Battaglia di Cedynia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Battaglia di Cedynia
Polska 960 - 992.png

Data 972
Luogo Cedynia
Esito Vittoria polacca
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
Sconosciuti Sconosciuti
Perdite
Sconosciute Sconosciute
Voci di battaglie presenti su Wikipedia
Monumento alla Battaglia di Cedynia / Zehden (costruita 1972)
Aquila polacca del monumento

La battaglia di Cedynia, avvenuta nel 972, fu la prima battaglia documentata storicamente in Polonia

Antefatto[modifica | modifica wikitesto]

Attorno al 937 il margravio sassone Gero I aveva occupato vasti territori ad est dell'Elba, dove soggiogò i Polabi, un popolo slavo della zona. Continuando l'espansione giunse fino all'Oder, oltre il quale si estendeva il regno di Piast, e, dopo alcuni scontri, Gero riuscì a sottometterlo. Successivamente il margravio di Lusazia Odone I, che doveva riscuotere il tributo della regione, desideroso di espandere ulteriormente il proprio territorio, attaccò, certo della vittoria, Mieszko I di Polonia.

La battaglia[modifica | modifica wikitesto]

Il 24 giugno 972 gli eserciti di Polonia e Sassonia si incontrarono nei pressi di Cedynia. Tietmaro di Merseburgo, l'unico storico contemporaneo ai fatti che tratti la battaglia, racconta la battaglia nel suo Chronicon in modo piuttosto laconico. Non si conoscono i dettagli della battaglia, solo che i Polacchi sconfissero in modo decisivo le truppe di Odone. Il fratello di Mieszko, Czcibor, perì durante la battaglia.

Eventi successivi[modifica | modifica wikitesto]

La sconfitta del proprio esercito spinse l'imperatore tedesco Ottone I il Grande a stipulare la pace con Mieszko I, che fu ratificato anche con gli imperatori successivi.

Dopo la seconda guerra mondiale la battaglia, precedentemente quasi ignorata, entrò nel mito polacco come la prima resistenza ai Tedeschi, e nel 1972 fu eretto nella zona un grandioso monumento in ricordo della vittoria. Dopo la caduta del comunismo in Europa, l'evento venne affrontato in modo meno enfatico ma comunque celebrato come una delle più importanti battaglie polacche.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Thietmari Merseburgensis episcopi chronicon, Ediz. Holtzmann, Berlino, 1935.
  • Gerstenberg, Julia; Midalski, Pawel (2008). "Cedynia : eine unscheinbare Stadt am Rande Polens, die alle Polen kennen". in Bernd Vogenbeck (in tedesco). Terra Transoderana. Zwischen Neumark und Ziema Lubuska. Almanach. Berlin: be.bra Wissenschaftsverlag. pp. 79–85. ISBN 978-3-937233-50-5.
  • Korbal, Rafał (1997) (in polacco). Słynne bitwy w historii Polski. Klucz do Ojczyzny. ISBN 83-7083-801-4.
  • Ranft, Andreas (2006) (in tedesco). Der Hoftag in Quedlinburg 973. Von den historischen Wurzeln zum Neuen Europa. Akademie Verlag. ISBN 3050041137.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]