Battaglia di Stirling Bridge

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Battaglia di Stirling Bridge
Il ponte oggi
Il ponte oggi
Data 11 settembre 1297
Luogo Stirling Bridge, Scozia
Esito Vittoria scozzese
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
2.300 uomini 9.000 – 12.000 uomini
  • ~1.000 – 2.000 cavalieri
  • ~8.000 – 10.000 fanteria
Perdite
Sconosciuto 100 cavalieri uccisi
5.000 fanti uccisi
Voci di battaglie presenti su Wikipedia


La battaglia di Stirling Bridge fu una battaglia della prima Guerra di indipendenza scozzese combattuta l'11 settembre 1297. Le forze di Andrew de Moray e William Wallace sconfissero l'esercito inglese condotto da John de Warenne e Hugh de Cressingham (morto l'11 settembre 1297).

Questa battaglia fu una tremenda sconfitta per gli inglesi e dimostrò che in determinate circostanze la fanteria poteva dimostrarsi superiore alla cavalleria. Ci volle tuttavia del tempo prima che la lezione venisse completamente compresa.

I fatti[modifica | modifica sorgente]

Gli scozzesi arrivarono nella piana di Stirling diverse ore prima dell'esercito inglese e quindi ebbero il tempo necessario per preparare una strategia. Nonostante l'esercito inglese, formato da arcieri (longbowman), migliaia di fanti e un gran numero di cavalieri pesanti fosse il triplo del loro, gli scozzesi, guidati da William Wallace, non si persero d'animo, ma rimasero fermi ai loro posti.

Quando l'avanguardia inglese, costituita da 5.400 fanti più diverse centinaia di cavalieri, ebbe attraversato il ponte, l'attacco fu ordinato. I lancieri scozzesi scesero dal terreno sopraelevato verso il ponte di Stirling, prendendo rapidamente il controllo della testa di ponte inglese. Hugh de Cressingham, il secondo di Warenne, tentò di ritirarsi e fuggire, ma fu raggiunto e ucciso da William Wallace insieme a migliaia di inglesi.

L'avanguardia di John de Warenne, conte del Surrey fu così tagliata fuori dal resto dell'esercito: la cavalleria pesante al nord del fiume era infatti bloccata in un angusto spazio di manovra che le impediva di caricare e di prestare aiuto alle truppe al di là del ponte. Il comandante inglese, benché avesse ancora un grosso contingente di arcieri ed il resto dell'esercito inglese, quello che non aveva ancora attraversato il fiume, fosse ancora numeroso, evitò il combattimento e, distrutto il ponte, si ritirò verso Berwick, lasciando isolata la guarnigione al castello di Stirling e di fatto consegnando la pianura agli scozzesi.

La battaglia nella fiction[modifica | modifica sorgente]

  • Questa battaglia rappresentò il punto più alto della carriera di Wallace, ed essa venne sempre ricordata nelle rappresentazioni che lo riguardavano. Nel film Braveheart è chiamata semplicemente "la battaglia di Stirling" ed è stata girata omettendo il ponte.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Barrow, G. W. S., Robert Bruce and the Community of the Realm of Scotland, 1976.
  • Brown, C., "William Wallace" 2005.
  • Cowan, Edward J., The Wallace Book, 2007, John Donald, ISBN 0-85976-652-7, ISBN 978-0-85976-652-4
  • Ferguson, J., William Wallace: Guardian of Scotland., 1948.
  • "The Chronicle of Lanercost 1272 – 1346", ed. H. Maxwell, 1913.
  • Nicholson, R., Scotland-the Later Middle Ages, 1974.
  • Prestwich, M., The Three Edwards: War and State in England, 1272–1277, 1980.
  • Traquair, P., Freedom's Sword

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]