Beethoven (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Beethoven
Titolo originale Beethoven
Paese di produzione Stati Uniti
Anno 1992
Durata 87 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere commedia
Regia Brian Levant
Soggetto John Hughes, Amy Holden Jones
Scenografia John Hughes
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Beethoven è un film del 1992 diretto da Brian Levant.

Distribuito dalla UIP, è uno dei film del genere commedia classici per tutta la famiglia. Il protagonista è Beethoven, un cane di San Bernardo chiamato come il celebre compositore e pianista tedesco Ludwig van Beethoven.

Il protagonista Chris è un cane di due anni addestrato da Karl Miller, uno dei più noti istruttori di animali americani.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Il film inizia nella California del 1990, con due ladri che portano dei cani in un laboratorio per fare degli esperimenti con dei proiettili, come vuole il loro misterioso capo Varnick, che dice loro di procurarsi prima dei cuccioli per l'esperimento, a cui ci vorrano due anni di preparazione. Così, di notte, un cucciolo di cane San Bernardo viene rubato dai due ladri e portato via dal negozio di animali insieme a tutti gli altri cuccioli di razze diverse. Ma durante il trasporto, lui e un altro cane riescono a sfuggirgli, nascondendosi in un cassonetto, che si rivela essere di una casa a nome Newton. La mattina seguente il cucciolo, per cercare da mangiare, tramite un diversivo del padrone della casa uscito, si introduce in casa Newton, una famiglia con tre bambini (Ryce, Ted ed Emily), che accolgono il cane con sorpresa e felicità. Non è altrettanto felice il padre, poiché pensa solo al suo lavoro aziendale complicato da un cane, ma la famiglia finisce per adottarlo chiamandolo Beethoven, dall'omonimo musicista che amano ascoltare. In due anni Beethoven cresce in età canina, mentre i bambini sono ancora piccoli e diventa un enorme San Bernardo. Nonostante sia grande, grosso, invadente e puzzolente, tutti e cinque (padre compreso) si lasciano trasportare dalla sua simpatia e si affezionano al cagnone, che risolve un problema di coppia di Ryce, ed i problemi di Ted con alcuni compagni fastidiosi di scuola. Purtroppo Beethoven, dopo aver rovinato il rapporto dei bambini con la loro colf incapace, è adocchiato dal suo veterinario, che lo ammira troppo e vorrebbe tenerlo lui, con tutta la volontà del sig. Newton che non lo sopporta. Infatti, Beethoven manda a monte un invito di due clienti di Newton, che volevano concludere un affare. Newton si convince a dare il cane al veterinario; la moglie riesce ad impedirglielo, convincendolo che il suo lavoro è eccellente anche senza successo internazionale. Un giorno Beethoven aggredisce inspiegabilmente il veterinario che era venuto a visitarlo, e la legge parla chiaro: dovrà essere abbattuto per iniezione letale. Newton lascia il cane al veterinario, per farlo sopprimere da un assistente di quest'ultimo; nonostante tutto è disperato ed i suoi figli non gli rivolgono la parola per tutto il resto del giorno. Così Newton capisce quanto sia silenziosa e seria la casa senza Beethoven e, con il rimorso per ciò che ha fatto, decide di andare a riprenderselo. Purtroppo il veterinario dice che il cane è stato già abbattuto e quindi non c'è speranza. Ma Newton si accorge del braccio del veterinario morso, lo guarda ed invece è intero e liscio. Capendo che era un imbroglio trova Beethoven in un laboratorio con cani, che, quando lui era piccolo, facevano parte del suo negozio ed erano stati rubati anche loro e così si scopre tutta la terribile verità. Infatti il veterinario era corrotto ed era lui il misterioso Varnick ed i suoi assistenti maschi erano i suoi due ladri, poiché lui per fare l'esperimento sui proiettili -oramai era arrivato il giorno di farlo- aveva fatto rapire molti cani e cuccioli e, di conseguenza, per fare pure su Beethoven l'esperimento illegale, tenerselo ed abbatterlo, aveva fatto finta di farsi aggredire da lui nella visita nascosta, picchiandolo in modo da farlo inferocire e balzare su di lui senza farsi mordere e sporcandosi il braccio di rosso per apparire ferito. Varnick sta per sparare al cane, ma Newton interviene liberando gli altri cani che lo assalgono e dopo un breve duello con i due ladri lo fa svenire con le siringhe. I due ladri si salvano da tutti i cani, ma vengono aggrediti e feriti da quattro dobermann nell'auto-benzina, per poi essere arrestati sotto gli occhi di tutti al telegiornale. Newton, con la famiglia che lo aveva aiutato, si scusa con Beethoven e finalmente lo accetta. Anche Varnick viene arrestato. Beethoven è definitivamente membro di casa Newton e tutti i cani liberati dal laboratorio lo seguono nella sua abitazione, dove verranno adottati anche loro dai Newton.

Seguiti[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Beethoven (serie di film).

Il film ha avuto 6 sequel, diretti da vari registi:

Esiste anche la serie animata Beethoven.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema