Battaglia di Casaglia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Battaglia di Casaglia
Data 12 aprile 1815
Luogo Casaglia, alle porte di Ferrara (Italia)
Esito Vittoria austriaca
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
4.500 uomini 7.000 uomini
Perdite
230 uomini 1.000 uomini
    Voci di battaglie presenti su Wikipedia

    La battaglia di Casaglia fu combattuta il 12 aprile 1815 durante la guerra austro-napoletana tra le forze austriache comandate da Johann Freiherr von Mohr e Johann Frimont e quelle del Regno di Napoli guidate dal suo re, Gioacchino Murat. La battaglia avvenne al villaggio di Casaglia, ad una decina di chilometri da Ferrara, e terminò con la sua riconquista da parte degli austriaci.

    La battaglia[modifica | modifica wikitesto]

    Dopo la battaglia di Occhiobello (8 e 9 aprile), dove era stato sconfitto, Gioacchino Murat formò una linea difensiva presso il Po occupando il villaggio di Casaglia, strategicamente essenziale per mantenere l'assedio, in essere dal 7 aprile, di Ferrara, città-chiave per il sistema difensivo degli austriaci. L'assedio fu mantenuto nonostante una prima offensiva di Johann Frimont.

    Il 12 aprile iniziò la battaglia vera e propria: una colonna austriaca attaccò il grosso delle truppe napoletane che, dopo diverse ore di schermaglie, si ritirò secondo gli ordini di Murat. I superstiti napoletani ripiegarono quindi ordinatamente verso Bologna.

    La città di Mirandola fu presa dagli austriaci il giorno dopo, togliendo la possibilità a Murat di ritirarsi dietro la sua linea difensiva e costringendolo quindi a togliere definitivamente l'assedio di Ferrara.

    Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

    Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

    Risorgimento Portale Risorgimento: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Risorgimento