Battaglia di Salamina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 37°57′05″N 23°34′00″E / 37.951389°N 23.566667°E37.951389; 23.566667

Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Battaglia di Salamina
Immagine satellitare dell'isola di Salamina: lo stretto è lo specchio d'acqua che si trova al centro, dei cui accessi quello di destra fu teatro dello scontro.
Immagine satellitare dell'isola di Salamina: lo stretto è lo specchio d'acqua che si trova al centro, dei cui accessi quello di destra fu teatro dello scontro.
Data settembre 480 a.C.
Luogo stretto di Salamina
Causa tentativo di conquista del Peloponneso da parte dell'impero achemenide
Esito vittoria greca
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
371-378 navi 300-1207 navi
Perdite
40 navi 200-300 navi
Voci di guerre presenti su Wikipedia
(GRC)
« Ξέρξης - ὀλοοὺς ἀπέλειπον
Τυρίας ἐχ ναὸς ἔρροντας ἐπ' ἀχταῖς
Σαλαμινιάσι, στυφελοῦ θείνοντας ἐπ' ἀχτᾶς. »
(IT)
« Serse - Morti li abbandonavo
da una nave tiria, mentre perivano
sul lido di Salamina, urtando l'aspra costa. »
(Eschilo, I Persiani 963-65)

La Battaglia di Salamina (in greco antico ἡ ἐν Σαλαμῖνι ναυμαχία, traslitterato in hē en Salamîni naumachía) fu uno scontro navale che si svolse probabilmente nel settembre del 480 a.C., in piena seconda guerra persiana, e che vide contrapposti la lega panellenica, comandata da Temistocle ed Euribiade, e l'impero achemenide, comandato invece da Serse I di Persia. Lo stretto tra la polis di Atene e l'isola di Salamina, sita nell'attuale golfo Saronico, fu il teatro dello scontro.

Per bloccare l'avanzata persiana, un contingente limitato di Greci aveva ingaggiato la battaglia delle Termopili e la flotta a prevalenza ateniese aveva combattuto presso Capo Artemisio ottenendo rispettivamente una sconfitta e una sostanziale parità dovuta alla ritirata verso Salamina, seguita all'apprendimento dell'esito del contemporaneo scontro. Superato il passo delle Termopili, i Persiani erano penetrati in Beozia e in Attica, conquistando queste due regioni e costringendo i Greci ad allestire una linea difensiva all'altezza dell'istmo di Corinto.

Nonostante lo svantaggio numerico, la lega panellenica capitanata dal generale ateniese Temistocle, fu da lui costretta a intraprendere un secondo scontro con la flotta avversaria, nella speranza che una vittoria navale allontanasse il pericolo di un attacco via mare del Peloponneso; anche Serse I era ansioso di poter scendere nuovamente a battaglia. Il sotterfugio escogitato da Temistocle, scompose i piani del Gran Re e la flotta persiana, accecata dall'apparenza di una vittoria semplice, entrò nello stretto di Salamina tentando di bloccare lì le navi greche con una manovra di accerchiamento.

Tale era l'angustia dello stretto, inadatto al combattimento di un così gran numero di navi, che il territorio si rivelò ben presto inadatto alle massicce navi persiane, impedite fra di loro nel compiere le manovre. Cogliendo l'opportunità propizia, la flotta greca si dispose per la battaglia e riuscì ad ottenere una vittoria decisiva.

Perduta la flotta, essenza vitale del suo esercito, Serse ritornò in Asia con la gran parte dei soldati rimanenti e concesse a Mardonio di scegliere alcune unità per portare a termine la conquista della Grecia: quanti passarono sotto il suo comando vennero tuttavia sconfitti l'anno successivo durante la battaglia di Platea, quasi contemporanea alla battaglia di Micale che si svolse in Asia.

Dopo questa guerra i Persiani rinunciarono a qualsiasi altro tentativo di conquistare l'entroterra greco: possiamo dire che gli scontri di Salamina e Platea segnarono il punto di svolta nel contesto degli scontri tra Greci e Persiani, dato che da allora i Greci cominciarono una politica aggressiva nei confronti degli avversari che ebbe l'apice della propria pericolosità con la battaglia dell'Eurimedonte.

Un gran numero di storici ritiene che una eventuale vittoria persiana avrebbe ostacolato lo sviluppo della civiltà greca e in senso più esteso di quella occidentale, affermando quindi che questa battaglia sia stata una delle più importanti di tutti i tempi.[1]

Contesto storico[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Guerre persiane, Seconda guerra persiana, Battaglia delle Termopili e Battaglia di Capo Artemisio.

Le polis di Atene ed Eretria avevano appoggiato, seppur senza un apporto decisivo, la fallimentare Rivolta ionia ordita contro l'impero achemenide retto, al tempo, da Dario I, che ebbe luogo tra il 499 e il 494 a.C. e vide come suo promotore Aristagora, tiranno di Mileto.

L'impero persiano era relativamente giovane (era nato, infatti con Ciro il Grande meno di un secolo prima), e quindi potenzialmente facile vittima delle rivolte delle popolazioni da esso sottomesse.[2][3] Inoltre, Dario era un usurpatore e dovette spendere molto tempo per sedare le ribellioni al suo potere.[2] Con la fine della rivolta ionia, Dario promise di punire definitivamente coloro che ne erano stati coinvolti, chiunque essi fossero.[4][5] Dario vide inoltre l'opportunità di espandere il suo impero ai danni della Grecia, che risultava abbastanza disunita e vulnerabile a invasioni.[5] Una prima spedizione guidata da Mardonio, avvenuta nel 492 a.C., riuscì a riconquistare la Tracia e a costringere la Macedonia a diventare un regno vassallo della Persia.[6]

Una mappa che mostra la suddivisione politica del mondo greco al tempo della battaglia

Nel 491 a.C. Dario mandò ambasciatori a tutte le polis della Grecia, domandando un tributo di terra e acqua per segnare la loro sottomissione a lui.[7] Avendo già osservato quale fosse il suo potere l'anno precedente, le maggiori polis greche accettarono la sottomissione, mentre ad Atene gli ambasciatori vennero processati e uccisi e a Sparta vennero gettati in un pozzo.[7] In questo modo, Sparta si affiancava ad Atene nella lista di quanti erano in guerra con la Persia.[7] In seguito, il Re inviò contingenti terrestri e marittimi a scopo punitivo affidandoli ai comandanti: Dati e Artaferne contro l'isola di Nasso; la reazione di prepotenza di Dario non fece altro che indurre in Grecia un profondo timore e le isole Cicladi "cogliendo la palla al balzo" si schierarono a favore dei persiani. Il contingente mosse poi verso Eretria, che fu assediata e distrutta.[8] Infine, si diresse verso Atene, approdò nella baia di Maratona, dove fu poi raggiunto da dei contingenti ateniesi e plateesi. Nella successiva Battaglia di Maratona i Greci ottennero una decisiva vittoria sull'avversario, che comportò, dopo un tentativo d'aggiramento di Capo Sunio, la ritirata di quest'ultimo verso l'Asia.[9]

Dario non si diede per vinto, cominciò a radunare una nuova enorme armata con la quale sperava di poter ritentare l'impresa: lo scoppio, nel 486 a.C., di una rivolta in Egitto lo costrinse tuttavia a rimandare la spedizione.[3] Nello stesso anno morì il Re ancora nel bel mezzo dei preparativi, a lui succedette Serse I[10] che domò la sollevazione e portò avanti i sogni di Dario[10] arruolando nuovi uomini provenienti da tutto l'impero.[10] L'entità di un così gran numero di armati non giovò di certo gli spostamenti a Serse che decise di passare l'Ellesponto per mezzo di un ponte di navi, creando così il primo collegamento tra Europa e Asia. Sulla strada dei suoi predecessori, dei loro sbagli e delle loro scelte, preferì creare anche un canale per "tagliare" l'istmo del monte Athos, di fronte al quale la flotta di Mardonio era stata affondata dodici anni prima.[11] Questi due progetti (381-80 a.C.) esemplificarono al meglio quell'ambizione tipica dell'impero achemenide, propositi che puntavano in alto ed erano sicuramente favoriti dalla ricchezza dell'"erario" persiano.[11] All'inizio del 480 a.C., completati i preparativi, l'armata inviata dalle satrapie d'oriente venne raccolta a Sardi e venne fatta marciare alla volta dell'Europa.[12]

Adrien Guignet, Serse presso l'Ellesponto

Nel frattempo, a partire circa dal 485 a.C., gli Ateniesi, che subodoravano già i sentimenti di rivincita persiani, si prepararono a sostenere una nuova guerra contro Persiani: nel 482 a.C. fu presa la decisione, sotto l'iniziativa di Temistocle, di allestire una flotta di triremi, usufruendo degli introiti delle miniere del Laurio, che sarebbe stata necessaria per competere cogli invasori nelle battaglia navali.[13] Tuttavia, gli Ateniesi non avevano un numero di militari sufficientemente elevato per poter competere coi Persiani sia sul fronte marittimo sia sul fronte terrestre: perciò gran parte di loro si unì per costituire una lega panellenica.[14] Fu in occasione di un congresso tra le polis greche nel tardo autunno di quell'anno, a Corinto, che la lega mosse i suoi primi passi.[15] Questa aveva la facoltà di inviare ai vari membri richieste d'aiuto e di usare le truppe di quelli, dopo consultazione, per la difesa dei punti strategici. Ciò fu notevole per il mondo greco, particolarmente frammentato, soprattutto perché molte delle polis firmatarie dell'accordo erano formalmente in guerra tra loro.[16]

Inizialmente il congresso concordò sul difendere la Valle di Tempe, ai confini con la Tessaglia, per bloccare l'avanzata di Serse.[17] Tuttavia, arrivati sul luogo, i contingenti greci furono informati da Alessandro I di Macedonia del fatto che il passaggio sarebbe potuto essere aggirato per mezzo del passo presso il moderno centro di Sarantaporo e che i contingenti persiani fossero numerosissimi.[18] Dopo poco, ricevettero la notizia che Serse aveva appena superato l'Ellesponto: venne quindi adottata una seconda e duplice strategia con la quale si suppose che il passo delle Termopili sarebbe stato il luogo migliore per trincerarsi nell'attesa degli invasori. In secondo luogo, per evitare un accerchiamento navale a Sud del passo, la lega panellenica decise di bloccare il re e il suo esercito nei pressi dello stretto dell'Artemisio. Questa duplice strategia fu adottata sotto approvazione del congresso.[19] Tuttavia, le polis del Peloponneso, tra le quali Sparta, mandarono contingenti a difendere anche l'istmo di Corinto. Come noto il contingente greco inviato alle Termopili, in decisa inferiorità numerica, dopo aver opposto resistenza per tre giorni venne aggirato per mezzo di un sentiero montano. Ritiratisi molti dei militari, altri, tra i quali sicuramente gli Spartani e i Tespiesi, continuarono a opporre resistenza ma, attaccati su due fronti, vennero uccisi in massa.[20] La simultanea battaglia combattuta presso Capo Artemisio non diede un vincitore[21] poiché, informati dell'esito del contestuale combattimento, i Greci si ritirarono.[22]

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Erodoto.

La principale fonte primaria relativa alle Guerre persiane è lo storico greco Erodoto, ritenuto non erroneamente il padre della storia moderna,[23] nato nell'anno 484 a.C.ad Alicarnasso e quindi coevo di Serse e della sua spedizione. Scrisse la sua opera Storie (ἱστορίαι, Historiai) in un arco di tempo compreso approssimativamente tra il 440 e il 430 a.C., cercando di identificare le origini delle Guerre Persiane, allora considerate un evento relativamente recente, essendosi queste concluse in modo definitivo solo nel 450 a.C..[24] L'approccio che Erodoto ha nel narrare tali avvenimenti non è paragonabile con quello dei moderni storici, dato che utilizza uno stile romanzesco: tuttavia, è possibile identificarlo come il fondatore del metodo storico moderno, perlomeno per quanto concerne la società occidentale.[24] Infatti, come disse Tom Holland, "per la prima volta, un cronista si mise a rintracciare le origini di un conflitto non appartenente a un tempo così passato da poter essere detto fantasioso, non per volontà o per desiderio di qualche divinità, non per la pretesa di un popolo di prevedere il destino, ma mediante spiegazioni che avrebbe potuto verificare personalmente."[24]

Busto di Erodoto

Alcuni storici antichi successivi ad Erodoto, pur avendo seguito le orme lasciate dal celebre storico, cominciarono a criticare il suo operato: il primo di questi fu Tucidide.[25][26]. Tuttavia, Tucidide scelse di cominciare le proprie ricerche storiografiche laddove Erodoto aveva terminato, ossia a partire dall'assedio della polis di Sesto, ritenendo evidentemente che il suo predecessore avesse svolto un lavoro non bisognoso di revisione o di riscrittura.[26] Pure Plutarco criticò l'operato di Erodoto nella sua opera Sulla malignità di Erodoto, descrivendo lo storico greco come vicino ai barbari: questa osservazione permette però di comprendere ed apprezzare il tentativo di imparzialità storica promosso da Erodoto, che non si schierò eccessivamente dalla parte degli opliti ellenici.[27]

Ulteriori critiche ad Erodoto vennero mosse nel panorama culturale dell'Europa rinascimentale, a dispetto delle quali i suoi scritti rimasero però molto letti.[28] Tuttavia, Erodoto venne riabilitato e ripreso ad essere ritenuto affidabile durante il XIX secolo, quando ritrovamenti archeologici confermarono la sua versione degli eventi.[29] L'opinione oggi prevalente in relazione all'operato di Erodoto è quella che lo legge come un lavoro sì notevole sotto il profilo storico, ma meno affidabile per quanto concerne l'esattezza delle date e la quantificazione dei contingenti stanziati per i vari scontri.[29] Tuttavia, vi sono ancora alcuni storici che ritengono il lavoro compiuto dallo storico greco come non affidabile, frutto di elaborazioni personali.[30]

Un altro storico che scrisse in relazione a questi combattimenti è stato Diodoro Siculo, storico siciliano in attività durante il I secolo a.C. e noto in particolar modo per la sua opera di storia universale nota come Bibliotheca historica, nella quale trattò tale tematica appoggiandosi agli studi già compiuti dallo storico greco Eforo di Cuma. Gli scritti provenienti da tale fonte non si discostano dai dati forniti da Erodoto.[31] Anche altri autori toccarono questa tematica nei loro scritti, pur non approfondendola e senza fornire resoconti numerici: Plutarco, Ctesia di Cnido e il drammaturgo Eschilo che fu presente in questa battaglia. Anche reperti archeologici, inclusa la Colonna serpentina, confermano le affermazioni di Erodoto.[32]

Datazione[modifica | modifica wikitesto]

La successione degli eventi relativa a questo scontro è di difficile ricostruzione.[33] Erodoto espone il conflitto come immediatamente successivo alla presa di Atene, ma non esplicita questa informazione in alcun passaggio. Se il duplice scontro delle Termopili e dell'Artemisio avvenne in settembre, è possibile che anche questo scontro si sia verificato in quel mese, ma bisogna tenere in considerazione che i Persiani impiegarono due o tre settimane a catturare Atene, sistemare la flotta e far rifornimenti.[33] Erodoto suggerisce inoltre che le Carnee e i Giochi olimpici fossero già trascorsi. Con la battaglia di Salamina la storia ricorda un altro grande successo greco: la battaglia di Himera a seguito della quale Gelone sconfisse definitivamente i cartaginesi. La battaglia, secondo Erodoto, si disputò nel medesimo giorno di quella di Salamina.[34]

Forze in campo[modifica | modifica wikitesto]

Flotta greca[modifica | modifica wikitesto]

Una trireme greca

Nonostante la flotta di fatto fosse controllata da Temistocle, la cui città forniva la maggior parte delle navi, formalmente il comandante della spedizione era lo spartano Euribiade, in conformità con quanto deliberato dalla lega panellenica.[35][16] Quando Temistocle cercò di aggiudicarsi il comando della spedizione, altre città della Grecia, con grande esperienza in fatto di navigazione, non furono d'accordo e, come compromesso, fu dato il comando a Euribiade, anche se la storia affibbia a Sparta il predominio terrestre e ad Atene quello navale.[16]

Nell'opera erodotea[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver indicato il numero delle unità inviate dai vari alleati, per un totale di 366 triremi e 5 pentecontere e quindi di 371 unità complessive, Erodoto si contraddice, dicendo che le navi, eccettuate le pentecontere, fossero 378,[36] numero più vicino comunque a quello della flotta nel suo complesso che a quello della flotta senza pentecontere. In un secondo momento, Erodoto afferma che si aggiunsero alla spedizione altre due navi provenienti dalle linee persiane, che avevano da quelle defezionato, portando così il numero delle navi, sempre escluse le pentecontere, a 380 o, secondo i calcoli dei moderni, a 373.[37]

Bisogna comunque considerare che Erodoto non dice esplicitamente che tutte le sue ipotetiche 378 navi combatterono a Salamina.[38] Si è comunque supposto che la differenza tra la somma fornita da Erodoto e quella ottenuta per computazione sia dovuta a problemi di calcolo: Erodoto incluse nelle sue 378 unità anche 12 navi di Egina,[39] citate nella sua opera ma che non presero parte alla battaglia, rimanendo a presidiare i propri territori.[38]

Città del Peloponneso Triremi stanziate Pentecontere stanziate Annotazioni e/o comandante Fonti
Corinto 40 0 comandati da Adimanto [40][41]
Sparta 16 0 comandati da Euribiade [40]
Sicione 15 0 [40]
Epidauro 10 0 [40]
Trezene 5 0 [40]
Ermione 3 0 [40]
Parziale 89 0
Città continentali Triremi stanziate Pentecontere stanziate Annotazioni e/o comandante Fonti
Atene 180 0 comandati da Temistocle [42]
Megara 20 0 [43][41]
Ambracia 7 0 [43]
Leucade 3 0 [43]
Parziale 210 0
Città insulari Triremi stanziate Pentecontere stanziate Annotazioni e/o comandante Fonti
Egina 30 0 [38]
Calcide 20 0 [38][41]
Eretria 7 0 [38][41]
Nasso 4 0 disertori dall'esercito persiano [38]
Stiro 2 0 [38][41]
Melo 0 2 [38][36]
Ceo 2 0 [38]
Citno 1 1 [38]
Serifo 0 1 [38][36]
Sifanto 0 1 [38][36]
Lemno 1 0 disertori dall'esercito persiano [37]
Tenea 1 0 disertori dall'esercito persiano [37]
Parziale 68 5
Città italiche Triremi stanziate Pentecontere stanziate Annotazioni e/o comandante Fonti
Crotone 1 comandati da Faillo [44]
Parziale 1 0
Autore delle somme Triremi stanziate Pentecontere stanziate Annotazioni Fonti
Critici moderni 368 5 Lemni e Tenei sono sommati solo dopo [37]
Erodoto 380 N.D. [36][37]
Iperide 220 N.D. [45]
Eschilo 310 N.D. [46]
Diodoro Siculo meno di 330 N.D. [47]
Ctesia 700 N.D. [48]
Tucidide 300-400 N.D. [49]
Demostene 300 N.D. [50]
Corn. Nepote 300 N.D. [51]


Flotta persiana[modifica | modifica wikitesto]

  • Secondo Erodoto inizialmente la flotta era costituita da 1207 triremi.[52] Tuttavia, secondo la sua stima, quelli persero approssimativamente un terzo delle loro navi in una tempesta scoppiata al largo della costa della Magnesia,[53] altre duecento in un uragano scoppiato al largo dell'Eubea[54] e infine cinquanta navi, affondate dai nemici, nel combattere la battaglia di Capo Artemisio.[54][55] Erodoto afferma altresì che queste perdite vennero del tutto compensate,[56] ma menziona solo l'invio di 120 navi dalla Tracia e delle isole vicine in qualità di rinforzi.[57] Al contrario di quanto fatto coi contingenti greci, Erodoto si astiene (a sua detta volontariamente) dal redigere un catalogo delle navi stanziate dai Persiani.[58]
  • Secondo Eschilo, che combatté a Salamina, affermò che ci fossero 1207 navi da guerra, delle quali 207 erano navi leggere.[46]
  • Secondo Diodoro Siculo[59] le navi persiane ammontarono a 1200 circa, di cui 300 mosse da marinai greci. Però le cifre risalgono alla traversata dell'Ellesponto e quindi con le varie perdite (300 a causa di un uragano a largo dell'Eubea e circa 50 a causa della battaglia di Capo Artemisio[55], contando anche i rinforzi ottenuti poco dopo). In totale i Persiani sarebbero entrati nello stretto di Salamina con circa 1000 navi.
  • Secondo Lisia[60] afferma che ci fossero 1200 navi nella flotta persiana quando questa era stata raccolta a Dorisco nella primavera del 480 a.C.
  • Eforo di Cuma invece fornisce il numero di 1207 unità all'inizio della spedizione[61]
  • Mentre il suo maestro Isocrate afferma fossero 1300 a Dorisco e 1200 al momento dello scontro.[62][63]
  • Mentre Platone, parlando di sfuggita, dice che le navi presenti erano più di 1000.[65]
  • Come ultima fonte posteriore si colloca Nepote che enumera 1200 navi, a questa cifra vano però tolte le perdite precedenti allo scontro.[66]

Il numero di 1207 è attestato in una fonte molto vicina agli eventi, ossia la rappresentazione teatrale I Persiani di Eschilo (risalente al 472 a.C.) e tende oggi a ricevere più credito rispetto agli altri numeri. A causa della discordanza delle fonti storiche (che citano comunque numeri abbastanza simili), alcuni storici moderni appaiono inclini ad accettare questa cifra come il numero identificante i contingenti a disposizione dei Persiani all'inizio della seconda guerra persiana;[67][68][69] altri non accettano questa cifra e, poiché 1207 sembra un richiamo al Catalogo delle Navi dell'Iliade, generalmente sostengono che i Persiani potessero far passare attraverso l'Egeo non più di 600 navi da guerra.[69][70][71] In ogni caso, pochissimi storici accettano che questo numero si sia mantenuto invariato sino alla data di questo scontro: la maggior parte sostengono che alla battaglia fosse presente uno squadrone di circa 600-800 navi.[72][73][74] Questa approssimazione si ottiene tenendo in considerazione il numero approssimativo di navi persiane sopravvissute alla battaglia di Capo Artemisio (circa 550) e le proporzioni dei rinforzi forniti dopo di essa (per circa 120 unità).[57]

Antefatti[modifica | modifica wikitesto]

La partenza dall'Artemisio e l'avanzata persiana[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la partenza da capo Artemisio, Temistocle lasciò scritte indirizzate agli Ioni che militavano nella flotta persiana su tutte le fonti presso le quali si sarebbero fermati, domandando loro di far defezione a favore della parte greca.

(GRC)
« ἄνδρες Ἴωνες, οὐ ποιέετε δίκαια ἐπὶ τοὺς πατέρας στρατευόμενοι καὶ τὴν Ἑλλάδα καταδουλούμενοι. ἀλλὰ μάλιστα μὲν πρὸς ἡμέων γίνεσθε: εἰ δὲ ὑμῖν ἐστι τοῦτο μὴ δυνατὸν ποιῆσαι, ὑμεῖς δὲ ἔτι καὶ νῦν ἐκ τοῦ μέσου ἡμῖν ἕζεσθε καὶ αὐτοὶ καὶ τῶν Καρῶν δέεσθε τὰ αὐτὰ ὑμῖν ποιέειν. εἰ δὲ μηδέτερον τούτων οἷόν τε γίνεσθαι, ἀλλ᾽ ὑπ᾽ ἀναγκαίης μέζονος κατέζευχθε ἢ ὥστε ἀπίστασθαι, ὑμεῖς δὲ ἐν τῷ ἔργῳ, ἐπεὰν συμμίσγωμεν, ἐθελοκακέετε μεμνημένοι ὅτι ἀπ᾽ ἡμέων γεγόνατε καὶ ὅτι ἀρχῆθεν ἡ ἔχθρη πρὸς τὸν βάρβαρον ἀπ᾽ ὑμέων ἡμῖν γέγονε. »
(IT)
« Uomini ioni, è iniqua la vostra condotta, di prendere le armi contro i vostri padri e asservire la Grecia. Passate invece dalla nostra parte; o, se non vi è possibile, siete ancora in tempo: astenetevi per conto vostro dal combatterci e invitate i Cari ad imitarvi. Se poi non vi è possibile né l'una né l'altra cosa, e una forza maggiore vi piega e vi impedisce di defezionare, voi, quando avverrà lo scontro, fingetevi durante il combattimento pusillanimi, ricordandovi che discendete da noi e che siete stati la causa prima della nostra ostilità contro i Barbari. »
( Erodoto, Storie, VIII, 22.)

Secondo Erodoto, queste iscrizioni avevano uno straordinario valore strategico: se non fossero state svelate al re, gli Ioni e i Cari sarebbero potuti passare dalla parte degli altri Greci, mentre, se fossero state rivelate, Serse avrebbe cominciato a sospettare di loro, escludendoli dai combattimenti e diminuendo quindi il numero delle unità a sua disposizione.[75] Quando gli Elleni si furono ritirati, i Persiani si diressero a Istiea e fecero razzie nelle sue campagne.[76]

Furono i Tessali a far da guida ai Persiani nella loro marcia di avvicinamento ad Atene.[77] Dopo aver attraversato senza danneggiamenti la Doride, i cui popoli erano loro alleati,[77] i Persiani razziarono la Focide, poiché i Focesi, ora ritiratisi sulla cima del Parnaso,[78] erano l'unico popolo della regione a non essersi sottomesso a loro.[79] Dopo aver ucciso molti abitanti di quei luoghi,[80] le truppe presso Panopea, città beota poi incendiata,[81] si divisero: i più, attraversando la Beozia senza danneggiamenti, si diressero verso Atene,[82] mentre un contingente più ridotto si diresse verso il santuario di Delfi per depredarlo, facendo razzie nei territori circostanti.[81]

I Persiani vi arrivarono quando quasi tutti gli abitanti di Delfi, interpellato il loro dio, si erano rifugiati sul Parnaso:[83] secondo Erodoto, rinvenute armi sacre davanti al tempio, gli aggressori vennero terrorizzati dallo scoppio di un temporale e dallo staccarsi di due cime dal Parnaso:[84] approfittando del loro terrore, furono gli abitanti del luogo ad attaccarli e a provocarne la fuga,[85] che, secondo la leggenda, fu caratterizzata dall'inseguimento dei contingenti da parte di due eroi indigeni.[86]

L'evacuazione di Atene[modifica | modifica wikitesto]

La flotta panellenica si diresse verso Salamina, sotto richiesta degli Ateniesi, poiché si potesse deliberare sul da farsi e potesse essere ultimata l'evacuazione della loro città, portando le donne e i bambini a Trezene, a Salamina e a Egina.[87][88] Nel frattempo, con gran delusione degli Ateniesi, i Peloponnesiaci non stavano difendendo la Beozia, ma si erano ritirati all'altezza dell'istmo di Corinto. Ufficializzato l'ordine d'evacuazione, esso venne eseguito in modo eccezionalmente rapido.[89] Sicuramente un elemento che indusse gli Ateniesi alla fuga fu il fatto che una sacerdotessa, vedendo che le offerte mensili al gran serpente che vigilava l'acropoli non erano state consumate, disse che la dea stessa aveva abbandonato la rocca.[89] Direttasi la flotta ateniese a Salamina, venne qui raggiunta da quella alleata: le navi che combatterono, sotto il comando dello spartano Euribiade, tra le quali le più equipaggiate erano quelle ateniesi, erano più numerose di quelle coinvolte nel precedente scontro.[35]

Una volta che tutte le navi furono giunte a Salamina, si tenne un consiglio di guerra tra i comandanti, nel quale, sotto concessione di Euribiade, tutti ebbero diritto di indicare il sito dove avrebbero preferito dar battaglia: la maggior parte di loro propose di guerreggiare nel Peloponneso, veleggiando verso l'istmo di Corinto, perché, in caso di sconfitta, avrebbero potuto raggiungere più facilmente le proprie città, evitando l'assedio.[90]

La presa di Atene[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Assedio di Atene (480 a.C.).

L'annuncio della venuta dei Persiani nell'Attica e delle razzie ivi commesse giunse mentre si stava tenendo la consultazione fra i generali greci: per arrivarvi erano state date alle fiamme Tespie e Platea, uniche città beote che non s'erano schierate col gran Re.[91] Gli unici Ateniesi rimasti in città al momento della presa da parte dei Persiani erano presso l'acropoli, che era stata da loro fortificata con tavole di legno ritenendo essi di aver dato sèguito all'oracolo secondo il quale "il muro di legno sarebbe stato imprendibile".[92]

I molti Persiani accampati sull'Areopago non riuscirono a sconfiggere facilmente i pochi che s'erano lì barricati, pur lanciando contro di loro frecce incendiarie.[93] Ma alla fine riuscirono a prendere la rocca salendo per una parete scoscesa: quando li videro, molti Ateniesi si suicidarono, altri, rifugiatisi nel santuario di Aglauro, benché supplici vennero trucidati. Incendiata la cittadella[94] e occupata Atene, Serse mandò ad Artabano un messaggio riportante il suo successo (facendo nascere a Susa grandi festeggiamenti[95]) e fece sacrifici forse temendo di esser punito dagli dei per aver profanato un santuario:[96] quando quanti erano stati incaricati di effettuarli salirono sull'acropoli, videro che dall'Ulivo sacro precedentemente incendiato era nato un germoglio.[97]

Il consiglio di guerra greco[modifica | modifica wikitesto]

Dopo che fu annunciata la presa di Atene, furono numerosi i generali che si ritirarono, mentre quanti rimasero decisero di combattere per difendere l'istmo di Corinto.[98] Quando si stavano per imbarcare, Temistocle, secondo Erodoto consigliato dall'ateniese Mnesifilo,[99] recatosi da Euribiade, lo persuase, dicendo che in caso di partenza ci sarebbe stata una defezione di massa.[100]

Dopo un bisticcio tra Temistocle e Adimanto,[101] il primo espose ai colleghi la sua teoria, senza però alludere alla speculazione da lui fatta in presenza di Euribiade, dicendo invece che lo spostare la battaglia all'istmo, contrariamente al combatterla presso Salamina, avrebbe causato la perdita di Salamina, Megara ed Egina, permesso ai Persiani di avanzare ulteriormente e di avvicinarsi al Peloponneso e costringendo i Greci a combattere in mare aperto, in condizioni sfavorevoli.[56] Riflettendo su quanto appreso all'Artemisio, Temistocle pensò che una battaglia in spazi ristretti li avrebbe avvantaggiati.[102]

