Battaglia di Helgoland (1849)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Battaglia di Helgoland
Il golfo di Germania, con le isole Helgoland e le rotte commerciali
Il golfo di Germania, con le isole Helgoland e le rotte commerciali
Data 4 giugno 1849
Luogo isole Helgoland (Regno di Danimarca)
Schieramenti
Comandanti
Karl Rudolf Brommy Andreas Polder
Jørgen P. F. Wulff
Effettivi
Voci di guerre presenti su Wikipedia

La battaglia di Helgoland del giugno 1849 è stata un episodio della prima guerra dello Schleswig durante la quale la flotta imperiale tedesca (la Reichsflotte, costituita l’anno prima) si cercò di spezzare il blocco navale imposto dalla marina danese nel Mare del Nord e nel Mar Baltico. La battaglia non produsse alcun risultato degno di nota: non vi furono perdite e il blocco navale continuò.

La battaglia[modifica | modifica wikitesto]

Il 4 giugno 1849, l’ammiraglio tedesco Karl Rudolf Brommy salpò da Bremerhaven con la fregata a vapore SMS Barbarossa e con due piccole corvette a vapore - la Lübeck (1844) e la Hamburg (1841) – nel tentativo di disperdere le navi danese che bloccavano la foce del fiume Weser.

Le forze danesi quel giorno erano inferiori a quelle tedesche e si ritirarono. Brommy cercò di tagliare fuori la corvetta nemica Valkyrien la quale, sotto il comando del capitano Andreas Polder, si rifugiò nelle isole Helgoland che all’epoca appartenevano al Regno Unito. Sebbene fosse neutrale, il governo britannico aveva chiarito che non intendeva tollerare sconfinamenti da parte della marina tedesca nelle acque sotto la propria sovranità.

In effetti, non appena le navi tedesche si avvicinarono alle acque territoriali delle Helgoland le forze britanniche spararono dei colpi di avvertimento permettendo invece il passaggio alle imbarcazioni danesi. Brommy, che non poteva permettersi di fornire alla Royal Navy il pretesto per entrare in guerra, rimase a distanza.

Polder dal canto suo aspettò l’arrivo di rinforzi da parte della flotta danese. Quando il piroscafo Gejser, del kaptajnløjtnant Jørgen P. F. Wulff, giunse nei pressi, Brommy fu costretto a ritirarsi temendo l’arrivo di ulteriori navi danesi.

Conseguenze[modifica | modifica wikitesto]

La flotta danese seguì quella tedesca fino al foce del fiume Elba nei pressi di Cuxhaven e poi ristabilirono il blocco navale.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Jörg Duppler: Germania auf dem Meere / Bilder und Dokumente zur Deutschen Marinegeschichte 1848 –1998. Mittler, Hamburg 1998. ISBN 3-8132-0564-9
  • Svendsen, Nick The First Schleswig-Holstein War 1848-50
  • Guntram Schulze-Wegener: Deutschland zur See. 150 Jahre Marinegeschichte. Mittler, Hamburg 1998. ISBN 3-8132-0551-7
  • Lawrence Sondhaus: Naval Warfare, 1815-1914, 2001, Routledge, ISBN041521478
  • Steefel, Lawrence D. The Schleswig-Holstein Question. 1863-1864 (Harvard U.P. 1923).
  • Georg Wislicenus: Deutschlands Seemacht, 2007, ISBN 3-8262-2313-6

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]