Battaglia di Muret

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Battaglia di Muret
parte della Crociata albigese
Miniatura che raffigura la battaglia, ripresa da 'Grandes Chroniques de France.
Miniatura che raffigura la battaglia, ripresa da 'Grandes Chroniques de France.
Data 12 settembre 1213
Luogo Muret
Esito Vittoria franco-crociata
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
900 cavalieri
700 fanti
2.200 cavalieri
20.000 - 40.000 fanti[1][2][3]
Perdite
8 uomini[4] 10.000 uomini[5]
Voci di battaglie presenti su Wikipedia

La Battaglia di Muret è stata la battaglia decisiva della cosiddetta Crociata albigese. Si è svolta il 12 settembre 1213 presso Muret, località occitana ad una dozzina di chilometri da Tolosa.

La battaglia[modifica | modifica sorgente]

Lo scontro vide prevalere l'armata crociata di Filippo II di Francia guidata da Simone IV di Montfort sulle forze della Corona d'Aragona guidate da Pietro II d'Aragona ed i suoi alleati (tra i quali Raimondo VI di Tolosa, Raimondo Ruggero di Foix e Bernardo V di Cominges), nonostante il forte soprannumero della seconda faizone.

Simone di Montfort si scontrò con 800 uomini contro le più numerose forze di Pietro II (1.500 uomini) sulla Garonna, dopo essere uscito dalla roccaforte assediata: Pietro II fu sconfitto e perse la vita.[6]

La battaglia di Muret segna l'inesorabile tramonto dell'eresia catara, il definitivo arresto dell'espansionismo aragonese in Occitania e il primo importante passo per la futura incorporazione della Contea di Tolosa, della Linguadoca e di altre regioni limitrofe al Regno di Francia (seconda metà del XIII secolo).

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Le cifre non sono del tutto chiare.
  2. ^ (FR) La Bataille de Muret, Sito ufficiale della città di Muret. URL consultato il 20-11-2008.
  3. ^ (ENFR) Muret 1213, earlyBlazon.com. URL consultato il 20-11-2008.
  4. ^ Paladilhe, Simon de Montfort et le drame cathare, pag. 227.
  5. ^ Pedro de Vaux-de-Cernay, in Historia Albigesis, indica tra le 15.000 e le 20.000 perdite, cifra probabilmente esagerata.
  6. ^ Battaglia di Muret, Tuttostoria.net. URL consultato il 20-11-2008.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (ES) Martín Alvira-Cabrer, El Jueves de Muret. 12 de Septiembre de 1213, Universitat de Barcelona, Barcelona, 2002. ISBN 84-477-0796-2
  • (ES) Martín Alvira-Cabrer, Muret 1213. La batalla decisiva de la Cruzada contra los Cátaros, Ariel, Barcelona, 2008. ISBN 978-84-344-5255-8
  • Anne Brenon, Les cathares, Ed. J. Grandcher, Parigi, 1996, ISBN 2-07-053403-0
  • Domenico Dante, Il tempo interrotto. Breve storia dei catari in Occidente, Palomar, Bari 2009.
  • Marcel Auguste Dieulafoy, La bataille de Muret, Parigi, 1899
  • Paul Labal, Los Cátaros, herejía y crisis social, Barcelona, Editorial Crítica, 1988, ISBN 84-7423-234-1
  • Dominique Paladilhe, Simon de Montfort et le drame cathare, Parigi, Ed. Perrin, 1998, ISBN 2-262-01291-1

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]