Dopo una replica stizzita di Adimanto, che offese Temistocle dicendo che, persa Atene, non avrebbe avuto più patria; quest'ultimo gli aveva rivelato che la superficie coperta dalla flotta ateniese era maggiore di quella di Corinto.[103] Dopo aver minacciato Euribiade di ritirare tutte le proprie truppe,[104] Temistocle fece passare definitivamente il generale spartano dalla sua parte.[105][106] Furono quindi innalzate offerte agli dèi e la flotta fu spostata a Salamina.[107]

Il consiglio di guerra persiano[modifica | modifica wikitesto]

Arrivate le truppe Persiane a Falero sei giorni dopo la conquista di Atene,[108] Serse vi si recò per accordarsi coi generali della flotta, comandanti e tiranni delle singole città, mandando Mardonio da ciascuno di loro per sentire quale fosse il parere dei suoi subalterni;[109] tutti prediligevano, con la sola eccezione di Artemisia, regina di Alicarnasso, l'attacco.[110] Nel suo discorso a Mardonio, quella disse che il re si sarebbe dovuto accontentare dei risultati conseguiti, senza rischiare una battaglia navale, poiché in quel contesto gli avversari erano più potenti e perché, avanzando verso il Peloponneso senza combattere per mare, avrebbe potuto disperdere gli eserciti delle singole città.[110] Quando tutti i pareri furono riferiti a Serse, quello decise di seguire quello della maggioranza, senza punire Artemisia e credendo che il non aver conseguito la vittoria nel precedente scontro fosse dovuto alla sua assenza.[111]

La vigilia dello scontro[modifica | modifica wikitesto]

La flotta persiana si apposta fuori dallo stretto, mentre quella ateniese è ancora ancorata sulle coste di Salamina
La flotta persiana entra nello stretto di Salamina o la notte prima della battaglia, come detto da Aristide, o il mattino prima dello scontro (per approfondire, vedi le varie ipotesi sullo schieramento della flotta persiana)

Dopo la partenza dei Persiani verso Salamina, i Peloponnesiaci temevano di essere assediati sull'isola, contrariamente alle certezze di Temistocle sulle condizioni favorevoli.[112] Nel contempo, le unità terrestri dei Persiani vennero inviate verso l'Istmo, in previsione di ciò i Peloponnesiaci, Lacedemoni, Arcadi, Elei, Corinzi, Sicioni, Epidauri, Fliasi, Trezeni, Ermionei,[34] sotto il comando di Cleombroto, non essendo neutrali o parteggianti per gli invasori,[113] stavano cercando di rendere invalicabili gli accessi, con l'edificazione di una muraglia e la distruzione dell'unica via di accesso:[114] da questa strategia, però, trapelarono dei difetti visto che non era stata allestita neanche una nave per contrastare il trasporto dell'esercito via mare, oltre le fortificazioni dell'istmo.[33]

Dopo la discussione sul da farsi tra i vari comandanti del Peloponneso, essi si riunirono in assemblea e si decise di salpare alla volta del Peloponneso, contro la volontà dei Megaresi, degli Egineti, degli Ateniesi e dello stesso Euribiade.[115] Quando Temistocle vide che la sua decisione stava venendo rimessa in discussione, uscì dal consiglio e inviò il servo e pedagogo Sicinno dai Persiani, per dir loro che il suo padrone aveva appena cambiato fazione, parteggiando ora per loro, e che i nemici, in lotta intestina, stavano pensando di ritirarsi[116] e di difendersi ognuno con le proprie armi.[88][117] Nel dar luogo a questo sotterfugio, sembra che Temistocle abbia tentato di portare invece i Persiani alla definitiva rovina, attirandoli dentro lo stretto.[118] Il fatto che gli Ateniesi fossero almeno in apparenza disposti a passare al nemico entusiasmò Serse, che proprio quella cosa si voleva sentir dire, ritenendo che, schieratisi gli Ateniesi al suo fianco, sarebbe stato in grado di distruggere il resto della flotta nemica.[118] I generali persiani, allora, fecero circondare Salamina dalla flotta e occupare lo stretto (a partire da sud), affinché gli Elleni fossero stretti e impediti tra loro da un assedio serratissimo.[118] A un altro reparto della flotta persiana, fu invece comandato di occupare l'isoletta di Psittalia, tra Salamina e la costa, perché recuperasse i corpi dei compatrioti fornendo soccorso e finisse i nemici arrivati lì per la corrente. I Persiani, a causa dei lavori notturni, non poterono riposare e si presentarono allo scontro stanchi per il lavoro notturno.[119]

Mentre i generali del Re cercavano di incalzare la flotta avversaria, gli ignari comandanti greci continuavano, invece, la loro riunione.[120] Aristide, generale ostracizzato dal popolo ma richiamato ai primi sentori della guerra, si recò da Temistocle e, chiamatolo in disparte, lo informò dell'assedio persiano, dicendo che neanche se i suoi uomini avessero voluto avrebbero potuto ritirarsi.[121] Dopo aver specificato come l'assedio persiano fosse stato favorito dalle scelte fallaci di Temistocle, questo invitò Aristide a riferire lui stesso la notizia ai generali, affinché quelli non credessero che stesse mentendo per interesse.[122] Riferita a tutto l'esercito l'evoluzione della situazione,[123] i generali greci si interessarono più che altro a una trireme che solo allora era arrivata da Tenea dopo aver disertato dall'esercito persiano.[37]

Serse, preparandosi al gran momento di gloria, ordinò che un trono fosse posto sulle pendici del monte Egaleo, sovrastante lo stretto, per assistere allo scontro da una posizione privilegiata e per poter scrutare le mosse del suo esercito e visualizzare i comandanti che si fossero distinti.[124] Solo in Giustino, affermazione comunque molto più dubbia rispetto alle altre, il Gran Re appare in osservazione dal lido vicino ad Atene con parte delle navi vicino a sé.[88]

Le cause dell'attacco persiano[modifica | modifica wikitesto]

È difficile esporre con esattezza cosa indusse i persiani ad attaccare, ma la convinzione che nessuno dei due abbia attaccato senza ragione, sembrerebbe plausibile.[33] Presunti contrasti tra gli Alleati, che sarebbero potuti essere un inganno, potrebbero essere stati progettati per indurre i Persiani ad attaccare.[118] In caso opposto, questi malumori potrebbero essere stati causati dall'aggressività persiana, che tale semplicità vide nell'annichilire ciò che rimaneva di greco, pensando, già dalla conquista di Atene, che poca o nulla sarebbe stata la resistenza.[33] La marina alleata era in grado di preparare l'attacco per il giorno seguente, mentre i Persiani avevano sprecato la notte trascorrendola in mare attendendo la ritirata dei nemici. La mattina successiva, i Persiani navigarono attraverso lo stretto per attaccare la flotta greca; non è chiaro quando, perché e come fu presa la decisione, ma è certo che furono gli aggressori ad attaccare.[124]

Considerazioni sul piano tattico-strategico[modifica | modifica wikitesto]

I Greci riescono a danneggiare i Persiani rallentandoli[modifica | modifica wikitesto]

Nel complesso la strategia persiana per l'invasione del 480 a.C. era di schiacciare i Greci con una invasione massiccia, e di completare la campagna di conquista in una sola stagione.[125] Al contrario, i Greci cercarono di far l'uso migliore possibile delle loro forze difendendo luoghi stretti e di lasciare i nemici sul campo di battaglia il maggior tempo possibile. Serse ovviamente non si attendeva una tale resistenza, e avrebbe voluto arrivare prima sul campo di battaglia, evitando di aspettare per quattro giorni presso le Termopili.[126] Il tempo era allora una cosa fondamentale per i Persiani poiché le proporzioni immense dell'esercito rendevano impossibile prolungare troppo a lungo la spedizione e poiché non era sicuro per la stabilità del proprio potere che Serse stesse ai margini del proprio impero così a lungo.[127]

Apparente ineluttabilità dello scontro[modifica | modifica wikitesto]

La battaglia delle Termopili aveva mostrato che un attacco frontale contro una posizione ben difesa dai Greci era inutile; ora che i panellenici fortificavano l'Istmo c'erano poche possibilità di conquistare il resto della Grecia via terra.[128] Tuttavia, come parimenti dimostrato dal recente scontro, se i Greci fossero stati aggirati, a causa del ridotto numero di truppe sarebbero potuti essere annientati.[129] Ma un aggiramento delle linee greche avrebbe richiesto l'uso della flotta persiana e quindi il precedente annientamento di quella greca. Inoltre, se Serse avesse distrutto la flotta panellenica, si sarebbe trovato in una condizione tale da costringere la Grecia a cedere; questa sembrava la sola speranza di poter concludere la campagna in quella stagione.[127] Viceversa coll'evitare l'annientamento o ancor meglio coll'infliggere danni ai nemici (come auspicato da Temistocle), i Greci potevano effettivamente contrastare l'invasione.[130] Tuttavia, non era necessario sotto il profilo strategico che i Persiani combattessero questa battaglia, infatti, la marina persiana, ormai già sicura di vincere, avrebbe potuto seguire la propria strada e propri piani se non avesse sfruttato l'occasione "favorevole" di discordia tra i Greci fatta notare loro dal servo di Temistocle.[129]

I Persiani puntano tutto sulla battaglia navale[modifica | modifica wikitesto]

La flotta persiana era abbastanza imponente da poter contemporaneamente ostruire ambo gli accessi allo stretto di Salamina, intrappolandovi la flotta greca, e da mandare navi verso le coste del Peloponneso per farvi sbarcare contingenti persiani.[129] Tuttavia, all'approssimarsi dello scontro, entrambe le parti erano preparate a rischiare tutto puntando su una battaglia navale, nella speranza che gli equilibri bellici, alterandosi, favorissero in modo decisivo un vincitore.[130]

Confronto tra i due equipaggi[modifica | modifica wikitesto]

