Beatrice I d'Este

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Beatrice I d'Este (... – 10 maggio 1226) è stata una monaca italiana, beatificata da Papa Clemente XIII.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Beatrice I d'Este nacque all'inizio dell'ultimo decennio del XII secolo (1191 o 1192) dal marchese Azzo VI e dalla sua seconda moglie Sofia, Contessa di Savoia. Visse agiatamente gli anni della giovinezza nei castelli di Este e Calaone, dove conobbe gli svaghi e i privilegi della vita di corte e fu celebrata dai poeti del tempo per la sua virtù e bellezza.

La sua vita serena fu però sconvolta dalla prima guerra tra guelfi e ghibellini in Veneto, che condusse a morte prematura il padre; pochi mesi dopo la famiglia subì l'assedio e l'umiliante resa di Este all'esercito formato da Padovani, Vicentini e Bassanesi, comandato dal giovane Ezzelino da Romano. Il fratello maggiore Aldobrandino, succeduto al padre, fu ucciso (forse avvelenato) nel 1215. Fu in seguito anche a queste vicende dolorose che Beatrice maturò la scelta della vita religiosa. Inizialmente la nobildonna si trasferì nel monastero benedettino di Santa Margherita sul monte Salarola (Calaone) dove rimase per un anno e mezzo (1220-1221) senza il consenso del fratello Azzo VII, nuovo marchese d'Este.

Nell'aprile 1221, dopo essersi riconciliata con il fratello, Beatrice ottenne dal vescovo di Padova il monastero maschile di San Giovanni Battista sul monte Gemola, da tempo abbandonato e ceduto definitivamente alla Diocesi: qui Beatrice volle fondare una nuova comunità femminile che aderì alla Regola di San Benedetto. A questo scopo destinò i suoi beni alle spese di ricostruzione dell'edificio monastico e della chiesa. Presi i voti e fondata la comunità, la giovane monaca attirò con la sua fama e il suo esempio un decina di altre nobildonne che si unirono a lei, venendo al Gemola anche da lontano. Tra queste si possono citare la beata Giuliana dei conti di Collalto, ora sepolta in una chiesa dell'isola della Giudecca a Venezia, e Maria Enselmini della nobile famiglia padovana cui apparteneva anche la beata Elena. Beatrice e le sue compagne scelsero una dura vita di penitenza, di preghiera, di digiuno e di povertà. La sua umiltà si rispecchia nel rifiuto di diventare badessa: le fonti indicano Desiderata come colei che fu eletta a capo del monastero. Probabilmente le condizioni di una vita tanto austera, in completa clausura, minarono la salute di Beatrice, che si ammalò di tisi dopo pochi anni. Morì sul monte Gemola all'età di circa 34 anni, il 10 maggio 1226.

Le fonti storiche[modifica | modifica sorgente]

I dati biografici sono desunti dalla Vita Beatae Beatricis del suo padre spirituale, il frate veronese Alberto priore di S. Spirito. L'antico testo, per secoli rimasto sconosciuto, fu ritrovato e pubblicato a stampa nel XVIII secolo dall'abate Giovanni Brunacci, ed è ora conservato in un solo codice presso la Biblioteca Estense di Modena.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie