Batterioterapia fecale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Reperto anatomopatologico di una mucosa del colon che mostra le lesioni tipiche della colite pseudomembranosa.

La batterioterapia fecale, detta anche trapianto fecale o trapianto di feci o trasfusione fecale o infusione di probiotici umani (HPI) o trapianto di microbioma fecale, è un trattamento medico non farmacologico, in fase sperimentale, utilizzato con una certa efficacia in soggetti affetti da colite pseudomembranosa sostenuta dal Clostridium difficile;[1][2] [3]o anche in caso di colite ulcerosa[4] refrattaria alle comuni terapie. Scopo di questa innovativa terapia è quello di ripristinare l'ecologia microbica e l'omeostasi del colon, reintroducendo un microbiota umano sano (equilibrato), prelevato da feci di un donatore sano o in certi casi da feci "donate" precedentemente dallo stesso soggetto (omotrasfusione o ripristino autologo della flora gastrointestinale - ARGF).[5]

Cenni storici[modifica | modifica sorgente]

Lewin (2001) riporta che "... il consumo di feci fresche di cammello viene raccomandato dai beduini come rimedio per la dissenteria batterica, la sua efficacia è probabilmente attribuibile all'antibiotico subtilisina prodotto dal Bacillus subtilis); questa procedura è stata usata anche da soldati tedeschi in Africa durante la seconda guerra mondiale."[6]

La tecnica usata per la batterioterapia fecale è stata sviluppata sin dal 2003 dal team del Dr. Thomas J. Borody a Sydney, Australia, come trattamento alternativo nella colite pseudomembranosa, specie nelle forme recidivanti e resistenti alla terapia con vancomicina.[4][7] Nello stesso anno un gruppo di ricerca dell'SMDC Medical Center della Clinica di Duluth capoluogo della Contea di St. Louis, Minnesota pubblica un lavoro che per la prima volta descrive la metodica su 18 casi di pazienti con infezione da C. difficile.[8]

Questa strategia terapeutica è stata a lungo usata nell'allevamento animale, per evitare la salmonellosi nei polli.[9] Inoltre, è utilmente utilizzata su topi di laboratorio germ free (naturalmente privi di germi) per rendere umanizzate le feci degli stessi animali, in modo da poter studiare gli effetti di farmaci o altro sull'ecosistema umano riprodotto nel topo.[10]

Razionali teorici[modifica | modifica sorgente]

Il batterio fecale E. coli ingrandito x10.000 volte

I razionali teorici di questa tecnica terapeutica vanno ricercati nelle ricerche più avanzate che riguardo l'uso dei probiotici e gli studi sul microbioma, che è l'insieme di microrganismi: batteri, archeobatteri, funghi, virus, presenti in un ambiente specifico (in questo caso l'ambiente fecale). Infatti è noto come una buona ecologia microbica possa respingere il sovra-sviluppo di organismi patogeni. Nel colon si stimano vi siano 500 a circa 1000 specie diverse di batteri per un totale di 1013 batteri.[11] Infatti, il microbioma che va considerato come entità biologica a sé stante, che è simbionte con l'organismo ospite. Il complesso dei batteri o microbioma agisce nel mantenere l'omeostasi dell'organismo ospite; questa flora microbica è relativamente innocua se reintrodotta nell'organismo.[12][13][14][15][16]

Non si sa molto del ruolo del microbioma, però molte specie animali erbivore e non,[17] è noto hanno abitudini coprofaghe, probabilmente ciò per avere un doppio ciclo digestivo (digestione doppia).[18][19]

Il vantaggio principale della batterioterapia fecale è quello di ridurre il rischio di indurre resistenza agli antibiotici in batteri ad alta patogenicità. Altri vantaggi sono un costo relativamente basso, la mancanza di necessità di farmaci e una buona efficacia (da confermare con studi più ampi) per il trattamento di casi in cui esiste una resistenza agli antibiotici. Il metodo è tuttavia ancora considerato un trattamento di "ultima spiaggia" per la sua più invasività rispetto al trattamento convenzionale con antibiotici, e per i potenziali rischi di trasmissione di infezioni (batteri, virus, prioni, parassiti intestinali).[20]

Anche se l'esperienza con batterioterapia fecale è ancora limitata, i risultati pubblicati sulla procedura mostrano che oltre 80 pazienti hanno dimostrato un tasso medio di successo superiore al 90%. La batterioterapia fecale è una procedura a basso contenuto tecnologico, facile da eseguire, che può rompere i cicli di uso ripetuto di antibiotici, cosa che a sua volta riduce il rischio di fenomeni di antibiotico resistenza. Inoltre, ha anche un potenziale risparmio di costi, rispetto alle ripetute somministrazione di antibiotici con le necessarie ospedalizzazioni.[20]

Colite pseudomembranosa[modifica | modifica sorgente]

Ingrandimento al microscopio di pseudomembrane nel colon in corso di colite da Clostridium difficile, conosciuta anche come colite pseudomembranosa. La presenza di pseudomembrane non è sinonimo di colite da Clostridium difficile; le pseudomembrane possono insorgere a causa di altri agenti infettivi e/o per ischemia intestinale. Come suggerisce il nome, le pseudomembrane sono non membrane reali, ma rappresentano detriti necrotici attaccati alla parete del colon. Esse possono vagamente assomigliare ad una eruzione vulcanica, quando esaminati al microscopio.

L'importanza come patogeno del Clostridium difficile (CDI) è stata stabilita con certezza a partire dal 1978,[21] ma l'importanza di questa tecnica nel trattamento della colite pseudomembranosa nasce anche dal fatto che la sua epidemiologia è recentemente cambiata, ponendo seri problemi diagnostici e terapeutici per i clinici. I tassi di infezione (CDI) sono raddoppiati da 31/100.000 persone del 1996 a 61/100.000 nel 2003.[22] Nel corso degli ultimi anni, infatti, la gravità e la mortalità dell'infezione da C. difficile CDI, è in aumento e ciò è stato attribuito a un nuovo ceppo virulento di C. difficile conosciuto come il ceppo North American Pulsed-field gel electrophoresis type 1 (NAP-1) o anche PFGE tipo BI/NAP1 ribotipo 027.[23] L'unicità del ceppo NAP-1 consiste nella sua maggiore produzione di tossine A e B e nella produzione di una tossina binaria e nella sua resistenza al fluorochinolone.[24][25][26][27][28][29]

Ceppi NAP1 ipervirulenti di C. difficile sono responsabili della maggioranza delle recenti epidemie nosocomiali, inoltre, l'uso diffuso di antibiotici di tipo fluorochinolone può avere facilitato la proliferazione selettiva di questo ceppo. Il ceppo NAP1 è anche in grado di provocare, con più alta probabilità, la colite grave e fulminante caratterizzata da leucocitosi marcata, insufficienza renale acuta, instabilità emodinamica, e megacolon tossico.[30]

Il C. difficile è diventato la più comune causa batterica di diarrea nosocomiale.[31][32] L'infezione da Clostridium difficile provoca la CDAD (Clostridium difficile Associated Disease) o più raramente la colite pseudomembranosa, che è una grave condizione medica causa di una significativa morbidità e mortalità, specialmente nei pazienti sottoposti a trattamento con antibiotici o pazienti con cancro sottoposti a trapianto di cellule staminali,[32] o anche in pazienti sottoposti a radioterapia.[33][34]

L'aumento della frequenza delle infezioni da parte di ceppi di C. difficile ipervirulenti ha portato a complicazioni e fallimenti terapeutici con il trattamento tradizionale a base di metronidazolo e vancomicina.[35][36]

Pur con un'esperienza clinica limitata, preliminarmente, la batterioterapia fecale ha mostrato di garantire elevati tassi di guarigione clinica, tuttavia, mancano ad oggi per questo approccio terapeutico studi clinici randomizzati. Malgrado ciò secondo ricercatori dell'Università del Minnesota, Minneapolis:

« il trapianto ha avuto un impatto drammatico sulla composizione della flora intestinale del paziente. ... Il cambiamento nella composizione batterica è stato accompagnato da risoluzione dei sintomi del paziente. ... i batteri del donatore hanno occupato rapidamente le loro nicchie con conseguente ripristino sia della struttura che della funzione delle comunità microbiche presenti. »
((Un Khoruts et al. 2010[37])

Colite ulcerosa[modifica | modifica sorgente]

Immagine endoscopica di un colon affetto da colite ulcerosa

Nella colite ulcerosa, nessun agente patogeno è stato trovato fino ad oggi. Ma l'efficacia della batterioterapia fecale, in questo caso, suggerirebbe che la causa della colite ulcerosa può essere dovuta ad una precedente infezione di un agente patogeno rimasto sconosciuto. Infatti l'infezione iniziale può probabilmente essersi risolta naturalmente in questi pazienti; ma talvolta, uno squilibrio della flora intestinale del colon potrebbe portare ad una riacutizzazione infiammatoria (il che spiegherebbe la natura ciclica e ricorrente di questa malattia). Questo ciclo sembra, almeno in molti casi, essere interrotto dalla ri-colonizzazione del colon del paziente con di un complesso batterico (probiotico) prelevato da un intestino sano (eterotrapianto).[7] Alcuni medici ritengono che questo trattamento effettuato in soggetti in buone condizioni, è sicuro e molti pazienti potrebbero trarre beneficio da questa innovativa terapia.[38][39]

Uno studio del maggio 2011, ha confermato la buona disponibilità dei pazienti e di genitori di bambini affetti da colite ulcerosa ad accettare questo trattamento, una volta superato l'iniziale disgusto per la metodica.

« Sebbene il disgusto iniziale e il "fattore puah" sono stati citati in maniera uniforme, queste preoccupazioni sono state più che compensate da benefici percepiti. »
(Kahn et al., Università di Chicago[40])

Nel 2013 un'altra ricerca conferma la validità della terapia con uno studio prospettico pilota su dieci soggetti di 7-21 anni. Questo studio dimostra la tollerabilità e l'efficacia della terapia di trapianto fecale nella Colite ulcerosa; infatti, in sette soggetti c'è stata una remissione clinica entro una settimana e sei su nove hanno mantenuto la remissione clinica ad un mese.[41]

Altre patologie studiate[modifica | modifica sorgente]

Attualmente la tecnica è studiata in soggetti affetti da Malattia di Parkinson, diabete ed obesità.[42]

Procedura[modifica | modifica sorgente]

Classica[modifica | modifica sorgente]

Schema di intubazione nasogastrica
Kit per infusione con clistere

Normalmente si usano le feci di un parente, stretto e in buona salute, del paziente dopo aver indagato ed escluso la presenza di batteri o virus o parassiti contagiosi tipo: Salmonella, virus dell'epatite ecc.[43][44]

Dopo la raccolta, il campione di feci viene lavorato e preparato in un laboratorio clinico sotto forma di una sospensione liquida, che viene successivamente instillata nella tratto gastrointestinale superiore attraverso un sondino nasogastrico che risale fino a livello del cieco.[45] o nel colon attraverso un clistere.

La procedura comporta a volte 5-10 giorni di trattamento con clisteri, fatti con il microbiota umano dalle feci di un donatore sano, la maggior parte dei pazienti guarisce dopo un solo trattamento. La scelta migliore per il donatore è un parente stretto che è stato testato per una vasta gamma di agenti batterici e parassitari.[46] I clisteri sono preparati e somministrati in ambiente ospedaliero per garantire tutte le attenzioni necessarie. L'infusione del probiotico può anche essere fatta attraverso un sondino nasogastrico, fornendo i batteri direttamente all'intestino tenue.[8][47]

I due metodi possono essere combinati per ottenere il miglior risultato. Regolari controlli vanno fatti fino ad un anno dopo la procedura.

ARGF (ripristino autologo della flora gastrointestinale)[modifica | modifica sorgente]

Una forma modificata di batterioterapia fecale, attualmente in fase di sviluppo, è il ripristino autologo della flora gastrointestinale - (ARGF).[48] Questa metodica è più sicura, più efficace e più facile da somministrare. Un campione fecale autologo (proprio), è fornito dal paziente prima del trattamento medico e conservato in frigorifero. Se il paziente sviluppa successivamente la patologia da C. difficile il campione viene estratto con soluzione salina e filtrata. Il filtrato è liofilizzato e il solido risultante viene racchiuso in capsule gastroresistenti. La somministrazione delle capsule ripristina la flora del colon propria del paziente, cosa utile per combattere l'infezione da C. difficile eventualmente subentrata. Questa procedura permette di evitare i rischi della classica batterioterapia fecale, dove una eventuale infezione potrebbe essere trasmessa al paziente dal donatore e, inoltre, si eviterebbe la necessità di somministrare il campione di feci nel duodeno attraverso una sonda gastrica.[49]

Efficacia[modifica | modifica sorgente]

L'efficacia della metodica nel prevenire le recidive della colite pseudomembranosa è stimata attorno a 90%[50][51] Uno studio del dicembre del 2011 conferma questi dati mostrando un'efficacia della metodica del 92%, nel prevenire la diarrea o un'ulteriore recidiva in un gruppo di 26 pazienti con infezioni ricorrenti da C. difficile.[52]

Uno studio finlandese del 2011, sottolinea come il trattamento con gli antibiotici delle infezioni ricorrenti da Clostridium difficile (CDI) porta a recidive nel 50% nei pazienti. L'utilizzo del trapianto fecale durante una procedura di esame colonscopico previa una preparazione intestinale con il polietilenglicole (lavaggio), ha consentito, con un follow-up ad un anno, un risoluzione del 89% dei casi di colite pseudomembranosa recidivante, sottolineando che i casi trattati erano causati da un ceppo di C. difficile (tipo 027) particolarmente virulento.[53]

Sempre nel dicembre del 2011, su 317 pazienti, una review ha mostrato un'efficacia della metodica del 92% mostrando, anche, scarsi effetti collaterali.[54]

Stato dell'arte[modifica | modifica sorgente]

Inizialmente dopo un seminario di studi (workshop) presso la Yale University nel 2005 e nel 2007, sono state emanate e pubblicate raccomandazioni generali e specifiche, pubblicate e validate nel 2008, riguardo l'uso clinico dei probiotici (Recommendations for probiotic use. - J Clin Gastroenterol. 2008).[55] In questa importante pubblicazione sono state emanate numerose raccomandazioni per il trattamento delle malattie infiammatorie intestinali (MICI) e la sindrome dell'intestino irritabile. Gli autori in questo workshop hanno raccomandato cautela nell'uso della tecnica del trapianto fecale a causa del limitato numero di studi.

Successivamente nell'aggiornamento del dicembre del 2011 di questo atto di consenso (consensus opinion), prodotto sempre dalla Yale University School of Medicine con la partecipazione di 10 esperti, viene confermato e validato il valore terapeutico della batterio terapia fecale, o trapianto di microbioma fecale, nelle forme di diarrea da C. difficile resistenti.[56]

Una importante metanalisi pubblicata nell'aprile del 2013 e condotta su 11 RCT per un totale di 273 pazienti con Colite pseudomembranosa trattati con trapianto fecale dimostra che: 245 pazienti hanno ottenuto la guarigione clinica senza eventi avversi significativi, con un follow up di settimane o anni, con un miglior risultato per l'impianto del materiale per via rettale. Tuttavia gli autori concludono sulla necessità di ulteriori studi per poter suggerire in modo generalizzato questa metodica terapeutica.[57]

Ruolo dell'appendice[modifica | modifica sorgente]

Il rischio di recidive di colite pseudomembranosa sembra essere strettamente legata alla presenza o meno dell'appendice, poiché questa probabilmente svolge un ruolo attivo nel ripristino della normale microflora intestinale dopo un ciclo di terapia con antibiotici. Infatti, essa fa parte del tessuto linfoide associato alla mucosa (MALT) e la sua integrità è condizione necessaria per consentire una ottimale produzione del biofilm protettivo della mucosa colica. In uno studio del dicembre 2011 infatti, si dimostra come la probabilità di infettarsi con il Clostridiun difficile, in soggetti sottoposti ad appendicectomia, è dell'48 per cento, contro l'11 di chi conserva ancora l'appendice, dimostrando così una relazione diretta tra la recidiva della colite pseudomembranosa e l'appendicectomia.[58]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ G. Russell, J. Kaplan; M. Ferraro; IC. Michelow, Fecal bacteriotherapy for relapsing Clostridium difficile infection in a child: a proposed treatment protocol. in Pediatrics, vol. 126, nº 1, luglio 2010, pp. e239-42, DOI:10.1542/peds.2009-3363, PMID 20547640.
  2. ^ AA. MacConnachie, R. Fox; DR. Kennedy; RA. Seaton, Faecal transplant for recurrent Clostridium difficile-associated diarrhoea: a UK case series. in QJM, vol. 102, nº 11, novembre 2009, pp. 781-4, DOI:10.1093/qjmed/hcp118, PMID 19726581.
  3. ^ http://www.nejm.org/doi/full/10.1056/NEJMoa1205037
  4. ^ a b TJ. Borody, EF. Warren; S. Leis; R. Surace; O. Ashman, Treatment of ulcerative colitis using fecal bacteriotherapy. in J Clin Gastroenterol, vol. 37, nº 1, luglio 2003, pp. 42-7, PMID 12811208.
  5. ^ W. Glauser, Risk and rewards of fecal transplants. in CMAJ, vol. 183, nº 5, marzo 2011, pp. 541-2, DOI:10.1503/cmaj.109-3806, PMID 21398226.
  6. ^ Lewin, Ralph A., More on Merde in Perspectives in Biology and Medicine, vol. 44, nº 4, 2001, pp. 594–607, DOI:10.1353/pbm.2001.0067, PMID 11600805.
  7. ^ a b TJ. Borody, EF. Warren; SM. Leis; R. Surace; O. Ashman; S. Siarakas, Bacteriotherapy using fecal flora: toying with human motions. in J Clin Gastroenterol, vol. 38, nº 6, luglio 2004, pp. 475-83, PMID 15220681.
  8. ^ a b J. Aas, CE. Gessert; JS. Bakken, Recurrent Clostridium difficile colitis: case series involving 18 patients treated with donor stool administered via a nasogastric tube. in Clin Infect Dis, vol. 36, nº 5, marzo 2003, pp. 580-5, DOI:10.1086/367657, PMID 12594638.
  9. ^ E. Nurmi, M. Rantala, New aspects of Salmonella infection in broiler production. in Nature, vol. 241, nº 5386, gennaio 1973, pp. 210-1, PMID 4700893.
  10. ^ PJ. Turnbaugh, VK. Ridaura; JJ. Faith; FE. Rey; R. Knight; JI. Gordon, The effect of diet on the human gut microbiome: a metagenomic analysis in humanized gnotobiotic mice. in Sci Transl Med, vol. 1, nº 6, novembre 2009, pp. 6ra14, DOI:10.1126/scitranslmed.3000322, PMID 20368178.
  11. ^ Silvia Turroni . Alma Mater Studiorum . Università Di Bologna, Dott, Il microbiota intestinale - Impatto di rifaximina sul microbiota intestinale: selezione di bifidobatteri antibiotico resistenti in Dottorato Di Ricerca in Biocatalisi Applicata E Microbiologia Industriale, 2008.
  12. ^ S. Prakash, L. Rodes; M. Coussa-Charley; C. Tomaro-Duchesneau, Gut microbiota: next frontier in understanding human health and development of biotherapeutics. in Biologics, vol. 5, 2011, pp. 71-86, DOI:10.2147/BTT.S19099, PMID 21847343.
  13. ^ PM. Smith, WS. Garrett, The gut microbiota and mucosal T cells. in Front Microbiol, vol. 2, 2011, p. 111, DOI:10.3389/fmicb.2011.00111, PMID 21833339.
  14. ^ H. Tilg, A. Kaser, Gut microbiome, obesity, and metabolic dysfunction. in J Clin Invest, vol. 121, nº 6, giugno 2011, pp. 2126-32, DOI:10.1172/JCI58109, PMID 21633181.
  15. ^ J. Matricon, N. Barnich; D. Ardid, Immunopathogenesis of inflammatory bowel disease. in Self Nonself, vol. 1, nº 4, ottobre 2010, pp. 299-309, DOI:10.4161/self.1.4.13560, PMID 21487504.
  16. ^ DA. Relman, Microbial genomics and infectious diseases. in N Engl J Med, vol. 365, nº 4, luglio 2011, pp. 347-57, DOI:10.1056/NEJMra1003071, PMID 21793746.
  17. ^ Hofmeister, Erik, Melinda Cumming, and Cheryl Dhein, Owner Documentation of Coprophagia in the Canine, 2001. (archiviato dall'url originale il 27 aprile 2007). Accessed November 17, 2005.
  18. ^ O. Soave, CD. Brand, Coprophagy in animals: a review. in Cornell Vet, vol. 81, nº 4, ottobre 1991, pp. 357-64, PMID 1954740.
  19. ^ Thomas M. Smith e Robert L. Smith, Elementi di ecologia, Pearson Paravia Bruno Mondad, 2007, pp. 134–, ISBN 978-88-7192-350-5. URL consultato il 29 agosto 2011.
  20. ^ a b Bakken, J.S., Fecal Bacteriotherapy for recurrent Clostridium difficile associated Diarrhea in : www.anaerobe.org, 2008.
  21. ^ JG. Bartlett, TW. Chang; M. Gurwith; SL. Gorbach; AB. Onderdonk, Antibiotic-associated pseudomembranous colitis due to toxin-producing clostridia. in N Engl J Med, vol. 298, nº 10, marzo 1978, pp. 531-4, DOI:10.1056/NEJM197803092981003, PMID 625309.
  22. ^ LC. McDonald, M. Owings; DB. Jernigan, Clostridium difficile infection in patients discharged from US short-stay hospitals, 1996-2003. in Emerg Infect Dis, vol. 12, nº 3, marzo 2006, pp. 409-15, PMID 16704777.
  23. ^ Website, Rhode Island Department of Health A. Rhode Island Government, Virulent Clostridium difficile (NAP1 or ribotype 027): An emerging pathogen, 2007.
  24. ^ J. Hemminger, JM. Balada-Llasat; M. Raczkowski; M. Buckosh; P. Pancholi, Two case reports of Clostridium difficile bacteremia, one with the epidemic NAP-1 strain. in Infection, aprile 2011, DOI:10.1007/s15010-011-0115-7, PMID 21509425.
  25. ^ JG. Bartlett, New antimicrobial agents for patients with Clostridium difficile infections. in Curr Infect Dis Rep, vol. 11, nº 1, gennaio 2009, pp. 21-8, PMID 19094821.
  26. ^ J. Cloud, L. Noddin; A. Pressman; M. Hu; C. Kelly, Clostridium difficile strain NAP-1 is not associated with severe disease in a nonepidemic setting. in Clin Gastroenterol Hepatol, vol. 7, nº 8, agosto 2009, pp. 868-873.e2, DOI:10.1016/j.cgh.2009.05.018, PMID 19465153.
  27. ^ J. Kok, Q. Wang; LC. Thomas; GL. Gilbert, Presumptive identification of Clostridium difficile 027/NAP1/BI on Cepheid Xpert(R) - interpret with caution. in J Clin Microbiol, agosto 2011, DOI:10.1128/JCM.00752-11, PMID 21849697.
  28. ^ FC. Tenover, T. Akerlund; DN. Gerding; RV. Goering; T. Boström; AM. Jonsson; E. Wong; AT. Wortman; DH. Persing, Comparison of strain typing results for Clostridium difficile isolates from North America. in J Clin Microbiol, vol. 49, nº 5, maggio 2011, pp. 1831-7, DOI:10.1128/JCM.02446-10, PMID 21389155.
  29. ^ JG. Bartlett, Clostridium difficile: progress and challenges. in Ann N Y Acad Sci, vol. 1213, dicembre 2010, pp. 62-9, DOI:10.1111/j.1749-6632.2010.05863.x, PMID 21175676.
  30. ^ Pant C, Sferra TJ, Deshpande A, Minocha A, Clinical approach to severe Clostridium difficile infection: update for the hospital practitioner in Eur. J. Intern. Med., vol. 22, nº 6, dicembre 2011, pp. 561–8, DOI:10.1016/j.ejim.2011.04.009, PMID 22075280.
  31. ^ Centers for Disease Control e Prevention, Clostridium difficile Infection (CDI, C. diff) - Healthcare-associated Infections (HAIs), 2007.
  32. ^ a b T. Chopra, GJ. Alangaden; P. Chandrasekar, Clostridium difficile infection in cancer patients and hematopoietic stem cell transplant recipients. in Expert Rev Anti Infect Ther, vol. 8, nº 10, ottobre 2010, pp. 1113-9, DOI:10.1586/eri.10.95, PMID 20954878.
  33. ^ MG. Hautmann, M. Hipp; O. Kölbl, Clostridium difficile-associated diarrhea in radiooncology: an underestimated problem for the feasibility of the radiooncological treatment? in Radiat Oncol, vol. 6, 2011, p. 89, DOI:10.1186/1748-717X-6-89, PMID 21806799.
  34. ^ L. Cuzzolin, D. Zambreri; M. Donini; C. Griso; G. Benoni, Influence of radiotherapy on intestinal microflora in cancer patients. in J Chemother, vol. 4, nº 3, giugno 1992, pp. 176-9, PMID 1517812.
  35. ^ R. Voelker, Increased Clostridium difficile virulence demands new treatment approach. in JAMA, vol. 303, nº 20, maggio 2010, pp. 2017-9, DOI:10.1001/jama.2010.647, PMID 20501917.
  36. ^ C. Denève, C. Janoir; I. Poilane; C. Fantinato; A. Collignon, New trends in Clostridium difficile virulence and pathogenesis. in Int J Antimicrob Agents, 33 Suppl 1, marzo 2009, pp. S24-8, DOI:10.1016/S0924-8579(09)70012-3, PMID 19303565.
  37. ^ A. Khoruts, J. Dicksved; JK. Jansson; MJ. Sadowsky, Changes in the composition of the human fecal microbiome after bacteriotherapy for recurrent Clostridium difficile-associated diarrhea. in J Clin Gastroenterol, vol. 44, nº 5, pp. 354-60, DOI:10.1097/MCG.0b013e3181c87e02, PMID 20048681.
  38. ^ M.D. Thomas J. Borody e M.A. Ori Ashman, Treatment of Ulcerative Colitis Using Fecal Bacteriotherapy in J Clin Gastroenterol, vol. 37, nº 1, 2003, pp. 42–47, PMID 1281120.
  39. ^ MS. Silverman, I. Davis; DR. Pillai, Success of self-administered home fecal transplantation for chronic Clostridium difficile infection. in Clin Gastroenterol Hepatol, vol. 8, nº 5, maggio 2010, pp. 471-3, DOI:10.1016/j.cgh.2010.01.007, PMID 20117243.
  40. ^ Kahn SA, Gorawara-Bhat R, Rubin DT, Fecal bacteriotherapy for ulcerative colitis: Patients are ready, are we? in Inflamm. Bowel Dis., maggio 2011, DOI:10.1002/ibd.21775, PMC 3183116, PMID 21618362.
  41. ^ S. Kunde, A. Pham; S. Bonczyk; C. Teri; M. Duba; H. Conrad; D. Cloney; S. Kugathasan, Safety, Tolerability, and Clinical Response after Fecal Transplantation in Children and Young Adults with Ulcerative Colitis. in J Pediatr Gastroenterol Nutr, marzo 2013, DOI:10.1097/MPG.0b013e318292fa0d, PMID 23542823.
  42. ^ Ananthaswamy, Anil, Faecal transplant eases symptoms of Parkinson's in New Scientist Health, 2011. URL consultato il 25 agosto 2011.
  43. ^ cbc.radio-canada.ca, Don't poo-poo technique: Fecal transplant can cure superbug, doctors say, 2007. URL consultato il 26 agosto 2011.
  44. ^ Folha.com, Bactéria fecal de marido salva mulher de infecção fatal, 2010. URL consultato il 26 agosto 2011.
  45. ^ Il trapianto di feci cura la colite da Clostridium Difficile
  46. ^ News, C.B.C., Don't poo-poo technique: Fecal transplant can cure superbug, doctors say in CBC News, 2007. URL consultato il 27 agosto 2011.
  47. ^ Bacteriotherapy, \wjm-New\Faecal, Clostridium difficile – a New Non-Antibiotic Treatment.
  48. ^ MartinWJ (2009). "Encapsulated Medicines for Iatrogenic Diseases.". British Patent Application.: GB0916335.3
  49. ^ Autologous Rehabilitation of Gastrointestinal Flora (ARGF).
  50. ^ Joan R. Callahan, Emerging Biological Threats: A Reference Guide, ABC-CLIO, 23 dicembre 2009, pp. 74–, ISBN 978-0-313-37209-4.
  51. ^ JS. Bakken, Fecal bacteriotherapy for recurrent Clostridium difficile infection. in Anaerobe, vol. 15, nº 6, dicembre 2009, pp. 285-9, DOI:10.1016/j.anaerobe.2009.09.007, PMID 19778623.
  52. ^ Kelly CR, de Leon L, Jasutkar N, Fecal Microbiota Transplantation for Relapsing Clostridium difficile Infection in 26 Patients: Methodology and Results in J Clin Gastroenterol, dicembre 2011, DOI:10.1097/MCG.0b013e318234570b, PMID 22157239.
  53. ^ E. Mattila, R. Uusitalo-Seppälä; M. Wuorela; L. Lehtola; H. Nurmi; M. Ristikankare; V. Moilanen; K. Salminen; M. Seppälä; PS. Mattila; VJ. Anttila, Fecal Transplantation, Through Colonoscopy, Is Effective Therapy for Recurrent Clostridium difficile Infection. in Gastroenterology, dicembre 2011, DOI:10.1053/j.gastro.2011.11.037, PMID 22155369.
  54. ^ Gough E, Shaikh H, Manges AR, Systematic review of intestinal microbiota transplantation (fecal bacteriotherapy) for recurrent Clostridium difficile infection in Clin. Infect. Dis., vol. 53, nº 10, novembre 2011, pp. 994–1002, DOI:10.1093/cid/cir632, PMID 22002980.
  55. ^ MH. Floch, WA. Walker; S. Guandalini; P. Hibberd; S. Gorbach; C. Surawicz; ME. Sanders; G. Garcia-Tsao; EM. Quigley; E. Isolauri; RN. Fedorak, Recommendations for probiotic use--2008. in J Clin Gastroenterol, 42 Suppl 2, luglio 2008, pp. S104-8, DOI:10.1097/MCG.0b013e31816b903f, PMID 18542033.
  56. ^ Floch MH, Walker WA, Madsen K, et al., Recommendations for probiotic use-2011 update in J. Clin. Gastroenterol., 45 Suppl, novembre 2011, pp. S168–71, DOI:10.1097/MCG.0b013e318230928b, PMID 21992958.
  57. ^ Z. Kassam, CH. Lee; Y. Yuan; RH. Hunt, Fecal microbiota transplantation for Clostridium difficile infection: systematic review and meta-analysis. in Am J Gastroenterol, vol. 108, nº 4, aprile 2013, pp. 500-8, DOI:10.1038/ajg.2013.59, PMID 23511459.
  58. ^ GY. Im, RJ. Modayil; CT. Lin; SJ. Geier; DS. Katz; M. Feuerman; JH. Grendell, The Appendix May Protect Against Clostridium difficile Recurrence. in Clin Gastroenterol Hepatol, vol. 9, nº 12, dicembre 2011, pp. 1072-7, DOI:10.1016/j.cgh.2011.06.006, PMID 21699818.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Riviste[modifica | modifica sorgente]

  • TJ. Borody, EF. Warren; S. Leis; R. Surace; O. Ashman, Treatment of ulcerative colitis using fecal bacteriotherapy. in J Clin Gastroenterol, vol. 37, nº 1, luglio 2003, pp. 42-7, PMID 12811208.
  • G. Bazzocchi, P. Gionchetti; PF. Almerigi; C. Amadini; M. Campieri, Intestinal microflora and oral bacteriotherapy in irritable bowel syndrome. in Dig Liver Dis, 34 Suppl 2, settembre 2002, pp. S48-53, PMID 12408440.
  • P. Gionchetti, F. Rizzello; A. Venturi; P. Brigidi; D. Matteuzzi; G. Bazzocchi; G. Poggioli; M. Miglioli; M. Campieri, Oral bacteriotherapy as maintenance treatment in patients with chronic pouchitis: a double-blind, placebo-controlled trial. in Gastroenterology, vol. 119, nº 2, agosto 2000, pp. 305-9, PMID 10930365.
  • A. Khoruts, J. Dicksved; JK. Jansson; MJ. Sadowsky, Changes in the composition of the human fecal microbiome after bacteriotherapy for recurrent Clostridium difficile-associated diarrhea. in J Clin Gastroenterol, vol. 44, nº 5, pp. 354-60, DOI:10.1097/MCG.0b013e3181c87e02, PMID 20048681.
  • W. Glauser, Risk and rewards of fecal transplants. in CMAJ, vol. 183, nº 5, marzo 2011, pp. 541-2, DOI:10.1503/cmaj.109-3806, PMID 21398226.
  • P. Patrick Basu, A. Dinani; K. Rayapudi; T. Pacana; NJ. Shah; H. Hampole; NV. Krishnaswamy; V. Mohan, Rifaximin therapy for metronidazole-unresponsive Clostridium difficile infection: a prospective pilot trial. in Therap Adv Gastroenterol, vol. 3, nº 4, luglio 2010, pp. 221-5, DOI:10.1177/1756283X10372985, PMID 21180604.
  • H. Tilg, A. Kaser, Gut microbiome, obesity, and metabolic dysfunction. in J Clin Invest, vol. 121, nº 6, giugno 2011, pp. 2126-32, DOI:10.1172/JCI58109, PMID 21633181.
  • JC. Kwon, MK. Kang; SH. Kim; SM. Choi; HJ. Kim; WS. Min; DG. Lee, A case of pseudomembranous colitis after voriconazole therapy. in Yonsei Med J, vol. 52, nº 5, settembre 2011, pp. 863-5, DOI:10.3349/ymj.2011.52.5.863, PMID 21786455.
  • PJ. Turnbaugh, VK. Ridaura; JJ. Faith; FE. Rey; R. Knight; JI. Gordon, The effect of diet on the human gut microbiome: a metagenomic analysis in humanized gnotobiotic mice. in Sci Transl Med, vol. 1, nº 6, novembre 2009, pp. 6ra14, DOI:10.1126/scitranslmed.3000322, PMID 20368178.
  • AA. MacConnachie, R. Fox; DR. Kennedy; RA. Seaton, Faecal transplant for recurrent Clostridium difficile-associated diarrhoea: a UK case series. in QJM, vol. 102, nº 11, novembre 2009, pp. 781-4, DOI:10.1093/qjmed/hcp118, PMID 19726581.
  • E. Pasche, D. Teodoro; J. Gobeill; P. Ruch; C. Lovis, QA-driven guidelines generation for bacteriotherapy. in AMIA Annu Symp Proc, vol. 2009, 2009, pp. 509-13, PMID 20351908.

Tesi e dissertazioni[modifica | modifica sorgente]

Testi[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina
Questa è una voce di qualità. Clicca qui per maggiori informazioni
Wikimedaglia
Questa è una voce di qualità.
È stata riconosciuta come tale il giorno 27 gennaio 2012vai alla segnalazione.
Naturalmente sono ben accetti altri suggerimenti e modifiche che migliorino ulteriormente il lavoro svolto.

Criteri di ammissione  ·  Segnalazioni  ·  Voci di qualità in altre lingue