Battaglia di Bir Hacheim

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 31°36′N 23°29′E / 31.6°N 23.483333°E31.6; 23.483333

Battaglia di Bir Hacheim
L'avanzata italo-tedesca su Bir Hacheim
L'avanzata italo-tedesca su Bir Hacheim
Data 27 maggio - 11 giugno 1942
Luogo Bir Hacheim, Libia
Esito Incerto: vittoria militare dell'asse,
ma vittoria tattica francese
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
Variabili nel corso della battaglia 5.000 di cui 3.703 combattenti[1]
Perdite
Incerte;
circa 3.300 tra morti, feriti e prigionieri
140 morti
229 feriti
814 - 900[2][3] prigionieri
Voci di battaglie presenti su Wikipedia

La battaglia di Bir Hacheim (Libia, 27 maggio - 11 giugno 1942), avvenuta nell'ambito della battaglia di el Gazala, è ricordata come una delle più sanguinose dell'intero scacchiere nordafricano nel corso della seconda guerra mondiale, a causa della tenacia e dell'accanimento che i contendenti profusero nella realizzazione dei propri obiettivi. Bir Hacheim (in arabo Biʾr Ḥakīm significa "Pozzo di Ḥakīm" o "Pozzo del saggio") rappresentava l'estremo baluardo di quella linea fortemente difesa e pesantemente minata dalle truppe britanniche ed alleate che, dalla costa, si snodava per 60 km nel deserto libico sino, per l'appunto, al caposaldo di Bir Hacheim. La piazzaforte fortificata sorgeva attorno alle rovine di un'antica fortezza.

Ordine di battaglia[modifica | modifica wikitesto]

Italo tedeschi[modifica | modifica wikitesto]

Non è possibile dare un ordine di battaglia preciso per le forze italo tedesche, dato che nell'attacco a Bir Hacheim si alternarono divisioni sia italiane (Trieste e Ariete) sia tedesche (21. Panzer e 90. leichte).

Francesi[modifica | modifica wikitesto]

Un legionario francese della brigata della Francia Libera beve nel deserto, nel marzo 1943
Tre militari coloniali francesi che si distinsero durante i combattimenti, rispettivamente provenienti da Senegal, Africa Equatoriale e Madagascar.

Il quadrato di Bir Hacheim era difeso dalla 1re Brigade française libre (1ª Brigata francese libera), comandata dal generale di brigata Pierre Koenig, con la composizione seguente (al 27 maggio 1942)[4]:

  • 51e compagnie du Quartier général (compagnia comando)
  • 13e DBLE (Demi-brigade de la Légion etrangère)
    • 2e bataillon
    • 3e bataillon
  • Demi-brigade Coloniale
    • 2e bataillon de marche Oubangui-Chari (battaglione di complementi)
    • 1er bataillon du Pacifique
    • 1er bataillon Infanterie de Marine
  • 1er régiment d'Artillerie
  • 22e compagnie Nordafricaine
  • 2e compagnie antichars
  • 1er bataillon de Fusilers Marins (DCA) (contraerei)
  • 1er compagnie de Sapeurs-Mineurs
  • 1er compagnie de Trasmissions
  • 1er compagnie Auto

Servizi:

1er Atelier lourd de Réparation Auto
Intendence (supporto logistico)
Groupe d'exploitation
1er groupe Sanitaire Divisionnaire
Hôpital de campagne Hadfield-Spears
22e mission Britannique de liaison (missione britannica di collegamento)

Oltre alle armi individuali era disponibile il seguente armamento:

Alcune fonti indicano la presenza fra le truppe della 1e Brigade France Libre anche di un battaglione di volontari ebrei (pomposamente chiamato Jewish brigade). Questo battaglione, anche se probabilmente inferiore agli standard militari britannici e della Legione straniera, non deve essere sottovalutato, dato che anche prima dell'esistenza dello stato di Israele erano presenti in Palestina insediamenti ebraici. Questi insediamenti, pur essendo insediamenti agricoli, erano osteggiati dagli arabi, quindi i coloni dovevano essere in grado di garantire la difesa del proprio insediamento da eventuali azioni ostili condotte anche da aliquote numerose di nemici. Per questo i coloni ebrei in Palestina, e quindi i volontari del battaglione, pur non avendo un addestramento militare formale, erano comunque persone che avevano già usato le armi in combattimento, cosa che non si poteva dire della maggior parte delle reclute europee.

