Battaglia di Valea Albă

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Battaglia di Valea Albă
Data 26 luglio 1476
Luogo Războieni (Romania)
Esito Vittoria tattica dell'Impero ottomano
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
non più di 18-20.000 130.000 circa
Perdite
qualche migliaio tra morti e prigionieri. Le cronache parlano di 200 morti e di 800 prigionieri poco meno di 30.000
Voci di battaglie presenti su Wikipedia


La battaglia di Valea Albă (anche citata come la battaglia di Războieni o la battaglia di Akdere) (26 luglio 1476) fu combattuta tra il voivoda (principe) di Moldavia Ştefan III cel Mare ed il corpo d'invasione dell'Impero Ottomano guidate dal sultano Maometto II appositamente venuto per vendicare la cocente sconfitta di un anno prima nella battaglia di Vaslui. Il voivoda moldavo aveva affrontato i tartari di Crimea nei pressi di Ştefăneşti nella attuale Bucovina ed aveva diviso la sua armata per proteggere il confine orientale. L'armata ottomana era supportata da un grosso contingente di valacchi ed in totale non meno di 130.000 uomini. Aspro e violentissimo con feroci combattimenti corpo a corpo nei boschi dove i turchi, soprattutto le truppe dei giannizzeri vennero letteralmente macellate dai contadini inferociti accorsi in gran numero in aiuto del loro principe. Stessa sorte subirono i cavalieri valacchi che furono nella quasi totalità sterminati. Tanto sembra che valea albă (valle bianca in italiano) sia dovuto al bianco delle ossa dei caduti rimasti insepolti. Lo scontro si concluse con la ritirata strategica dell'armata moldava ed una virtuale vittoria turca.