Battaglia di Salamina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Battaglia di Salamina (disambigua).
Battaglia di Salamina
Schema della battaglia
Schema della battaglia
Data settembre 480 a.C.
Luogo Salamina
Esito Vittoria dei greci
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
366-380 navi 720 navi
Perdite
40 navi 200 navi
Voci di battaglie presenti su Wikipedia

La battaglia di Salamina fu una battaglia navale che ebbe luogo verso la fine di settembre del 480 a.C., quando la flotta greca, guidata da Temistocle ed Euribiade di Sparta, sconfisse la flotta persiana nello stretto che collega il golfo Saronico alla baia di Eleusi.

La pressione persiana[modifica | modifica sorgente]

I Persiani, dopo l'inaspettata sconfitta subita dieci anni prima a Maratona, non misero da parte le loro mire espansionistiche nei confronti della Grecia. Serse, figlio di Dario I, Re dei Re di Persia, infranse con dimostrazioni di ostilità le speranze di una futura pace con i Greci. I Persiani allestirono un gigantesco esercito composto da tutti i popoli da loro sottomessi, che, secondo Erodoto, sarebbe stato addirittura di due milioni di uomini. Armarono poi una flotta di milleduecento navi. In questo modo potevano schierare l'esercito più grande mai creato fino ad allora.[1]

L'invasione dell'Attica[modifica | modifica sorgente]

In seguito alla sconfitta del re spartano Leonida I, nella battaglia delle Termopili, i Persiani invasero e saccheggiarono la Focide, le città di Platea e Tespie in Beozia, mentre risparmiarono la Doride perché fece atto di sottomissione e Delfi, perché sede dell'oracolo. Ad Atene intanto l'oracolo di Delfi aveva suggerito agli abitanti di difendersi contando sulla forza delle "mura di legno". Il generale ateniese Temistocle, interpretando la profezia come un'allusione all'uso della flotta (ossia la muraglia di legno costituita dagli scafi delle triremi), ordinò ai concittadini di lasciare la città e di rifugiarsi ad Egina, Salamina e Trezene, contando di battere i Persiani sul mare. Le sacerdotesse, i custodi dei tesori dei templi e alcuni cittadini ateniesi rimasero però in città, e vennero massacrati dai Persiani giunti in Attica; i monumenti dell'Acropoli furono in gran parte distrutti.

Anche via mare le cose non andavano meglio. Dopo la battaglia navale di Capo Artemisio, che non produsse esiti rilevanti, la flotta greca comandata da Euribiade si era ritirata nello stretto di Salamina. A causa dei successi ottenuti dall'esercito persiano e del ritardo dei rifornimenti, i Greci non riuscivano a trovare un accordo sulla strategia da adottare; da un lato il generale ateniese Temistocle voleva continuare ad attaccare le navi persiane con la flotta greca mentre i generali peloponnesiaci preferivano optare per una linea difensiva presso l'istmo di Corinto, adducendo che a Salamina in caso di sconfitta gli assediati non avrebbero avuto scampo. Ovviamente quest'ultima soluzione avrebbe significato abbandonare buona parte della Grecia centrale in mano all'esercito invasore. Prevalse, infine, la scelta di Temistocle, convinto che l'unico scacchiere utile alla flotta greca fosse quello tra il golfo Saronico e la baia di Eleusi ed ebbe la forza di imporla, ricorrendo alla minaccia di ritirare le navi ateniesi.

La flotta greca[modifica | modifica sorgente]

Gli storici non concordano sul numero di navi utilizzate nella battaglia:

  • Erodoto afferma che erano 378 le navi greche di cui 180 triremi e non 366 come altri sostengono, perché bisogna contare anche le 12 navi provenienti in un secondo momento da Egina e sostenuto dal Macaulay;
  • Eschilo è convinto che siano 310 i triremi;
  • Ctesia conta 110 triremi;
  • Iperide invece dice che la flotta era composta da 220 navi.
Città Numero
di navi
Città Numero
di navi
Atene: 180 Corinto: 40
Egina: 30 Calcide: 20
Megara: 20 Sparta: 16
Sicione: 15 Epidauro: 10
Eretria: 7 Ambracia: 7
Trezene: 5 Naxos: 4
Leucade: 3 Ermione: 3
Styra: 2 Citno: 2
Ceo: 2 Melo: 2
Sifno: 1 Serifo: 1
Crotone: 1
Totale 366