La posizione giuridica dei militari della 1re Brigade française libre[modifica | modifica wikitesto]

La bandiera della Francia Libera con la Croce di Lorena

La situazione giuridica dei militari che combattevano sotto la bandiera francese con la croce di Lorena era piuttosto anomala, dato che stavano combattendo per uno Stato non riconosciuto giuridicamente dal nemico, quindi tecnicamente era possibile che non fosse applicata la convenzione di Ginevra (27 luglio 1929) sui prigionieri di guerra. D'altra parte, considerando che anche nell'esercito tedesco erano presenti unità composte da stranieri provenienti da stati formalmente non belligeranti contro gli alleati (spagnoli, portoghesi, cosacchi, olandesi) non conveniva al governo tedesco appigliarsi a motivazioni puramente giuridiche, che avrebbero potuto essere applicate contro sue truppe, provocando una caduta del morale delle unità straniere inquadrate nella Wehrmacht e nelle Waffen SS. In realtà il vero rischio per i militari francesi catturati a Bir Hacheim era di essere riconsegnati al governo francese di Vichy in conseguenza della Convenzione d'armistizio tra Francia e Germania di Rethondes del 22/6/1940 (art 10 in particolare). Convention d'armistice, in tal caso avrebbero potuto essere processati per diserzione (quadri inferiori) o addirittura per tradimento (ufficiali superiori). In realtà non ci fu il tempo di questo trasferimento alla giurisdizione francese, dato che pochi mesi dopo (novembre 1942) la Francia di Vichy cessava di esistere.

Il caposaldo[modifica | modifica wikitesto]

I ruderi di Bir Hacheim come apparivano nel 1990

Il caposaldo di Bir Hacheim si estendeva per circa 16 km2 su un'area centrata ad un incrocio di carovaniere, su cui si trovavano i ruderi di tre cisterne di epoca romana, ormai insabbiate, indicate dai francesi come "Les Mammelles". In prossimità delle mammelles sorgeva quota 186, il punto più elevato del campo, collegata da un costone ai ruderi di un fortino turco. Il caposaldo era circondato da campi minati e successivamente da un marais (pantano) di mine che si prolungava verso nord per 20 km fin quasi al box della 150ª brigata britannica e nelle altre direzioni per profondità variabili, che arrivavano a più di 2 km. Per costruire campi minati e marais furono impiegate 130000 mine anticarro e 2000 mine antiuomo.

La 1re Brigade Française Libre aveva preso in carico il box il 15 febbraio 1942, proseguendo i lavori di fortificazione già iniziati dalla 150ª brigata. La difesa del caposaldo era garantita dai quattro battaglioni della brigata francese, con tre battaglioni (Pacifique, Infanterie de Marine, 2e Lègion) ai tre lati di un triangolo, con i vertici rinforzati da ridotte ed il 3e Lègion al centro per fornire truppe mobili ed eventuali riserve per i contrattacchi.

Antefatto[modifica | modifica wikitesto]

La situazione sul fronte nordafricano nel maggio del 1942 ricordava molto la guerra di trincea della prima guerra mondiale, con le forze di fanteria schierate su posizioni fortificate e facilmente difendibili, mentre ogni aggiramento appariva rischioso, dato che sembrava impossibile fornire l'appoggio logistico richiesto ad un'operazione a livello divisione attraverso il deserto a sud di Bir Hacheim. Cullandosi in questa convinzione le forze britanniche stavano raccogliendo le forze per sferrare un'offensiva in estate, ritenendo che, avendo loro già la superiorità numerica, le forze italo-tedesche non avrebbero tentato mosse offensive.

