Battaglia di Sabilla

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Battaglia di Sabilla
parte della Rivolta Ikhwan
Truppe cammellate degli Ikhwan
Truppe cammellate degli Ikhwan
Data 29-31 marzo 1929
Luogo Al Zulfi, odierna Arabia Saudita
Esito sconfitta degli Ikhwan
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
10.000 30.000
Perdite
500 200
Voci di battaglie presenti su Wikipedia

La battaglia di Sabilla (29 marzo 1929)[1] fu la battaglia principale e definitiva per il soffocamento della rivolta Ikhwan, nel nord dell'Arabia Saudita, da parte dell'esercito di Ibn Saud.

Essa pose fine al movimento tribale degli Ikhwan,[2] che sosteneva un estremo conservatorismo in contrapposizione alle innovazioni proposte dal monarca saudita.

I ribelli, dotati di armi antiquate, vennero sconfitti in maniera definitiva dalle forze regolari saudite, che disponevano di armi moderne e cavalleria.

Faisal al-Dawish, uno dei tre capi della rivolta Ikhwan, venne ferito in battaglia. Secondo i servizi informativi di Ibn Saud, il suo ferimento fu di notevole gravità. Sultan bin Bajad, presumibilmente fuggì dal teatro della battaglia.[2]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Da britannica.com
  2. ^ a b Da ibnsauf.info


Storia Portale Storia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Storia