Beatrice Macola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Beatrice Macola (Verona, 2 dicembre 1965Roma, 13 dicembre 2001) è stata un'attrice italiana.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nata in una famiglia nobile veronese[1], dopo gli studi di ragioneria[1] decise di intraprendere la carriera artistica contro la volontà paterna[2] e debuttò sul grande schermo nel 1987, dapprima nel film avventuroso di Antonio Bido Mak Π 100. Ottenne successivamente una piccola parte in Francia sotto la direzione del regista francese Claude Chabrol nel fantascientifico Doctor M., dove interpreta la parte di una pittrice suicida.

Il suo ruolo più conosciuto è quello di Ingrid l'amante tedesca di Oskar Schindler, interpretato da Liam Neeson, nel pluripremiato Schindler's List di Steven Spielberg, parte ottenuta grazie al suo viso intenso e particolare, dall'aspetto più mitteleuropeo che italiano, e alla sua capacità di recitare in varie lingue diverse. L'anno seguente il regista Mario Monicelli le fa interpretare nel suo Cari fottutissimi amici il ruolo di Testa di rapa, una giovane donna rasata dai partigiani per via del suo collaborazionismo con i fascisti.

Ha lavorato anche nella produzione televisiva RAI La piovra 6 interpretando l'agente di polizia Fede, incaricata di sorvegliare il mafioso Tano Cariddi per conto del commissario Licata (Vittorio Mezzogiorno).

Nel 1986 si era cimentata anche come presentatrice, affiancando Nik Novecento e Alfiero Toppetti nella conduzione dell'ibrido televisivo-teatrale Hamburger Serenade ideato da Pupi Avati, in cui lei e i due colleghi, grazie alle loro capacità attoriali, si fingevano abilmente presentatori dilettanti.

È morta prematuramente a Roma, il 13 dicembre 2001[2], dopo 10 giorni di coma a seguito di un ictus cerebrale.

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Cinema[modifica | modifica sorgente]

Televisione[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b quotidiano Corriere della Sera del 01/07/1993, p.26
  2. ^ a b [1] quotidiano Corriere della Sera del 15/12/2001, p.41

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]