Il parere di Rommel era completamente diverso. Sapeva benissimo che i rifornimenti che affluivano al nemico erano molto superiori a quelli che poteva sperare di ricevere, quindi, se non avesse attaccato subito, in seguito si sarebbe trovato in condizioni nettamente peggiori. Il suo piano era relativamente semplice, ed era articolato in tre fasi:

  1. Azioni diversive in prossimità della costa (attacco di fanterie contro la 1ª Divisione sudafricana)
  2. Operazione con il DAK a sud di Bir Hacheim, per prendere i box sul rovescio
  3. La divisione Trieste doveva attaccare Bir Hacheim, per tenere impegnata al 1ª Brigata francese libera e garantire così la logistica del DAK
  4. La divisione Ariete avrebbe operato in coordinamento con il DAK, salvo essere distaccata in appoggio alla Trieste

Da questa succinta descrizione del piano di Rommel per la battaglia di el Gazala appare ben chiara l'importanza del caposaldo di Bir Hacheim in tutta l'economia dei combattimenti, infatti Bir Hacheim avrebbe dovuto essere conquistato o, almeno, neutralizzato fino dalle prime ore della battaglia. In realtà il comando italo-tedesco non era a conoscenza degli apprestamenti difensivi di Bir Hacheim, ritenendolo molto meno difeso di quanto fosse in realtà. Questa sottovalutazione costò cara, dato che un punto difensivo che doveva cadere nelle prime ore prolungò la sua resistenza fino quasi alla decisione, portando l'armata italo tedesca fino sull'orlo della resa.

Il primo investimento[modifica | modifica wikitesto]

Il piano di attacco contro Bir Hacheim andò a monte immediatamente, dato che la divisione Trieste, subito dopo l'inizio del movimento dalla base di partenza delle forze mobili, perse l'orientamento e si diresse a nord di Bir Hacheim (invece che a sud come le altre grandi unità italo tedesche) cioè proprio verso il grande marais di mine che si estendeva fra Bir Hacheim ed il box della 150ª brigata inglese. In questo modo l′Ariete (la divisione più interna della grande manovra avvolgente prevista do Rommel) si trovò scoperta sul fianco sinistro. Al mattino del 27 maggio, alle 5.30 del mattino l′Ariete si scontrò a sud di Bir Hacheim con la 3ª brigata motorizzata indiana (5ª divisione indiana), che si stava preparando ad attrezzare un caposaldo a quota 171, circa 6 km a sud est di Bir Hacheim. Il combattimento si risolse in un disastro per la divisione indiana, che fu messa in fuga e perse completamente uno dei suoi battaglioni. Tuttavia il IX battaglione (132º reggimento carri) dell′Ariete, posto alla sinistra dello schieramento divisionale (e quindi alla sinistra di tutto lo schieramento italo-tedesco), deviò verso nord avendo perso nel combattimento il contatto con il comando di reggimento, venendo così a trovarsi fra Bir Hacheim e gli indiani. Alle 8.30 il battaglione (comandato dal tenente colonnello Pasquale Prestisimone) si diresse direttamente sul caposaldo francese, investendolo ed entrando nei campi minati che proteggevano la linea di difesa francese. Le unità attaccate erano la 5ª e 7ª compagnia (2e Bataillon Lègion Etrangère). Il combattimento durò circa un'ora, con perdite gravi per i carri italiani, compreso il carro comando di Prestisimone, che, gravemente ferito, venne catturato dai francesi. Alle 10.15 giunse dal comando di reggimento l'ordine di ripiegare su quota 171. Gli italiani persero 31 carri ed un carro osservatorio di artiglieria, 15 morti e 76 prigionieri mentre i francesi persero solo un cannone da 75 mm.

