Battaglia di Stallupönen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Battaglia di Stallupönen
Movimenti sul fronte est 17 agosto - 23 agosto 1914
Movimenti sul fronte est 17 agosto - 23 agosto 1914
Data 17 agosto 1914
Luogo Stallupönen, Prussia (oggi Nesterov, Russia)
Esito Vittoria tedesca
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
40.000 uomini 200.000 uomini
Perdite
1.200 morti 5.000 morti
3.000 prigionieri
Voci di battaglie presenti su Wikipedia


La battaglia di Stallupönen è stata una battaglia del fronte orientale della prima guerra mondiale, combattuta il 17 agosto 1914.

Gli antefatti[modifica | modifica sorgente]

Assai prima di quanto s'aspettasse l'alto comando tedesco, i russi invasero la Prussia con due armate, la II del generale Alexander Samsonov e la I del generale von Rennenkampf; insieme le due armate contavano circa 150.000 effettivi. Contro di esse vi erano meno di 14.000 tedeschi, comandati dal generale tedesco Maximilian von Prittwitz.

Per bloccare l'invasione von Prittwitz affidò 12.000 uomini al generale Hermann von François, che marciò su Stallupönen; i tedeschi raggrupparono tutte le unità disponibili e portarono il totale dell'armata di von François a 40.000 uomini.

La battaglia[modifica | modifica sorgente]

Il 17 agosto le forze imperiali tedesche arrivarono a Stallupönen, ove si trincerarono in attesa delle forze russe che arrivarono di lì a poco. Von François schierò le sue truppe a mezzaluna su un'altura, dove le sue truppe potevano schierare tutta la loro potenza di fuoco. I russi, fedeli ad un modo di combattere ancora ottocentesco, attaccarono alla baionetta sull'altura difesa dai tedeschi.

I tedeschi spiegarono una potenza di fuoco notevole e con rapidi manovre aggiranti presero 3.000 prigionieri, riuscendo a ritardare l'avanzata russa, che sarebbe poi stata fermata a Tannenberg. La battaglia costò ai tedeschi 1.200 morti e ai russi 8.000 perdite, di cui 5.000 morti.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • Il generale russo Paul von Rennenkampf era nato in Estonia ma aveva chiarissime origine tedesche: per uno scherzo del destino, gli toccò combattere contro la nazione da cui discendeva.