre principali aeroporti moscoviti: Domodedovo, Šeremet'evo e Vnukovo.[6]
  • 17 giugno 2010 - la Belavia ha effettuato con il Boeing 737-500 il primo volo di linea sulla linea Minsk - Ekaterinburg-Kol'covo dopo 11 anni ed ha aumentato da giugno 2010 la frequenza dei voli settimanali per Kaliningrad-Chrabrovo e San Pietroburgo-Pulkovo in partenza dalla capitale bielorussa.[7]
  • 1 luglio 2010 - la Belavia è diventata il membro dell'European Regions Airline Association.[8]
  • 12 agosto 2010 - la Belavia ha firmato l'accordo bilaterale interline per il titolo di viaggio elettronico con la statunitense Delta Air Lines. L'accordo ha aperto la possibilità per i passeggeri della Belavia prenotare online i biglietti per tutt i voli di linea della Delta e viceversa. Tra le altre compagnie aeree che hanno fatto questo accordo con la Belavia: Aeroflot, Austrian Airlines, British Airways, airBaltic, Polskie Linie Lotnicze LOT, Aerosvit, Czech Airlines.[9].
  • 31 agosto 2010 - la Belavia ha effettuato con successo la certificazione secondo gli standard del sistema della gestione per la qualità ISO 9001:2009 per le compagnie aeree che operano i voli di linea passeggeri e cargo.[10]
  • 26 ottobre 2010 - l'arrivo all'aeroporto di Minsk dall'aeroporto di Sønderborg (Danimarca) del quarto Bombardier CRJ-200LR della compagnia aerea bielorussa.[11]

Strategia[modifica | modifica wikitesto]

L'hub principale è l'Aeroporto di Minsk, mentre l'hub secondario è l'aeroporto di Homel.

Ha un'importante attività di voli charter ed anche una rete dei voli di linea verso le principali città dell'Unione Europea e dell'Europa dell'Est.

Codici[modifica | modifica wikitesto]

Flotta[modifica | modifica wikitesto]

Tupolev Tu-154M nella livrea attuale della Belavia.
Tupolev Tu-134A nella livrea attuale della Belavia. all'aeroporto di Kazan'
Boeing 737-500 nella livrea attuale della Belavia.
Boeing 737-BBJ2 della Belavia nella livrea dal Governo.
Yakovlev Yak-40 della Belavia nella livrea dal Governo.
Bombardier CRJ-200LR nella livrea attuale della Belavia.

Aerei[modifica | modifica wikitesto]

Corto raggio
Medio raggio
  • 1 Stati UnitiBoeing 737-800/BBJ2 (EW-001PA [VIP operato per il Presidente della Bielorussia])

Attualmente la compagnia aerea bielorussa opera nei voli di linea la flotta composta dagli aerei:

  • 5 Stati UnitiBoeing 737-300 (EW-254PA, EW-282PA, EW-283PA, EW-308PA, EW-336PA)
  • 6 Stati UnitiBoeing 737-500 (EW-250PA, EW-251PA, EW-252PA, EW-253PA, EW-290PA, EW-294PA)

Inoltre, nei voli stagionali e nei voli charter vengono utilizzati anche gli aerei di fabbricazione sovietica:

  • 5 RussiaTupolev Tu-154M (EW-85703, EW-85706, EW-85741, EW-85748, EW-85815 [VIP operato per il Governo della Bielorussia])[12]
Lungo raggio
  • 1 Stati UnitiBoeing 767-300 (EW-001PB [VIP operato per il Presidente della Bielorussia])

Elicotteri[modifica | modifica wikitesto]

Ordinazioni[modifica | modifica wikitesto]

Flotta storica[modifica | modifica wikitesto]

La rivista di bordo[modifica | modifica wikitesto]

Accordi commerciali[modifica | modifica wikitesto]

Belavia attualmente non fa parte di nessun alleanza, La compagnia aerea ha creato importanti accordi commerciali con le compagnie aeree europee e russe:

Gli aerei della produzione occidentale della compagnia bielorussa fanno periodicamente la manutenzione sulla base tecnica della Lufthansa in Germania.

Incidenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Il 6 gennaio 2003 un Yakovlev Yak-40 entrando nello spazio aereo della Repubblica Ceca è stato scortato dagli aerei militari fino all'aeroporto di Praga perché nella cabina dei piloti nel volo si è rotto il vetro.
  • Il 14 febbraio 2008 un Bombardier CRJ-100ER della Belavia che effettuava il volo B2 1834 Erevan, Armenia - Aeroporto Nazionale Minsk, Bielorussia è caduto a terra dopo i pochi secondi dal decollo. 18 passeggeri e 3 membri d'equipaggio sono stati salvati in seguito all'operazione di salvataggio. Le cause dell'incidente sono state imputate alla Bombardier che non ha testato questo tipo dei velivoli nelle condizioni di congelamento naturale. Una semplice operazione di de-icing (sbrinamento velivolo) prima di decollo poteva prevenire l'incidente con l'aereo della Belavia, così ha annunciato i risultati di indagini conclusi il direttore generale della compagnia aerea bielorussa Anatolij Gusarov il 25 giugno 2009[18]. In seguito all'incidente sono state adottate le procedure più severe di de-icing degli aerei Bombardier CRJ-100ER durante periodo invernale e negli aeroporti ad alta quota come quello di Erevan in Armenia dove è accaduto l'incidente.
  • Il 25 marzo 2013 il volo della Belavia Belarusian Airlines sulla rotta Mosca-Domodedovo - Minsk è stata ritardato in seguito allo scoppio di uno pneumatico dell'aereo della compagnia aerea bielorussa in fase di rullaggio sulla pista dell'aeroporto moscovita. Tutti i passeggeri del volo sono rimasti illesi e spediti a Minsk con un altro aereo arrivato dalla capitale bielorussa dopo 2 ore di attesa.[19]