La calma[modifica | modifica wikitesto]

Serventi di un pezzo antiaereo tedesco incavalcano il pezzo sull'affusto il 19 giugno 1942 presso Bir Hacheim

Dopo il 27 maggio non ci furono altri investimenti contro il caposaldo, dato che le truppe mobili italo tedesche erano impegnate contro i corazzati britannici e la Trieste stava districandosi dai campi minati fra Bir Hacheim e il "quadrato" della 150ª brigata. In questa fase le truppe nel caposaldo svolsero egregiamente il loro compito di interdire i rifornimenti alle forze mobili italo tedesche, che si erano spinte temerariamente nello schieramento dell'VIII armata. La brigata francese, per svolgere questo compito, si affidò ad una colonna mobile, denominata Tomcol, operante ad ovest del caposaldo, composta da una compagnia autocarrata, 4 cannoni controcarri, 2 batterie di cannoni da 75 mm ed una sezione di 40 mm Bofors. Proprio per la mancanza di rifornimenti le truppe italo tedesche furono costrette a concentrasi nello "Hexenkessel" (il "Calderone delle streghe"), e solo l'errore di rotta iniziale della Trieste permise di aprire un varco nei campi minati portando i rifornimenti necessari ad attaccare sul rovescio la 150ª brigata, che cessava di esistere nella notte del 1º giugno. Già il 2 giugno la Trieste e la 90ª leggera venivano spostate a sud per attaccare il caposaldo tenuto dai francesi.[6]

La battaglia[modifica | modifica wikitesto]

I generali Rommel e Bayerleyn in uno Befehlsfahrzeug, leichter Schützenpanzer (Sd.Kfz. 250/3 "Greif"), un veicolo comando semicingolato (la "ringhiera" intorno allo scafo è l'antenna radio) vicino a Bir Hakeim nel giugno 1942.

Il 2 giugno, alle 10.30 del mattino si presentavano due parlamentari italiani, accolti dal generale Koenig, che chiedevano, a nome del generale Rommel, la resa del caposaldo, ricevendo un rifiuto cortese, ma deciso. Immediatamente dopo l'allontanamento dei parlamentari iniziò il bombardamento terrestre ed aereo del campo. Intanto la 90ª leichte e la Trieste dalla zona del Calderone si avviavano verso sud per l'investimento del caposaldo, tuttavia, a causa di una tempesta di sabbia, le due divisioni si trovarono invischiate nel marais di mine che circondava i francesi e furono costrette a ritardare l'attacco al giorno successivo. Il giorno successivo il campo fu investito da 5 ondate di Stuka, di cui una, intercettata dalla RAF perse 4 aerei. Le truppe italo-tedesche furono arrestate a 3 km dalla linea di difesa principale. Man mano che passano i giorni la morsa italo-tedesca si serrava attorno a Bir Hacheim, ma il giorno 4 giugno un convoglio di rifornimenti forzò il blocco tedesco, portando agli assediati 3000 proiettili da 40 mm e 6000 proiettili da 75 mm.

il tenente pilota R Pare del No. 5 Squadron SAAF, seduto nella cabina del suo Curtis Tomahawk "Shirley III"; verrà abbattuto dall'asso tedesco Hans Joachim Marseille il 3 giugno vicino a Bir Hacheim.

Gli attacchi della fanteria (sospesi momentaneamente il 4 e 5 giugno per l'attacco britannico contro le posizioni tedesche del Calderone e per gli attacchi della Desert Air Force contro i concentramenti dell'Asse) ripresero il 6 giugno, bloccati da artiglieria e fuoco di mortai. Nella stessa notte un altro convoglio di rifornimenti forzò il blocco portando acqua e 5000 proiettili da 75 mm. Il 7 giugno il cerchio fu chiuso definitivamente attorno al caposaldo. Per tutto il giorno le forze aeree tedesche e britanniche si scontrarono nel cielo del caposaldo, con gravi perdite per entrambi i contendenti[7] Le perdite subite in quella giornata da parte della Luftwaffe mandarono su tutte le furie il generale Von Waldau, che riteneva insignificanti gli sforzi compiuti dalle forze di terra per il conseguimento dell'obbiettivo. Von Waldau il giorno 9 comunicò con un breve messaggio che il suoi uomini avevano compiuto 1030 missioni contro le forze che tenevano Bir Hacheim, e che se Rommel riteneva imprecise le sue affermazioni, era pronto a farle esaminare da una corte marziale[8]

