Battaglia di Katzbach

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Battaglia di Katzbach
Battle of Katzbach by Klein.jpg

Data 26 agosto 1813
Luogo Nei pressi di Legnica, Prussia
Esito Vittoria della coalizione
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
102.000 uomini 114.000 uomini
Perdite
20.000 morti, feriti e prigionieri 4.000 morti, feriti e dispersi
Voci di battaglie presenti su Wikipedia

La battaglia di Katzbach fu combattuta il 26 agosto 1813 dalle truppe del Primo Impero francese comandate dal maresciallo Étienne Macdonald e le forze russo-prussiane della sesta coalizione sotto la guida del feldmaresciallo Gebhard Leberecht von Blücher. La battaglia ebbe luogo durante una forte pioggia e vide impegnata l'armata francese che Napoleone aveva distaccato per controllare l'esercito russo-prussiano del feldmaresciallo Blücher, mentre gli combatteva la battaglia di Dresda contro l'armata principale dei coalizzati. A causa dell'eccessiva aggressività del maresciallo Macdonald, le sue truppe si disgregarono, vennero contrattaccate e nella fase di ripiegamento subirono dure perdite. La disfatta del Katzbach, sommata alle altre sconfitte dei luogotenenti di Napoleone a Grossbeeren, Dennewitz e Kulm, provocò una svolta della guerra a favore dei coalizzati.

La battaglia[modifica | modifica wikitesto]

I due eserciti in campo erano quasi equivalenti per numero di uomini e si ritrovarono di fronte con sorpresa reciproca. A causa della scarsa visibilità dovuta alle condizioni atmosferiche inizialmente regnò una grande confusione sul campo di battaglia, il comandante francese Mcdonald fu il primo a rendersi conto della situazione e diede ordine di attaccare, contravvenendo alle disposizioni dell'imperatore Napoleone che gli aveva imposto di difendere il fianco della propria forza principale dall'attacco di Blücher.

Macdonald inviò oltre 60.000 uomini (circa due terzi del suo esercito) ad attaccare il fianco destro dell'armata Russo-Prussiana ma l'attacco fallì a causa della difficoltà dei soldati francesi ad organizzarsi per via delle condizioni di visibilità.

I rimanenti oltre 30.000 uomini di Macdonald cercarono di tenere la posizione ma furono travolti da un massiccio controattacco delle forze della coalizione. Macdonald, consapevole di non avere supporti o rinforzi dall'imperatore impegnato nella battaglia di Dresda, fu costretto a dichiarare la ritirata dopo aver perso circa 20.000 soldati e 100 cannoni.

Per via di questa sconfitta la posizione francese in Prussia si indebolì vistosamente. Le successive sconfitte nella battaglia di Kulm quattro giorni dopo e nella Battaglia di Dennewitz 6 settembre impediranno a Napoleone di mantenere la città di Dresda.

Per la sua vittoria Blücher riceverà il titolo di "Principe di Wahlstatt" il 3 giugno 1814.