La flotta persiana[modifica | modifica sorgente]

La più grande flotta persiana consisteva in circa 650 navi, metà di quelle allestite per l'invasione, ciò che rimase dopo due fortunali subiti nel mar Egeo e la battaglia di Capo Artemisio, secondo stime contemporanee; mentre:

  • Erodoto dichiara che la flotta venne rimpiazzata del tutto, ma ci narra solo di 120 navi provenienti dai greci di Tracia e un numero non specificato di navi provenienti dalle isole greche assoggettate;
  • Eschilo scrive che le navi erano 1207, 1000 trireme e 207 navi veloci;
  • Lisia riporta a 1200 le navi a Dorisco;
  • Eforo di Cuma conta 1207 triremi;
  • Isocrate 1300 triremi a Dorisco e 1200 a Salamina;
  • Ctesia dice che le navi erano mille.

Questa discordanza di numeri ci fa pensare che nel corso del secoli successivi agli eventi, gli storici abbiano fatto fatica a trovare fonti chiare e che quindi si confondessero le navi presenti all'Artemisio con quelle a Salamina, a causa anche della vicinanza dei due scontri. Mentre è più probabile la stima degli storici moderni.

La battaglia[modifica | modifica sorgente]

Trireme greca

La flotta persiana attraccata sulla baia del Falero, con un numero di navi a disposizione non di molto superiore a quelle greche, a causa dei presidi lasciati lungo il tragitto e le perdite subite in precedenza, posizionava solitamente i Fenici al centro (a protezione del re), gli Egizi a destra e gli Ioni a sinistra.

Nelle possibilità di Serse di conduzione della guerra, vi era anche la possibilità di richiamare le navi posizionate sull'Ellesponto, tenendo sotto controllo la flotta greca, per sbarcare l'esercito nel Peloponneso, ma per velocizzare le operazioni cercò inutilmente di attirare in acque più aperte la flotta greca. Infine, decise di attaccare penetrando nell'angusto stretto di Salamina, attirato anche dal tranello di Temistocle, che gli aveva fatto credere che avrebbe tradito la flotta greca. Per l'occasione il re persiano si era fatto costruire un trono in cima al monte Egaleo, da cui poteva assistere a quella che credeva sarebbe stata una schiacciante vittoria. La fretta del re persiano, tra l'altro, derivava dal fatto che ormai si approssimava l'autunno, e con la cattiva stagione sarebbe stato molto difficile mantenere in Grecia il suo enorme esercito; inoltre, ogni operazione militare terrestre contro il Peloponneso non poteva compiersi in sicurezza, senza il controllo del mare e l'eliminazione della flotta ellenica, tanto più che la sua flotta aveva subito varie perdite nelle precedenti operazioni contro i Greci o ad opera delle tempeste sull'Egeo (un evento, quest'ultimo, sul quale i Greci avevano contato, costringendo i Persiani a navigare, sotto la minaccia delle proprie navi, lungo una rotta pericolosa). Infine, va notato che non tutte le navi persiane erano immediatamente disponibili: una parte di esse servivano a mantenere sicuri i collegamenti con l'Asia.

Appena penetrati nello stretto, i Persiani presero possesso dell'isoletta di Psitallia e schierarono la flotta ad arco piatto. Contemporaneamente un contingente di 200 navi egiziane aggirava la costa occidentale di Salamina per impedire una ritirata greca. I Greci, quindi, si ritrovarono circondati con gli Egiziani a nord-ovest di Salamina, dove inviarono i Corinti con le loro 40 navi ad evitare l'accerchiamento, i Fenici a sud-ovest e gli Ioni a sud-est. Euribiade, con le sue sedici navi, si trovava all'interno della baia, di fronte agli Ioni, mentre gli Ateniesi erano sulla sua destra, davanti ai Fenici.