Destinazioni[modifica | modifica wikitesto]

I paesi serviti da Belavia
Africa
Asia
Europa
Medio Oriente

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ AviaPort.Ru - 24-12-2008 - Миллионный пассажир Национального аэропорта "Минск" прилетел рейсом "Белавиа". URL consultato il 27-10-2010.
  2. ^ AviaPort.Ru - 17-02-2009 - "Белавиа" получила сертификат соответствия требованиям международных стандартов по эксплуатационной безопасности. URL consultato il 27-10-2010.
  3. ^ AviaPort.Ru - 20-06-2010 - В воздухе новые силуэты. В авиапарке очередной "новичок": "Боинги" теснят Ту-134. URL consultato il 27-10-2010.
  4. ^ Pda.Avia.Ru - 01-07-2009 - Авиакомпания "Белавиа" стала официальным участником многостороннего интерлайн-соглашения МИТА. URL consultato il 27-10-2010.
  5. ^ AviaPort.Ru - 18-02-2010 - В Республике Беларусь начал работу первый онлайн-сервис по покупке авиабилетов через интернет belavia.by. URL consultato il 27-10-2010.
  6. ^ AviaPort.Ru - 16-04-2010 - Авиакомпания "Белавиа" начала выполнение полетов в аэропорт "Внуково". URL consultato il 27-10-2010.
  7. ^ AviaPort.Ru - 17-06-2010 - Полет нормальный. "Белавиа" держит курс на Урал. URL consultato il 27-10-2010.
  8. ^ AviaPort.Ru - 25-06-2010 - "Белавиа" вступает в Европейскую ассоциацию региональных авиакомпаний (ERA). URL consultato il 27-10-2010.
  9. ^ AviaPort.Ru - 12-08-2010 - "Белавиа" - Delta: электронный интерлайн. URL consultato il 27-10-2010.
  10. ^ AviaPort.Ru - 31-08-2010 - Национальная авиакомпания "Белавиа" подтвердила соответствие системы менеджмента качества требованиям стандарта СТБ ISO 9001-2009.
  11. ^ Pda.Avia.Ru - 27-10-2010 - Парк воздушных судов "Белавиа" пополнился еще одним CRJ-200LR. URL consultato il 27-10-2010.
  12. ^ (EN) La flotta attuale della Belavia sul ch-aviation.ch.
  13. ^ Il Mil Mi-8 della Belavia all'Aeroporto di Minsk-Mačulišči(UMLI)
  14. ^ (RU) Pda.Avia.Ru - 07-12-2011 - Авиакомпания «Белавиа» возьмет в лизинг у Air Lease Corporation 2 самолета Embraer-175. URL consultato il 07-12-2011
  15. ^ AviaPort.Ru - 17-12-2009 - Belavia ON AIR - на борту национального авиаперевозчика. URL consultato il 27-10-2010.
  16. ^ (RU) Aviapages.Ru - 29-06-2011 - Cоглашение о совместной эксплуатации воздушных судов авиакомпании КЛМ и Белавиa. URL consultato il 05-07-2011.
  17. ^ (RU) Aviapages.Ru - 06-07-2011 - Белавиа и Finnair заключили код-шер соглашение. URL consultato il 07-07-2011.
  18. ^ Лента новостей - PDA.AVIA.RU - Авиационные новости
  19. ^ (RU) AirSpot.Ru - 25-03-2013 - Рейс "Белавиа" из "Домодедово" задерживается из-за прокола колеса шасси. URL consultato il 29-03-2013.
  20. ^ (RU) Pda.Avia.Ru - 05-08-2010 - "Белавиа" открывает рейсы в Батуми. URL consultato il 24-01-2011.
  21. ^ (RU) Avia.Ru - 04-02-2011 - Минск – Хельсинки: новое направление «Белавиа». URL consultato il 07-02-2011.
  22. ^ (RU) AviaPort.Ru - 11-06-2010 - "БЕЛАВИА" РАСШИРЯЕТ ГЕОГРАФИЮ ПОЛЕТОВ. URL consultato il 24-01-2011.
  23. ^ (RU) Ato.Ru - 05-08-2013 - Пассажиропоток авиакомпании "Белавиа" увеличился на 26,1%. URL consultato il 05-08-2013.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Gallerie fotografiche[modifica | modifica wikitesto]