Soldati persiani

I Persiani presentavano dei vantaggi tattici, dal momento che erano in vantaggio numerico e disponevano di navi che navigavano meglio:[131] questa espressione erodotea può esser intesa come un'allusione alla superiorità dell'equipaggio persiano rispetto a quello greco,[132] dovuta al fatto che il secondo fosse inesperto poiché le triremi ateniesi, che costituivano buona parte della flotta, erano state costruite solo nel 483 a.C. sotto deliberazione del popolo ateniese persuaso da Temistocle.[131] È importante notare che nonostante l'inesperienza dell'equipaggio ateniese, le triremi costruite di recente si sarebbero dimostrate fondamentali nell'imminente scontro con la Persia.[133]

Le tattiche navali più comuni nell'area mediterranea a quel tempo consistevano nello speronare (poiché le triremi erano equipaggiate con uno sperone a prua) o nell'abbordare la nave nemica (il che trasformava lo scontro navale in una sorta di battaglia campale).[134] I Persiani e i Greci d'Asia in quel periodo cominciavano ad usare la tecnica nota come diekplous, che prevedeva probabilmente che le barche avanzassero in colonna lungo la linea nemica per tranciare i remi delle navi avversarie e speronarle quando fossero state rese ingovernabili.[134] Questa manovra richiedeva marinai addestrati, e pertanto i Persiani erano più propensi ad usarlo, mentre gli Alleati dovettero studiare delle tecniche per contrastare questa strategia.[134]

Confronto tra le due flotte[modifica | modifica wikitesto]

C'è stata una grossa discussione su come fossero le rispettive flotte e quali vantaggi presentassero l'una rispetto l'altra. Elemento da tenere in grande considerazione è il fatto che le navi greche fossero più pesanti, e di conseguenza meno manovrabili.[56] La causa di questo pesar di più è incerta;[134] forse le navi greche erano più pesanti a livello di struttura o, essendo state costruite di recente, erano costruite di un legno ancora ricco d'acqua (ma non vi è alcuna prova a favore di questa teoria); il loro esser più pesanti potrebbe essere dovuto al fatto che quanti erano a bordo erano armati come opliti, e venti uomini armati come tali pesano circa due tonnellate.[134] Questa maggior pesantezza, qualunque sia la sua causa, impediva alle navi greche di utilizzare la tecnica detta diekplous.[134] È inoltre probabile che gli alleati avessero marinai extra a bordo se le loro navi erano meno manovrabili: per loro la tecnica migliore rimaneva quella dell'abbordaggio, che tuttavia rendeva le navi ancora più pesanti.[134] Bisogna però evidenziare come il maggior peso desse anche dei vantaggi ai Greci, che riuscirono altresì, durante la battaglia dell'Artemisio, a catturare navi nemiche invece che affondarle:[55] È stato suggerito che il maggior peso delle navi greche permettesse di resistere meglio ai venti che soffiavano al largo di Salamina e all'uso dei rostri da parte dei nemici.[135]

Il campo di battaglia[modifica | modifica wikitesto]

Parlando sotto il profilo tattico, una battaglia in alto mare, a causa delle loro superiorità numerica e esperienza, sarebbe stata preferibile per i Persiani.[124] Per i Greci, l'unica realistica speranza di una vittoria decisiva risiedeva nell'attirare i Persiani in uno spazio circoscritto, dove il numero degli aggressori avrebbe quanto meno costituito un vantaggio minore.[102] Nella battaglia dell'Artemisio s'era cercato di operare in questo senso, tentando di attirare i nemici in uno spazio ristretto annullando così la sproporzione numerica, ma ci si era resi conto del fatto che sarebbe servito uno spazio ancora più stretto per dar forma a una rotta definitiva per il nemico.[136] Il navigare della flotta persiana lungo lo stretto di Salamina per scendere a battaglia conferiva vantaggi ai Greci, che vedevano nelle proprie mani la sorte dei nemici: forse i Persiani non si sarebbero arrischiati a far tanto se non fossero stati, in conseguenza del messaggio (quindi fondamentale nell'esito dello scontro) inviato per mezzo di Sicinno da Temistocle, sicuri di una resa della flotta avversaria.[124]

La battaglia[modifica | modifica wikitesto]

La battaglia di Salamina in sé e per sé non è ben descritta dalle fonti antiche e nessuno, tranne forse Serse, che si trovava sul Monte Egaleo, si rese conto nel corso dello scontro di come stessero virando gli equilibri bellici. Si è giunti quindi più a formulare una serie di teorie che a ricostruire un puntuale resoconto.[118][137]

Disposizione degli eserciti[modifica | modifica wikitesto]

La disposizione degli eserciti e dei contingenti che li componevano, così come era poco prima della battaglia

Schieramento della flotta greca[modifica | modifica wikitesto]

Nella flotta panellenica sulla sinistra, verso occidente e nello specifico verso Eleusi, si trovavano gli Ateniesi, dirimpetto ai Fenici;[58] sulla destra, verso oriente e nello specifico verso il Pireo, dirimpetto agli Ioni, si trovavano probabilmente gli Spartani,[58] nonostante Diodoro Siculo dica che questa area fosse occupata dagli Egineti e dai Megaresi;[138] al centro si trovavano i restanti contingenti.[58]

Probabilmente questo schieramento si dispose su due file, dal momento che lo stretto sarebbe stato troppo piccolo per ospitare una sola linea di navi.[139] Secondo la ricostruzione di Erodoto, queste due file erano disposte in direzione nord-sud: la loro estremità settentrionale toccava probabilmente l'isoletta oggi nota come di San Giorgio, mentre quella meridionale Capo Vavari, sull'isola di Salamina.[140] Diodoro suggerisce invece che la flotta fosse allineata in direzione est-ovest,[141] toccando sia le coste di Salamina che quelle nelle prossimità del Monte Egaleo. Tuttavia, è improbabile che gli Alleati avessero deciso di rivolgere un lato del loro schieramento in direzione di un territorio occupato dai Persiani.[140]

Schieramento della flotta persiana[modifica | modifica wikitesto]

Nella flotta persiana sulla destra, verso occidente e nello specifico verso Eleusi e verso l'Egaleo, si trovavano i Fenici, dirimpetto agli Ateniesi;[58] sulla sinistra, verso oriente e nello specifico verso il Pireo, dirimpetto agli Spartani, o in alternativa ai Megaresi o agli Egineti, si trovavano gli Ioni;[58][138] al centro si trovavano i restanti contingenti.[58] Secondo Eschilo, la flotta persiana era schierata su tre linee.[118][46]

Sembra abbastanza sicuro che la flotta persiana fosse stata mandata a bloccare l'uscita meridionale dallo stretto la sera prima della battaglia. Erodoto sostiene che la flotta persiana entrò nello stretto nottetempo, pianificando di catturare gli Alleati durante la loro ritirata.[119] Vi sono discordie tra gli storici su come si debba giudicare questa affermazione di Erodoto: alcuni la ritengono falsa, affermando che fosse difficile manovrare in spazi così ristretti di notte; altri accettano la versione di Erodoto.[142][143] Ci sono quindi due possibilità riguardo a questo avvenimento.[142][143]

  • Secondo la prima, durante la notte i Persiani si limitarono a bloccare l'uscita dello stretto, nel quale sarebbero entrati solo con la luce del giorno.
  • Secondo la seconda, entrarono nello stretto e la notte stessa si schierarono per la battaglia.

Indipendentemente da quanto fecero, sembra probabile che i Persiani ruotarono la loro flotta al largo di Capo Vavari per schierarsi parallelamente ai nemici (ossia in direzione nord-sud), dal momento che erano entrati nello stretto con allineamento est-ovest per bloccare l'uscita. Lo scontro volse, quindi, i Persiani di fronte a Salamina e i Greci con l'Attica davanti agli occhi[144] Diodoro dice che la flotta egizia fu mandata a circumnavigare Salamina per bloccare l'uscita settentrionale dello stretto (nota anche come Canale di Megara).[145] Se Serse voleva intrappolare definitivamente gli Alleati, questa manovra aveva senso, specialmente se non stava aspettando i nemici per combattere.[118] Tuttavia, Erodoto non menziona questo aspetto e forse allude alla presenza degli Egizi nella battaglia principale, facendo credere ad alcuni storici che si tratti di un errore;[144] tuttavia, altri accettano come vera la separazione della flotta persiana.[118] Come già accennato, Serse aveva posizionato anche 400 truppe sull'isola nota come Psittalia, al centro dell'uscita meridionale dello stretto, per uccidere i Greci che vi fossero arrivati trascinati dalla corrente come effetto di naufragio.[124]

La fase d'apertura[modifica | modifica wikitesto]

Wilhelm von Kaulbach, La battaglia di Salamina (1868)

Indipendentemente da quando i Persiani fossero entrati nello stretto, essi non mossero per attaccare i Greci prima della luce del giorno. Gli stessi Greci che, spinti da quanto raccontato dai marinai di Tenea, non erano riusciti a fuggire, stavano ascoltando le orazioni tenute loro dai vari generali, forse dopo aver avuto la possibilità di predisporsi per la battaglia durante le notte. Tale era la situazione particolare e tale l'orgoglio dell'esercito, che si diede molto risalto ai discorsi di Temistocle. Di lì a poco si imbarcarono,[146] e, in men che non si dica, furono presi d'assalto dai nemici.[147] Se, dunque, i Persiani fossero entrati nello stretto solo all'alba, gli Alleati avrebbero avuto il tempo di organizzare il loro schieramento.[142] Eschilo sottolinea questa entrata in scena degli invasori, affermando che quando i Persiani si avvicinarono (forse ipotizzando quindi che non si trovassero nello stretto prima dell'alba), prima di vedere la flotta nemica sentirono che i Greci stavano cantando il loro inno di guerra, che riporta in questa forma:[142]

(GRC)
« Ὦ παῖδες Ἑλλήνων ἴτε,
ἐλευθεροῦτε πατρίδ', ἐλευθεροῦτε δὲ
παῖδας, γυναῖκας, θεῶν τέ πατρῴων ἕδη,
θήκας τε προγόνων:
νῦν ὑπὲρ πάντων ἁγών. »
(IT)
« Avanti, figli della Grecia,
liberate la terra dei padri,
liberate i vostri figli, le vostre donne,
gli altari dedicati agli dei dei vostri avi,
e le tombe dei vostri antenati:
ora c'è la guerra per tutte le cose. »
(Inno bellico dei Greci)

Lo scontro delle due flotte divenne inevitabile, date le dimensioni limitate dello stretto; quella persiana si accorse ben presto di essere in svantaggio su un così stretto braccio di mare, poiché lo spazio offerto era appena necessario a contenere gran parte della flotta, ma non consentiva di eseguire manovre con scioltezza, rischiando proprio di incespicarsi con la nave del proprio vicino durante le manovre.[138][142] Secondo Erodoto, i Persiani in quest'occasione, pur combattendo in modo scoordinato e arrivando a perdere moltissime navi, prevalentemente per mano Ateniese ed Egineta, si dimostrarono più valorosi che all'Artemisio, forse intimoriti dalla presenza di Serse.[148] Al contrario la flotta greca, ben lontana dalla disorganizzazione, era allineata e pronta a dar origine alla controffensiva,[139][142] ma decise di muoversi all'indietro.[147] Secondo Plutarco, il muoversi indietro della flotta greca era legato alla volontà di raggiungere una posizione migliore e inoltre di lasciar passare del tempo attendendo il soffio del vento mattutino.[149] Esistono due teorie riguardo a come avvenne lo scoppio della battaglia: nel contesto dell'apparente ritirata greca, secondo la prima versione, fu Aminia, Ateniese, ad avanzare, raggiunto dagli alleati che si sarebbero poi lanciati contro i nemici una volta trovatosi in difficoltà; secondo la seconda, sostenuta nell'antichità prevalentemente dagli Egineti, era stata una loro trireme, inviata nella loro terra per far sacrifici agli Eacidi, a dar origine alla mischia. Erodoto riporta inoltre come all'inizio del conflitto, secondo alcune testimonianze, fosse comparsa una divinità femminile ad esortare i Greci, invitandoli a smettere di remare all'indietro.[147]

Gli scontri[modifica | modifica wikitesto]

Dopo che i Corinzi si sono allontanati verso nord, i Greci sfondano la linea persiana e dividono l'esercito avversario

Erodoto non fornisce un quadro unitario dello scontro, ma si concentra sulle venture dei singoli condottieri, non potendo fornire informazioni precise[150][142] ma affermando comunque che in linea di massima i contingenti Greci che si dimostrarono più valorosi furono proprio quello Egineta e quello Ateniese.[151] Le triremi erano dotate a prua di rostri, coi quali era possibile affondare le imbarcazioni avversarie o quantomeno danneggiare in modo serio i loro remi.[134] Nel caso in cui questi primi equipaggiamenti non fossero stati sufficienti, l'equipaggio avrebbe potuto abbordar la nave nemica, dando origine a un qualcosa di molto simile a una battaglia campale,[134] cui avrebbero preso parte le rispettive fanterie che si trovavano sulle navi, opliti dalla parte dei Greci[142] e soldati iranici dalla parte degli invasori.[152]

L'inizio della battaglia fu segnato dalla fuga verso nord di Adimanto, dovuta al terrore cagionatogli dallo scoppio della battaglia, seguita poi da quella di tutte le navi corinzie che imitarono il loro condottiero. Ritiratisi presso un santuario sulla costa di Salamina e raggiunti, secondo Erodoto, da un battello di provenienza sconosciuta, i soldati corinzi, i cui compatrioti e tutti i Greci, fuorché gli Ateniesi, dicevano di loro nell'antichità si fossero comportati in modo valorosissimo durante lo scontro, tornarono sul campo di battaglia solo ad azione conclusa.[153] Se questo avvenimento si fosse realmente verificato, potrebbe essere interpretato come se queste navi avessero svolto il ruolo di un'esca mandata in ricognizione verso l'uscita settentrionale dello stretto, per vedere l'arrivo del contingente egiziano che sarebbe stato, ipoteticamente, inviato in quella direzione.[142] Un'altra possibile motivazione per questo atteggiamento dei Corinzi, non in contrasto con la precedente, è che siano stati mandati in quella direzione per scatenare l'attacco Persiano, facendo credere agli aggressori che i vari contingenti componenti la flotta loro avversaria fossero in rotta.[142]

Nel campo di battaglia, essendo stata ricacciata indietro dai Greci la prima delle tre linee persiane, l'avanzata della seconda e della terza divenne molto più difficoltosa. Dopo che a inizio battaglia l'ammiraglio Ariobigne, che si trovava sulla destra del proprio schieramento, fu ucciso, [154] la flotta persiana cadde nella disorganizzazione e nello scoordinamento, tanto che il suo centro, dove si trovavano i contingenti meno potenti, venne sfondato dai Greci, che così divisero la flotta in due. Tale era la situazione che il contingente fenicio, che si trovava a nord dirimpetto agli Ateniesi, venne spinto contro la costa e molti vascelli si incagliarono.[142]

Durante lo scontro, Artemisia si comportò in modo a tratti ambiguo, venendo poi lodata da Serse per il suo coraggio con la celebre frase "Gli uomini mi sono diventati donne, e le donne uomini!":[155][156] inseguita da una nave attica, invece di fronteggiarla decise di attaccare in modo apparentemente inspiegabile l'imbarcazione dei Calindi, sudditi dell'impero, facendo credere ai Greci che la sua imbarcazione fosse o amica o in ritirata.[150] Pure Serse, dall'alto dell'Egaleo, credette che la nave dei Calindi fosse Greca, anche perché fra quanti vennero colpiti dalla regina nessuno si salvò per poterla accusare.[155] Artemisia fu poi inseguita da Aminia, che non riuscì a prender la sua nave ma che forse non si spinse a tanto ignorando chi fosse la generalessa che la comandava, conosciuta la cui identità, secondo Erodoto, avrebbe profuso tutte le sue forze nell'impresa, poiché, infine, fu messo in palio un premio di diecimila dracme a chiunque l'avesse catturata, viva o morta.[151]

Trattandosi di una battaglia navale, quella di Salamina non vide grandi azioni campali, eccezion fatta per la piccola manovra condotta da Aristide sull'isoletta di Psittalia, che portò all'uccisione dei Persiani lì appostati.[157]

Cause della ritirata persiana[modifica | modifica wikitesto]

Mentre i Corinzi stanno facendo ritorno, un'azione combinata di Ateniesi ed Egineti infligge seri danni ai Persiani in disordinata fuga verso il Falero

La ritirata della flotta persiana fu segnata, secondo Erodoto, dallo scoppio di una generale mischia, dovuta al fatto che le navi in fuga degli aggressori si misero a lottare tra di loro.[154] Come se non bastasse, la flotta persiana venne addirittura distrutta da un'azione combinata sempre da parte degli Ateniesi e degli Egineti (protagonisti assoluti di questa resistenza al nemico), durante la quale i primi attaccarono le navi che opponevano le ultime resistenze e i secondi, appostati presso l'uscita dello stretto, assaltarono quelle che tentavano di fuggire verso il Falero.[158] Poche navi riuscirono a giungere là, mettendosi sotto la protezione dell'esercito terrestre.[159] In questo complesso contesto alcuni Fenici accusarono degli Ioni di aver affondato delle loro navi ma furono i primi ad esser condannati come calunniatori perché Serse era stato accompagnato da Ariaramne, personaggio persiano vicino agli Ioni, e, mentre stavano esponendo a Serse il problema dei Samotraci, riuscirono ad impadronirsi di una nave attica, dimostrando il loro valore.[160] Tuttavia, ben pochi Ioni si ritirarono durante la battaglia[161]; molti di più fuggirono invece, secondo la versione di Giustino[88], che riporta come questa defezione abbia grandemente influito sulla sconfitta persiana.

La versione di Diodoro Siculo, sui motivi che indussero Serse alla ritirata (e quindi alla sconfitta), pare oggigiorno la più plausibile. Secondo lo storico, quando tutte le navi si accorsero della ritirata di quelle migliori sul campo di battaglia e meglio equipaggiate, cioè quelle della Fenicia e di Cipro, quasi con un effetto domino tutte le altre si volsero in fuga; implicitamente, quindi, egli allude alla codardia delle prime navi fuggiasche come vera causa della sconfitta.[162]

Perdite[modifica | modifica wikitesto]

Secondo Erodoto, che comunque non fornisce informazioni precise, le perdite di vite e navi furono ben più sostanziose tra i Persiani che tra i Greci, anche perché i primi, al contrario dei secondi che riuscirono, naufraghi, a raggiungere Salamina, non sapevano nuotare.[154] Per lo storico l'anno successivo il numero di navi a disposizione dei Persiani era di 300 triremi;[163] non va, quindi, dimenticato come le stime più accreditate affermino che le navi a disposizione dei Persiani fossero 600-800, possiamo, quindi, concludere che gli aggressori ci abbiano rimesso molto rispetto ai Greci, circa 200-300 navi furono le loro perdite totali.[162] Secondo Diodoro, invece, tra i Greci le perdite ammontarono a circa quaranta navi.[162]

Fatti successivi[modifica | modifica wikitesto]

La flotta persiana al Falero[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la ritirata persiana, i Greci, che temevano una controffensiva persiana, cercarono di rimorchiare i relitti rimasti in mare verso la costa, ma parte di essi vennero trasportati verso la costa dell'Attica dando compimento ad un antico vaticinio.[164] La controffensiva persiana doveva consistere nella realizzazione di un ponte di barche o di una strada rialzata virtualmente finalizzati a trasportare le truppe di terra dall'Attica a Salamina: tale azione, da Serse ideata per far credere ai Greci che fosse intenzionato a rimaner lì e per dissuaderli dal tranciare i ponti di barche precedentemente realizzati sull'Ellesponto, venne poi abbandonata poiché i Panellenici sorvegliavano con la loro flotta lo stretto.[165][126]

La notizia della sconfitta fu presto spedita a Susa,[95] il Re convocò un consiglio di guerra durante il quale Mardonio, che era stato un grande sostenitore della spedizione, per evitare una punizione da parte dell'imperatore, si offrì di portare a termine lui stesso con 300 000 uomini scelti[126] la spedizione al posto del sovrano che avrebbe potuto ritornare nei propri possedimenti e cercò di far passare la disfatta come poco importante poiché avvenuta durante una battaglia marittima, che a sua detta, al pari di tutte le sue simili, era meritevole di minor attenzione rispetto a una battaglia campale nel piano strategico persiano.[166] Interrogata da Serse riguardo a ciò che fosse meglio fare, tornare in Asia col grosso dell'esercito lasciando lì Mardonio o proseguire la campagna,[167] Artemisia, in accordo col recondito desiderio del re,[168] rispose che in sua analisi sarebbe stato preferibile dar seguito alla prima opzione, perché solo in quel modo la vita dell'imperatore si sarebbe salvata per certo e perché, così facendo, ogni eventuale vittoria greca sui Persiani non avrebbe avuto lustro pari a una compiuta in presenza del re, poiché Serse non sarebbe risultato, non partecipando alla spedizione, formalmente sconfitto, ma solo i suoi servi.[169]