La strategia di Temistocle, però, alla fine prevalse. Gli ammiragli di Serse, infatti, si lasciarono indurre a entrare nella baia dal progressivo arretramento degli Ateniesi fino a quando non cominciò il contrattacco. A quel punto i Persiani si trovarono con la costa sui fianchi, gli Ateniesi davanti e le loro stesse navi che seguivano dietro. Non potevano quindi più procedere, arretrare o manovrare. I Greci si lanciarono dunque sulle navi persiane, speronandole coi rostri delle loro triremi (dei quali erano dotate anche le navi nemiche) e mandando all'arrembaggio i propri equipaggi; essi, inoltre, si avvantaggiarono del fatto che l'eccessiva vicinanza fra le navi persiane e la ristrettezza degli spazi portò molte navi nemiche a cozzare l'una con l'altra; d'altronde, quando si profilò la vittoria greca, molte navi persiane si salvarono speronando e affondando quelle della loro flotta pur di scappare: la regina Artemisia I, pare, affondò la nave di un proprio "vassallo". Vari storici della Grecia antica tentarono, in seguito, di fare apparire la battaglia come una vittoria dell'abilità e dell'agilità della flotta greca sulle pesanti navi persiane, ma la verità è esattamente opposta: le agili navi persiane, guidate da esperti nocchieri, fra i quali spiccavano i fenici, furono costrette dalla strategia temistoclea ad attaccare frontalmente le più solide navi elleniche, in spazi angusti dove era impossibile far valere la superiorità numerica per circondare l'avversario. Dunque, più che l'agilità e l'abilità, furono la conoscenza dei luoghi, la furbizia e la forza bruta a determinare la vittoria greca.

La battaglia navale di Salamina fu un vero e proprio tracollo per l'esercito persiano, in quanto furono affondate duecento navi persiane contro le quaranta trireme perdute dalla flotta ateniese. Sconfitta la flotta, i greci trasferirono Aristide con i suoi uomini sull'isola di Psitallia dove annientarono il presidio persiano e dove morirono 3 nipoti di Serse.

Conseguenze[modifica | modifica sorgente]

Il rimanente della flotta persiana, cioè gli ioni, le navi fenicie superstiti e gli egiziani, comprese probabilmente le navi giunte dall'Ellesponto, si riunirono nuovamente nella baia del Falero. Qui Serse persa la fiducia negli ammiragli, optò per il proseguimento della guerra via terra, anche per l'arrivo della cattiva stagione e ripiegò la flotta sui territori da poco conquistati, ritornò a Babilonia lasciando il comando al generale Mardonio. Il quale si ricollocò per l'inverno in Tessaglia ed inviò Artabazo a presidiare i confini dell'Ellesponto.

Anche se i Persiani subirono una secca sconfitta, la battaglia non fu decisiva per la conclusione della guerra. E poi Serse poteva contare sul controllo della Grecia centrale, che potevano essere considerate solide basi dalle quali partire per una nuova spedizione. L'unico neo di questa campagna consisteva nella distruzione della flotta fenicia, il cuore della marina persiana che alla lunga avrebbe irrimediabilmente pesato nell'economia della guerra. Mardonio, infatti venne sconfitto dai Greci un anno dopo nella battaglia di Platea, dove le truppe formate da opliti di tutta la Grecia sbaragliarono definitivamente l'esercito persiano.

Nella letteratura[modifica | modifica sorgente]

La battaglia viene descritta da Eschilo ne I Persiani (rappresentata nel 472 a.C.).

« Degli avvenimenti anteriori, il più grande fu la guerra coi Medi, ma pure questa ebbe una rapida soluzione, con due battaglie per terra e due per mare. »
(Tucidide, Storie, I, 23)

Molto probabilmente le due battaglie terrestri cui Eschilo fa riferimento furono quelle delle Termopili (avvenuta l'11 agosto 480 a.C.) e di Platea (del 20 agosto 479 a.C.); le due battaglie navali furono invece quelle di Artemision (agosto del 480 a.C.) e, appunto, quella di Salamina (settembre dello stesso anno).

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Le stime di Erodoto sono considerate esagerate. Si trattava, più probabilmente, di un esercito non superiore ai 300.000 uomini; comunque un'enormità per quei tempi

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Fonti primarie
Fonti secondarie

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]