Battaglia di Cresson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Battaglia di Cresson
parte della guerra tra Ayyubidi e Crociati 1177-1187
La Battaglia di Cresson, miniatura di Jean Colombe, ca. 1474
La Battaglia di Cresson, miniatura di Jean Colombe, ca. 1474
Data 1º maggio 1187
Luogo vicino Nazareth
Esito Vittoria degli Ayyubidi
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
Circa 130 cavalieri (inclusi i Grandi Maestri)
400 fanti
Un numero sconosciuto di turcopoli[1]
Circa 7000 uomini[1]
Perdite
Quasi tutti, 3 cavalieri sopravvissuti, Roger de Moulins ucciso Lievi
Voci di battaglie presenti su Wikipedia

La Battaglia di Cresson fu uno scontro minore tenutosi il 1º maggio del 1187, sulle sponde del Cresson, o 'Ain Gozeh', vicino Nazaret. Essa fu il preludio alla sconfitta del Regno di Gerusalemme nella Battaglia di Hattin combattuta due mesi dopo.

Premessa[modifica | modifica wikitesto]

La situazione politica a Gerusalemme era molto tesa. Raimondo III di Tripoli, che aveva governato come reggente ed era uno dei consiglieri più saggi del regno, si rifiutò di accettare come nuovo sovrano Guido di Lusignano. Gerardo di Ridefort, maestro dei Cavalieri Templari, Roger de Moulins, maestro degli Ospitalieri, Baliano di Ibelin, Ioscio, Arcivescovo di Tiro e Reginaldo, furono inviati a Tiberiade per negoziare con Raimondo.

La Battaglia[modifica | modifica wikitesto]

Nel frattempo, Saladino aveva inviato una piccola armata verso Tiberiade guidata da suo figlio al-Afdal, per rappresaglia ad un precedente attacco ad una carovana Musulmana da parte di Rinaldo di Chatillon. Raimondo III nutriva la speranza che Saladino si potesse alleare con lui contro Guido, e per questo permise alla spedizione di attraversare Tiberiade il 30 aprile, sebbene si fosse premurato di avvisare i Cristiani di Nazaret del loro passaggio. Nell'apprendere ciò, Gerardo radunò velocemente un piccolo esercito, formato dalle guarnigioni di Templari di Qaqun e al-Fulah e dai cavalieri del regno acquartierati a Nazaret, un piccolo contingente di soli 140 cavalieri in tutto; Baliano nel frattempo si era fermato nel suo feudo di Nablus e Reginaldo era anch'egli altrove. La forza di Saladino era composta da 7000 uomini.

Gerardo raggiunse Cresson il 1º maggio. Come narra l'Itinerarium Peregrinorum et Gesta Regis Ricardi, una cronaca della Terza Crociata:

Così Saladino radunò il suo esercito e marciò velocemente verso la Palestina. Egli inviò l'emiro di Edessa, Manafaradin [al-Muzaffar], a capo di 7.000 Turchi per razziare la Terra Santa. Ora, quando questo Manafaradin giunse nella regione di Tiberiade, si scontrò con il maestro del Tempio, Gerardo de Ridefort, e con il maestro dell'Ospedale, Ruggero des Moulins. Nello scontro inaspettato che seguì, egli mise in fuga il primo ed uccise il secondo.

I Musulmani finsero una ritirata, una tattica alquanto comune che non avrebbe dovuto trarre in inganno Gerardo; tuttavia egli ordinò una carica, nonostante il parere contrario di Ruggero, ed i cavalieri si separarono così dalla fanteria. I Musulmani riuscirono a contrastare facilmente la carica diretta dei Cristiani, uccidendo prima i cavalieri esausti e poi la fanteria. Gerardo sopravvisse ma tutti gli altri cavalieri vennero uccisi. Secondo lItinerarium, però, Gerardo non ordinò una carica in maniera sprovveduta ma fu vittima egli stesso di un attacco di sorpresa. LItinerarium cita anche l'eroismo di un cavaliere Templare di nome Jakelin de Mailly, il quale, nonostante la morte di tutti i suoi compagni, combatté strenuamente fino alla morte.

Baliano era ad un giorno di marcia, e si era anche fermato a Sebastea per celebrare una festività. Dopo essere giunto al castello di La Fève, dove dovevano trovarsi acquartierati i Templari e gli Ospitalieri, lo trovò deserto. Così invio il suo attendente Ernoul in avanscoperta per scoprire cosa fosse successo e presto ebbe notizia della battaglia dai pochi sopravvissuti. Raimondo venne a conoscenza dello scontro e giunse per l'ambasciata a Tiberiade, ed accettò di scortare gli altri fino a Gerusalemme.

Raimondo era finalmente disposto ad accettare Guido come re, ma il danno subito dal regno era ormai troppo grande, e sia Gerardo che Rainaldo consideravano Raimondo un traditore. Saladino raccolse un esercito ancora più potente forte di 20.000 uomini e invase il regno a giugno, sconfisse Guido ad Hattin il 4 luglio e ad ottobre catturò la stessa Gerusalemme.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Nicolle, op. cit., pag. 59

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Steven Runciman, The Kingdom of Jerusalem and the Frankish East, 1100-1187 in A History of the Crusades, vol. II, Cambridge University Press, 1952; (traduzione italiana di E. Bianchi, A. Comba, F. Comba, in due volumi: Storia delle Crociate, Torino, Einaudi, 2005., ISBN 978-88-06-17481-1).
Crociate Portale Crociate: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Crociate