Battaglia di Shaho

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Battaglia di Shaho
Xilografia giapponese rappresentante la battaglia di Shaho.
Xilografia giapponese rappresentante la battaglia di Shaho.
Data 5 - 17 ottobre 1904
Luogo Fiume Sha, Manciuria
Esito Offensiva russa respinta
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
150.000 210.000
Perdite
3.951 morti
16.394 feriti
5.084 morti
30.506 feriti
4.869 dispersi
Voci di battaglie presenti su Wikipedia

La battaglia di Shaho fu uno scontro militare terrestre nell'ambito della guerra russo-giapponese. Fu combattuto nelle vicinanze del fiume Sha in Manciuria.

Antefatti[modifica | modifica sorgente]

La situazione per l'esercito imperiale russo era estremamente compromessa al termine della sconfitta di Liaoyang. A Mosca il governo e Nicola II diventavano sempre più impopolari a causa del grande dispendio di uomini e mezzi portato avanti in una guerra dagli esiti disastrosi.

Nicola II voleva a tutti i costi evitare un fallimento di proporzioni che avrebbe minato la reputazione e le stesse basi dell'Impero Russo e per fare ciò riteneva necessario salvare Port Arthur (sotto assedio da mesi) e invertire l'inerzia del conflitto. Per raggiungere questi obbiettivi lo Zar utilizzò la nuova ferrovia transiberiana per far arrivare in breve tempo mezzi e uomini freschi al generale Kuropatkin.

La battaglia[modifica | modifica sorgente]

Il 5 ottobre 1904 l'esercito russo diede inizio ad una offensiva generale a nord di Liaoyang. L'attacco sul fianco sinistro giapponese riuscì lentamente a far guadagnare terrenoai russi e consentire a Kuropatkin di prendere l'iniziativa.

Le forze giapponesi consistevano nella I armata comandata da Kuroki Tametomo, la II armata guidata da Yasukata Oku e la terza armata guidata da Nozu Michitsura. Il 10 ottobre 1904 il generale Oyama ordinò una controffensiva sul fianco destro dei russi, lasciato sguarnito, e il 13 ottobre i russi Kuropatkin fu costretto a bloccare l'avanzata.

La battaglia durò ancora quattro giorni senza conquiste significative da parte dei russi, il 17 ottobre Kuropatkin ordinò di fermare l'attacco.

[modifica | modifica sorgente]

Alla fine di due settimane di intensi combattimenti l'esito della battaglia si può sostanzialmente dire inconclusivo, i russi non riuscirono a raggiungere i grandi obbiettivi che si erano prefissati e i giapponesi ebbero gravi perdite e non furono in grado di conquistare nulla con la loro contro-offensiva.

Altri storici invece affermano che la vittoria andrebbe attribuita ai giapponesi visto che riuscirono a tenere la posizione pur essendo in marcata inferiorità numerica e non avendo un mezzo di supporto importante come la nuova ferrovia transiberiana appena inaugurata dai russi. Secondo questa interpretazione il contrattacco di Ōyama Iwao non era finalizzato a conquistare terreno ma solo a costringere i russi ad alleggerire la pressione e poter difendere la postazione.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

guerra Portale Guerra: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di guerra