Fuga della flotta persiana[modifica | modifica wikitesto]

Monte Micale

Dopo che Artemisia si fu presa cura dei figli dell'imperatore per condurli ad Efeso, i generali della marina persiana si diressero verso l'Ellesponto per agevolare il passaggio del re per lo stretto:[170] dopo che i Greci ne ebbero constatata l'inaspettata partenza, nonostante prima si fossero messi sulla difensiva temendo un attacco, cominciarono ad inseguire la flotta nemica, fermandosi ad Andro dove tennero consiglio. Dopo che Temistocle ebbe consigliato di allontanarsi dalla costa per precedere i Persiani tagliando così i ponti dell'Ellesponto, Euribiade, appoggiato da tutti gli altri generali, affermò che ciò sarebbe stato controproducente perché così facendo l'imperatore, costretto a rimanere in Europa, per il sostentamento delle sue stesse truppe, avrebbe cominciato a far razzie, aggiogando a sé popoli e riprendendo eventualmente la campagna di aggressione.[171]

Compreso Temistocle come non fosse possibile persuadere gli altri generali, si rivolse agli Ateniesi cercando di placare la loro ira, invitandoli a tornare a casa e esortandoli a lasciare che Serse si ritirasse, provando così a procurarsi sia la gloria conveniente al suo rango di salvatore della Grecia sia l'apprezzamento dell'imperatore,[172] che riuscì ad ottenere inviandogli degli uomini affinché questi dicessero che era stato lui a trattenere gli altri Greci dall'inseguimento dell'esercito aggressore in fuga.[173] Erodoto riporta inoltre come Temistocle abbia, durante il suo soggiorno ad Andro, imposto agli abitanti delle isole vicine che gli si versasse, minacciando una spedizione contro di loro, del denaro;[174] alla sentita ricusazione da parte degli stessi abitanti, prontamente li assediò, ma ciò si dimostrò totalmente vano.[175]

La campagna di Mardonio (479 a.C.)[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Battaglia di Platea e Battaglia di Micale.

Dopo aver passato l'inverno tra Beozia e Tessaglia, concedendo così ai Greci di far ritorno in patria, [126] Mardonio nel 479 a.C. riuscì a riconquistare Atene, poiché ancora una volta l'esercito panellenico aveva deciso di porsi a difesa dell'istmo di Corinto. Avendo deciso di sconfiggere sul campo gli invasori barbari, l'esercito greco, ancora sotto l'egida persiana, marciò verso l'Attica, riuscendo a far retrocedere Mardonio che così poté condurli in un territorio più ampio e favorevole: la Beozia. Fu proprio in questa regione che si disputò la battaglia decisiva della seconda guerra Persiana, tutti i soldati di Mardonio si acquartierarono presso la città di Platea, razziata l'anno precedente durante l'avanzata dello stesso esercito.[176] I due successivi scontri, la battaglia di Platea (scontro terrestre) e la battaglia di Micale (scontro navale), quasi contemporanei, segnarono la definitiva distruzione rispettivamente del grosso dell'esercito persiano e del grosso della flotta sopravvissuta allo scontro avvenuto presso Salamina.[176] Da qui i Persiani non tentarono mai più di invadere la Grecia, e persero pian piano il loro prestigio.

Significato[modifica | modifica wikitesto]

Monumento in memoria della Battaglia di Salamina, sulla penisola di Cinosura, nell'isola di Salamina

La battaglia di Salamina segnò il punto di svolta nelle guerre persiane.[128] Dopo Salamina, il Peloponneso, e per esteso la Grecia nel suo insieme, fu al sicuro dalla conquista; i Persiani soffrirono una caduta in termini di prestigio e un duro colpo anche a livello materiale.[177] Già dalle vittorie di Platea e di Micale il rischio di conquista era stato annullato, e i Greci furono quasi in grado di dar vita a una controffensiva.[178] Pure i Macedoni si accostarono a questi sentimenti di odio instillati a poco a poco dalle guerre Persiane, e, più di trent'anni dopo, la Tracia, le isole egee e la Ionia furono letteralmente strappate all'impero persiano e annesse alla lega delio-attica, succeduta alla lega panellenica, aventi entrambi (almeno all'inizio) il compito di ostacolare la vita dell'impero Achemenide.[179] Con Salamina si ridusse notevolmente il potere che i Persiani avevano nei confronti dei Greci, e aprì la prospettiva di una eventuale vittoria greca, che avrebbe ridotto in modo consistente il potere persiano sull'Egeo.[180]

Al pari delle battaglie di Maratona e delle Termopili, forse per le cattive condizioni in cui versavano i Greci e le ridotte possibilità di successo, quella di Salamina ha ottenuto quasi uno status leggendario (mentre la battaglia di Platea, ben più decisiva, non è mai assurta a tale livello nella cultura di massa).[24] Un significativo numero di storici ha affermato che questa fu una delle più importanti battaglie della storia umana, al pari di Maratona.[1][73][135][137] In una visione più estrema di questa affermazione, alcuni storici affermano che se i Greci avessero perso a Salamina, la conseguente conquista della Grecia da parte dei Persiani avrebbe impedito lo sviluppo della cultura occidentale nella sua forma moderna.[24][181] Questo punto di vista è basato sulla premessa che la maggior parte della società moderna (dalla filosofia, alle scienze, fino alla democrazia) ha le sue radici nell'eredità lasciata dall'antica Grecia, che si è creata e rinnovata, o meglio ha avuto modo di rinnovarsi, con la vittoria della guerra, ottenuta per la gran parte, proprio grazie allo scontro di Salamina.[24] Perciò questa scuola di pensiero afferma che, considerato come i caratteri della cultura occidentale abbiano influenzato la storia, la dominazione persiana sulla Grecia avrebbe potuto cambiare l'evoluzione della storia umana.[1][182][183][184]

Militarmente, è difficile trarre una lezione strategica da quanto accadde a Salamina, poiché il reale svolgimento del conflitto è incerto. Come alle Termopili, i Greci scelsero bene il teatro del conflitto col fine di impedire ai Persiani di sfruttare i vantaggi loro conferiti dalla superiorità numerica, ma, al contrario di quanto accadde nello scontro, i membri della lega panellenica dovettero sperare in una prima mossa dell'aggressore.[129] Visti i vantaggi che portarono all'esito dello scontro, il successo dello stratagemma ordito da Temistocle è forse la lezione più importante.[129]

Nella letteratura[modifica | modifica wikitesto]

