Battaglia di Shigeno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Battaglia di Shigeno
parte dell'Assedio di Osaka
Data 26 novembre 1614
Luogo Shigeno, vicino al fiume Kizu, Giappone
Esito Incerto
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
5.000 2.000
Voci di battaglie presenti su Wikipedia

La battaglia di Shigeno, combattuta negli ultimi mesi del 1614, fu uno degli scontri dell'Assedio di Osaka, una serie di tentativi fatti dallo shogunato Tokugawa per cancellare l'ultimo grande oppositore al suo potere, il clan Toyotomi.

Cinquemila soldati di Tokugawa, comandati da Uesugi Kagekatsu, ingaggiarono in combattimento duemila soldati fedeli ai Toyotomi nel luogo chiamato Shigeno, attraverso il fiume Kizu dal luogo della battaglia di Imafuku, che ebbe luogo alcune settimane prima. Le truppe di Tokugawa ricevettero rinforzi da Niwa Nagashige ed Horio Tadatoki le cui forze includevano un certo numero di archibugieri. Essi portarono ordini da parte dello Shogun, Tokugawa Ieyasu, che Uesugi Kagekatsu si dovesse ritirare dalla battaglia per riposarsi; Kagekatsu insistette sul fatto che questo era un affronto al suo onore, e che gli Uesugi tradizionalmente non si sarebbero mai ritirati da una battaglia in corso.

Riferimenti[modifica | modifica sorgente]

  • Turnbull, Stephen (1998). 'The Samurai Sourcebook'. London: Cassell & Co.
Giappone Portale Giappone: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Giappone