Battaglia di Sharqat

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Battaglia di Sharqat
Data 23– 30 ottobre 1918
Luogo A nord di Baghdad, attuale Iraq
Esito Vittoria britannica
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
2 divisioni di fanteria
2 brigate di cavalleria
“Gruppo Tigri” della 6.Armata
5 reggimenti di fanteria
1 reggimento di fucilieri
Perdite
1.800 11.322
Voci di battaglie presenti su Wikipedia

La battaglia di Sharqat è stato un episodio della Campagna della Mesopotamia della Prima guerra mondiale.

Contesto[modifica | modifica sorgente]

Avendo intuito che – dopo le sconfitte in Palestina e la resa in Bulgaria - presto gli Ottomani avrebbero chiesto un armistizio[1] il primo ministro britannico David Lloyd George ordinò a Sir William Raine Marshall, comandante in capo del fronte della Mesopotamia di eliminare la presenza ottomana tra i fiumi Tigri ed Eufrate occupando i giacimenti petroliferi nei pressi di Mossul.

Quest’ultimo obiettivo era tuttavia di difficile realizzazione in quanto, dopo aver rifornito la Dunsterforce, le forze britanniche in Medio Oriente non disponevano di sufficienti mezzi di trasporto.

La battaglia[modifica | modifica sorgente]

Il 23 ottobre 1918 la 17. e la 18. divisione indiana e la 7. e l’11. brigata di cavalleria di Sir Alexander Cobbe lasciarono dunque Baghdad e in meno di due giorni arrivarono al fiume Piccolo Zab dove incontrarono la 6. Armata ottomana di İsmail Hakkı Bey. İsmail Hakkı Bey si ritirò di ulteriori 100 km a nord verso Sharqat. Qui il 29 ottobre le forse ottomane vennero attaccate e rapidamente sconfitte.

L’indomani İsmail Hakkı Bey si arrese[2] e la 18. divisione indiana proseguì verso Mossul. Il 1º novembre Mossul venne occupata senza spargimento di sangue.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Wilcox , p. 214
  2. ^ Erickson, p. 203

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Wilcox, R. (2006). Battles on the Tigris. Pen & Sword.
  • Moberly, F.J. (1923). Official History of the War: Mesopotamia Campaign, Imperial War Museum. ISBN 1-870423-30-5
  • Erickson, Edward J. (2001). Ordered to Die: A history of the Ottoman Army in the First World War Greenwood Press, Wesport, CT.