  • Tra le rime di Petrarca si scorge un'allusione alla battaglia di Salamina.
« Pon' mente al temerario ardir di Xerse,
che fece per calcare i nostri liti
di novi ponti oltraggio a la marina;
et vedrai ne la morte de' mariti
tutte vestite a brun le donne perse,
et tinto in rosso il mar di Salamina. »
( Petrarca, Canzoniere, Canto 28 v. 90 ss..)
  • Lord Byron ricorda gli avvenimenti accaduti presso Salamina nel contesto della seconda guerra persiana accennandoli nel suo Don Juan e affiancandoli a quelli relativi alla battaglia di Maratona.
(EN)
« A king sate on the rocky brow
Which looks o'er sea-born Salamis
And ships, by thousands, lay below,
And men in nations; - all were his!
He counted them at break of day -
And when the sun set where were they? »
(IT)
« Un re sedette su una rocciosa rupe,
che guardava verso Salamina che cade a picco sul mare,
e navi a migliaia, erano schierate al di sotto,
e nazioni di uomini - tutte queste cose erano sue!
Li contò all'alba -
e quando il sole tramontò, dove erano tutti loro? »
( Lord Byron, Don Juan, 3, 86, 4.)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Hanson, pp. 12–60.
  2. ^ a b Holland, pp. 47–55.
  3. ^ a b Holland, p. 203.
  4. ^ Erodoto, V, 105.
  5. ^ a b Holland, pp. 171–178.
  6. ^ Erodoto, VI, 44.
  7. ^ a b c Holland, pp. 178–179.
  8. ^ Erodoto, VI, 101.
  9. ^ Erodoto, VI, 113 e la fine della Prima guerra persiana.
  10. ^ a b c Holland, pp. 208-211.
  11. ^ a b Holland, pp. 213–214.
  12. ^ Erodoto, VII, 35.
  13. ^ Holland, pp. 217–223.
  14. ^ Erodoto, VII, 32.
  15. ^ Erodoto, VII, 145.
  16. ^ a b c Holland, p. 226.
  17. ^ Holland, pp. 248–249.
  18. ^ Erodoto, VII, 173.
  19. ^ Holland, pp. 255–257.
  20. ^ Holland, pp. 292–294.
  21. ^ Erodoto, VIII, 18.
  22. ^ Erodoto, VIII, 21.
  23. ^ Cicerone, De officiis.
  24. ^ a b c d e f Holland, pp. XVI-XVII.
  25. ^ Tucidide, I, 22.
  26. ^ a b Finley.
  27. ^ Holland, p. XXIV.
  28. ^ Pipes.
  29. ^ a b Holland, p. 377.
  30. ^ Fehling.
  31. ^ Diodoro
  32. ^ Erodoto, IX, 81.
  33. ^ a b c d e Lazenby, pp. 164–167.
  34. ^ a b Erodoto, VIII, 72.
  35. ^ a b Erodoto, VIII, 42.
  36. ^ a b c d e Erodoto, VIII, 48.
  37. ^ a b c d e f Erodoto, VIII, 82.
  38. ^ a b c d e f g h i j k l Erodoto, VIII, 46.
  39. ^ Ipotesi formulata in una traduzione a cura di Thomas Babington Macaulay.
  40. ^ a b c d e f Erodoto, VIII, 43.
  41. ^ a b c d e Erodoto, VIII, 1.
  42. ^ Erodoto, VIII 44.
  43. ^ a b c Erodoto, VIII, 45.
  44. ^ Erodoto, VIII, 47.
  45. ^ Lee.
  46. ^ a b c Eschilo, 400 ss..
  47. ^ Diodoro Siculo, XI 12-13 Nel 12° capitolo le navi ammontano a 280, poi si aggiungono altre 50 triremi ateniesi, ma la cifra non è sicura visto che risale a prima della battaglia di Capo Artemisio
  48. ^ Ctesia.
  49. ^ Tucidide, La guerra del Peloponneso I 74,1.
  50. ^ Demostene, De corona 238 ss.
  51. ^ Nepote, De viris illustribus Them. 3
  52. ^ Erodoto, VII, 89.
  53. ^ Erodoto, VII, 188
  54. ^ a b Erodoto, VIII, 14.
  55. ^ a b c Erodoto, VIII, 11.
  56. ^ a b c Erodoto, VIII, 60.
  57. ^ a b Erodoto, VII, 185.
  58. ^ a b c d e f g Erodoto, VIII, 85.
  59. ^ Diodoro, XI, 3.
  60. ^ Epitafio, II 27.
  61. ^ FGrHist
  62. ^ Isocrate, 93,97 in Orazione VII, Panegirico.
  63. ^ Isocrate, 93 in Orazione IV.
  64. ^ [[#CITEREFFGrHist|FGrHist]], 688 F 13,30.
  65. ^ Leggi, III, 699.
  66. ^ Cornelio NepoteThem. 2,4
  67. ^ Köster
  68. ^ Holland, p. 394.
  69. ^ a b Lazenby, pp. 93–94.
  70. ^ Green, p. 61.
  71. ^ Burn, p. 331.
  72. ^ Paparrigopulos.
  73. ^ a b Demetrius.
  74. ^ Lazenby, p. 174.
  75. ^ Erodoto, VIII, 22.
  76. ^ Erodoto, VIII, 23.
  77. ^ a b Erodoto, VIII, 31.
  78. ^ Erodoto, VIII, 32.
  79. ^ Erodoto, VIII, 30.
  80. ^ Erodoto, VIII, 33.
  81. ^ a b Erodoto, VIII, 35.
  82. ^ Erodoto, VIII, 34.
  83. ^ Erodoto, VIII, 36.
  84. ^ Erodoto, VIII, 37.
  85. ^ Erodoto, VIII, 38.
  86. ^ Erodoto, VIII, 39.
  87. ^ Erodoto, VIII, 40.
  88. ^ a b c d Marco Giuniano Giustino, Storie filippiche di Pompeo Trogo II 12,16-27
  89. ^ a b Erodoto, VIII, 41.
  90. ^ Erodoto, VIII, 49.
  91. ^ Erodoto, VIII, 50.
  92. ^ Erodoto, VIII, 51.
  93. ^ Erodoto, VIII, 52.
  94. ^ Erodoto, VIII, 53.
  95. ^ a b Erodoto, VIII, 99.
  96. ^ Erodoto, VIII, 54.
  97. ^ Erodoto, VIII, 55.
  98. ^ Erodoto, VIII, 56.
  99. ^ Erodoto, VIII, 57.
  100. ^ Erodoto, VIII, 58.
  101. ^ Erodoto, VIII, 59.
  102. ^ a b Holland, p. 302.
  103. ^ Erodoto, VIII, 61.
  104. ^ Erodoto, VIII, 62.
  105. ^ Erodoto, VIII, 63.
  106. ^ Diodoro Siculo,  XI 12
  107. ^ Erodoto, VIII, 64.
  108. ^ Erodoto, VIII, 66.
  109. ^ Erodoto, VIII, 67.
  110. ^ a b Erodoto, VIII, 68.
  111. ^ Erodoto, VIII, 69.
  112. ^ Erodoto, VIII, 70.
  113. ^ Erodoto, VIII, 73.
  114. ^ Erodoto, VIII, 71.
  115. ^ Erodoto, VIII, 74.
  116. ^ Erodoto, VIII, 75
  117. ^ Eschilo, 249 ss.
  118. ^ a b c d e f g h Holland, p. 310.
  119. ^ a b Erodoto, VIII, 76.
  120. ^ Erodoto, VIII, 78.
  121. ^ Erodoto, VIII, 79.
  122. ^ Erodoto, VIII, 80.
  123. ^ Erodoto, VIII, 81.
  124. ^ a b c d e Holland, p. 318.
  125. ^ Holland, pp. 209–212.
  126. ^ a b c d Holland, pp. 327–329.
  127. ^ a b Holland, pp. 308–309.
  128. ^ a b Lazenby, p. 197.
  129. ^ a b c d e Lazenby, pp. 248–253.
  130. ^ a b Holland, p. 303.
  131. ^ a b Erodoto.
  132. ^ Lazenby, p.138.
  133. ^ Holland, pp. 222–224.
  134. ^ a b c d e f g h i Lazenby, pp. 34–37.
  135. ^ a b Strauss, pp. 1-294.
  136. ^ Lazenby, p. 150.
  137. ^ a b Holland, p. 399.
  138. ^ a b c Diodoro, XI, 18.
  139. ^ a b Lazenby, p. 187.
  140. ^ a b Lazenby, pp. 184–185.
  141. ^ Diodoro.
  142. ^ a b c d e f g h i j k Holland, pp. 320–326.
  143. ^ a b Lazenby, p. 181.
  144. ^ a b Lazenby, pp. 174–180.
  145. ^ Diodoro, XI, 17.
  146. ^ Erodoto, VIII, 83.
  147. ^ a b c Erodoto, VIII, 84.
  148. ^ Erodoto, VIII, 86.
  149. ^ Plutarco, 14.
  150. ^ a b Erodoto, VIII, 87.
  151. ^ a b Erodoto, VIII, 93.
  152. ^ Erodoto, VII, 184.
  153. ^ Erodoto, VIII, 94.
  154. ^ a b c Erodoto, VIII, 89.
  155. ^ a b Erodoto, VIII, 88.
  156. ^ Marco Giuniano Giustino, Storie filippiche II 12,23-24. Una frase di pari significato si ritrova qui
  157. ^ Erodoto, VIII, 95.
  158. ^ Erodoto, VIII, 91.
  159. ^ Erodoto, VIII, 92.
  160. ^ Erodoto, VIII, 90.
  161. ^ Erodoto, VIII 85
  162. ^ a b c Diodoro Siculo,  XI 19
  163. ^ Erodoto, VIII, 130.
  164. ^ Erodoto, VIII, 96.
  165. ^ Erodoto, VIII, 97.
  166. ^ Erodoto, VIII, 100.
  167. ^ Erodoto, VIII, 101.
  168. ^ Erodoto, VIII, 103.
  169. ^ Erodoto, VIII, 102.
  170. ^ Erodoto, VIII, 107.
  171. ^ Erodoto, VIII, 108.
  172. ^ Erodoto, VIII, 109.
  173. ^ Erodoto, VIII, 110.
  174. ^ Erodoto, VIII, 112.
  175. ^ Erodoto, VIII, 111; 121.
  176. ^ a b Holland, pp. 338–341.
  177. ^ Holland, pp. 333–335.
  178. ^ Lazenby, p. 247.
  179. ^ Holland, pp. 359–363.
  180. ^ Holland, p. 366.
  181. ^ Green, 1970, p. XXIII.
  182. ^ (EN) The Fabulous Fifth Century: Athens During the Age of Pericles - II. Greek Society After the Persian Wars in web.archive.org. URL consultato il 27 agosto 2014.
  183. ^ (EN) Greek Society After the Persian Wars in hermes-press.com. URL consultato il 27 agosto 2014.
  184. ^ (EN) The Persian War in ancient Greece in essortment.com. URL consultato il 27 agosto 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti primarie
Fonti secondarie
  • (EN) Andrew Robert Burn, Persia and the Greeks - The Defense of the West, 546-478 B. C., II - The Median and Achaemenid Periods, Cambridge University Press, 1985.
  • (EN) Detlev Fehling, Herodotus and His "Sources": Citation, Invention, and Narrative Art, tradotto da J.G. Howie, Leeds, Francis Cairns, 1989.
  • (EN) Moses Finley, Introduction in Thucydides – History of the Peloponnesian War, tradotto da Rex Warner, Penguin, 1972, ISBN 0-14-044039-9.
  • Andrea Frediani, Le grandi battaglie dell'Antica Grecia, Newton & Compton Editori, 2005, ISBN 88-541-0377-2.
  • (EL) N. Garoufalis e Η. Demetrius, ναυμαχία της Σαλαμίνας, η σύγκρουση που άλλαξε τον ρού της ιστορίας (La battaglia di Salamina, il conflitto che cambiò il corso della storia) in Στρατιωτική Ιστορία (Storia militare), nº 24, agosto 1998.
  • (EN) Peter Green, The Year of Salamis, 480–479 BC., Londra, eidenfeld and Nicolson, 1970, ISBN 0-297-00146-9.
  • (EN) Peter Green, The Greco-Persian Wars, Berkeley, University of California Press, 1998, ISBN 0-520-20313-5.
  • (EN) Victor Davis Hanson, Carnage and Culture: Landmark Battles in the Rise of Western Power, New York, Anchor Books, 2001, ISBN 0-385-72038-6.
  • (EL) Konstandinos Paparrigopulos, Ιστορία του Ελληνικού Έθνους (Storia del popolo greco), II, Εκδοτική Αθηνών (Editore ateniese), 1971.
  • (EN) Tom Holland, Persian Fire, Londra, Abacus, 2005, ISBN 978-0-349-11717-1.
  • (DE) Abraham J. Köster, Studien zur Geschichte des Antikes Seewesens, Leipzig, Dieterich, 1934.
  • (EN) J. F. Lazenby, The Defence of Greece 490–479 BC., Aris & Phillips Ltd, 1993, ISBN 0-85668-591-7.
  • (EN) Felicia R. Lee, A Layered Look Reveals Ancient Greek Texts in The New York Times, 27 novembre 2006.
  • (EN) David Pipes, Herodotus: Father of History, Father of Lies. URL consultato il 18 gennaio 2008.
  • (EN) Barry Strauss, The Battle of Salamis: The Naval Encounter That Saved Greece—and Western Civilization, New York, Simon and Schuster, 2004, ISBN 0-7432-4451-6.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]