Belanu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Belanu, o Beleno, divinità protoceltica della luce (dal protoindoeuropeo *bʰel-, luce[1]), uno dei maggiori e più influenti tra gli antichi dèi europei per il quale si eseguivano sacrifici e riti collegati ai solstizi e perciò ai cicli solari dell'anno. Il teonimo Belanu è stato ritrovato su alcune iscrizioni scoperte in Italia nei pressi di Oulx e a Bardonecchia[2]. Alcuni lo hanno accostato al dio Apollo della cultura mediterranea[3]. La sua compagna era Belisma[4], Dea del fuoco.


Varianti[modifica | modifica wikitesto]

Belanu viene identificato con numerosi epiteti e varianti appartenenti alle diverse culture e lingue protoceltiche:

  • Beli
  • Belus
  • Belinos
  • Belinu
  • Belinus
  • Bellinus
  • Belanos
  • Belanus
  • Beleno
  • Belenos
  • Belenu
  • Belenus
  • Belemnos
  • Belemnus

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Belanu probabilmente significa l'equivalente di colui che è luminoso, o il Dio luminoso. L'antichissima radice bel presente in molteplici protolinguaggi, secondo alcune fonti avrebbe il significato trascendentale di apparire dall'altro mondo e/o illuminazione dal mondo degli Dei e successivamente stabilizzatosi in luce[5].
La radice è presente con significato di luce o luminoso in :

  • bʰel- Proto-Indoeuropeo
  • bëh- Proto-Nostratico
  • bah- Proto-Afroasiatico
  • bʰa- Sanscrito

Bel è altresì il dio primordiale della luce in medioriente, venerato sicuramente dai Sumeri a partire dal VI millennio a.C., e forse ancor prima sin dalla notte dei tempi della preistoria neolitica.

Culto[modifica | modifica wikitesto]

Adorato dai Liguri, Iberi, Celti continentali ed insulari era noto per la sua influenza sulla luce solare e di conseguenza sull'agricoltura, sulla stagionalità, sulla temperatura, sull'allevamento ed in pratica su ogni attività umana dell'epoca protostorica europea, sovrintendeva persino sull'illuminazione della psiche nell'accezione spirituale e mentale come guida alle innovazioni e invenzioni. Iscrizioni con il suo nome sono state rinvenute a sud dalla Gallia sia cisalpina che transalpina e dall'Illiria fino alle isole britanniche a nord.

Ricorrenze[modifica | modifica wikitesto]

Alcuni miti celtici sembrano derivare dall'antico culto di questa divinità della luce, come ad esempio la festa rituale di Beltane[6], celebrata in primavera o per l'inizio della stagione luminosa, per ricordare la rinascita del Dio della luce. Durante queste feste i druidi compivano alcuni rituali con falò e fuochi.

Per contro, la ciclica morte del Dio della luce veniva ricordata con feste come Yule o Imbolc, intorno alla fine di dicembre e forse poi divenuto il natale cristiano, con riti corredati da piante sempreverdi (confrontare albero di natale e sempreverde) per sottolineare la simbologia della vita che continua, anche durante la morte della luce nel solstizio d'inverno.

Tradizioni[modifica | modifica wikitesto]

La tradizione endemica europea di accendere fuochi e falò in occasione di festività primaverili o legate ad equinozi e solstizi è la traccia indelebile degli antichissimi riti legati a Belanu. Viene spesso incontrata questo tipo di festività nelle zone rurali che tipicamente sono più legate alla ciclicità della luce naturale e che più attingono alle tradizioni come queste che affondano radici nella notte dei tempi protostorici se non addirittura preistorici. Per i molti riscontri analizzabili, queste festività dedicate a Belanu potevano essere ciò che poi è stato conosciuto come il Beltane celtico, la festività più importante di queste culture.

Cultura attuale[modifica | modifica wikitesto]

Toponomastici[modifica | modifica wikitesto]

Probabilmente la radice della località italiana Belluno e delle località irlandesi di Belfast, Belleek, Ballyshannon, Belau e Baal Hills,risale allo stesso etimo della divinità . Vanno poi ricordati alcuni toponimi come ad es. Beligna, una località a sud di Aquileia (prov. di Udine) in cui sorgeva un santuario di Apollo Belenus, soppiantato col tempo dal culto del santo cristiano Martino. Vale infine la pena rilevare (lo attesta il nome della nazione Bielorussia (Belarus)che significa Russia Bianca o della città di Belgrado Beli=bianco grad=città) la trasposizione luce-bianco propria delle lingue slave.

Onomastici[modifica | modifica wikitesto]

Belan/Belana/Belanu/Belanom è un nome personale sloveno, slovacco, ceco, serbo, croato, dove la radice bel/biel significa bianco (similmente al celtico luce)[7]. Negli Stati Uniti d'America Belanus è un nome personale che si posiziona al 45909 posto della popolarità tra i nomi degli abitanti [8].

Nei fumetti[modifica | modifica wikitesto]

Il grande pubblico conosce i nomi di Belanu e Belisma anche grazie ai fumetti di Asterix, in cui compaiono molte volte le esclamazioni "Per Belenos!" e "Per Belisama!"[9].

Belìn[modifica | modifica wikitesto]

L'intercalare belìn, tipico della lingua ligure, comunemente utilizzato dai liguri anche in italiano, sembra che abbia origine dal nome della divinità.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Fortson 2009.
  2. ^ Encyclopédie de l'Arbre Celtique.
  3. ^ The religious beliefs and practices of the ancient Celts.
  4. ^ Belisama.
  5. ^ Austric words in IndoEuropean and AfroAsiatic?
  6. ^ Beltane
  7. ^ Belan
  8. ^ Belanus
  9. ^ Asterix

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Asterix in it.arti.fumetti on line. URL consultato il 2014-01-31.
  • (EN) Belisama in Nemeton - the Sacred Grove. URL consultato il 2014-01-31.
  • Beltane in ASEN. URL consultato il 2014-01-31.
  • Gerard Dobesch, I Celti, Bompiani per Palazzo Grassi, 1991.
  • Elena Percivaldi, I Celti una civiltà europea, Giunti, 2003.
  • Ward Rutherford, Tradizioni Celtiche, Neri Pozzo, 1996.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]