Beatrice de Silva

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Santa Beatrice de Silva
L'apparizione della Vergine a santa Beatrice
L'apparizione della Vergine a santa Beatrice

Religiosa

Nascita 1424 en Ceuta
Morte 9 agosto 1492
Venerata da Chiesa cattolica
Beatificazione 28 luglio 1926
Canonizzazione 3 ottobre 1976
Ricorrenza 16 agosto
Attributi Pastorale, giglio, stella sulla fronte

Beatrice de Silva Meneses (Campo Maior, 1424Toledo, 9 agosto 1492) è stata una religiosa portoghese, fondatrice dell'ordine delle monache concezioniste francescane: nel 1976 è stata proclamata santa da papa Paolo VI.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque a Campo Maior o Ceuta, Portogallo[1], figlia dai nobili Ruy Gomes de Silva e Isabella de Menezes: suo fratello Amadeo fu frate e riformatore francescano, fondatore degli amadeiti. Nel 1447 fu chiamata a corte, come dama di compagnia di Isabella, nipote del re Giovanni I d'Aviz: quando la principessa sposò il futuro re di Castiglia Giovanni II, seguì Isabella in Spagna.

Attorno al 1454 si ritirò, senza abbracciare la vita religiosa, nel monastero delle domenicane di Toledo: Isabella di Castiglia le cedette un nuovo edificio perché vi edificasse un nuovo convento intitolato all'Immacolata e, con la bolla Inter universa del 30 aprile 1489, papa Innocenzo VIII ne concesse l'erezione.

Beatrice morì poco tempo dopo, prima della vestizione: il suo monastero adottò in seguito la regola delle clarisse (1494) e divenne la prima casa delle concezioniste.

Il culto[modifica | modifica wikitesto]

Onorata come beata sin dalla morte, il culto tributatole popolarmente venne approvato da papa Pio XI il 28 luglio 1926: Paolo VI la iscrisse nel catalogo dei santi il 3 ottobre del 1976.

Il Martirologio romano la nomina il 17 agosto.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Decreto della Congregazione per il culto divino e la disciplina dei sacramenti

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • B. Pandžić, Beatrice de Silva, in Dizionario degli istituti di perfezione, vol. I, Ed. Paoline, Milano, 1974, coll. 1155-1156.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Beatrice de Silva in Santi, beati e testimoni - Enciclopedia dei santi, santiebeati.it.

Controllo di autorità VIAF: 35269123