L'attacco finale iniziò l'8 giugno di primo mattino, con un attacco aereo di 60 bombardieri tedeschi, appoggiato contemporaneamente dal fuoco di artiglieria. L'attacco era diretto dal generale Kleemann, che oltre alle forze già presenti aveva ricevuto in rinforzo il 33º Aufklärungsabteilung (reparto da ricognizione della 21ª Panzerdivision), un reparto di artiglieria della 15ª Panzerdivision e truppe provenienti dai reparti d'assalto tedeschi, con Rommel in persona presente per incitare le truppe. Il piano di attacco prevedeva di dividere le forze di attacco in due tronconi composti da unità di genieri tedeschi, da due battaglioni della Trieste, da elementi del 288ª Sonderabteilung (288ª unità Speciale), carri armati e mezzi blindati, cannoni contraerei da 88 mm e elementi di artiglieria pesante, avrebbero dovuto formare le due braccia della tenaglia che avrebbe soffocato la resistenza dei francesi: il braccio sinistro guidato dal colonnello Hecker e quello destro dal capitano Hundt. A proteggere i fianchi delle formazioni or ora citate si trovava il Wolz al comando delle batterie antiaeree. La Trieste (da est) e la 90ª leichte (da sud) avrebbero continuato a mantenere la loro pressione sui difensori del caposaldo. L'attacco principale, portato dalle fanterie italo tedesche sul settore nord del campo, supportato da pochi carri e da cacciacarri Marder III, inizialmente venne arrestato con la perdita di due carri[9], tuttavia al tramonto le truppe dell'Asse si erano impadronite solo dell'osservatorio di artiglieria sito all'angolo nord ovest del caposaldo, annientando i difensori. I tedeschi si erano attestati a 500 m dalla linea di difesa esterna di Bir Hacheim; durante la notte, con audaci colpi di mano, alcuni reparti della 288ª Unità Speciale conquistarono alcune postazioni avanzate di mitragliatrici.

Per tutta la mattina del 9 giugno il caposaldo fu sottoposto ad una serie di violenti bombardamenti di artiglieria, mentre l'intervento aereo fu impedito dalla mancanza di collegamenti con le truppe a terra[senza fonte]. Immediatamente dopo la fine dei bombardamenti, alle 13.30, la fanteria ed i carri iniziarono un attacco su tutto il perimetro, l'attacco, bloccato ad ovest, est e sud, con la perdita di 20 carri, progredì a nord, dove venne arrestato solo dopo che un gruppo da combattimento tedesco aveva occupato quota 186. Un rifornimento aereo notturno da parte della RAF non ebbe successo, dato che ai difensori arrivarono solo pochi litri d'acqua e pochi colpi per i cannoni. Intanto lo svolgimento della battaglia principale aveva fatto concludere al comando della 7ª Divisione corazzata (da cui dipendeva operativamente e logisticamente la brigata francese) che non era più indispensabile tenere la posizione di Bir Hacheim, quindi era iniziato lo studio dell'evacuazione delle forze superstiti. Il generale Koenig aveva richiesto di organizzare l'evacuazione per la notte stessa, ma il comando britannico chiese ai francesi di resistere ancora un giorno per permettere l'organizzazione di attacchi diversivi contro le forze dell'Asse. Koenig si spostò quindi al comando della divisione per organizzare l'evacuazione, lasciando il comando sul campo al tenente colonnello Amilakvari (comandante la 13e DBLE)

I legionari francesi all'attacco di un caposaldo italo-tedesco il 12 giugno 1942

Il giorno successivo le forze tedesche rinnovarono i loro attacchi, sempre supportati dagli Stuka, trattenuti a stento e con gravi perdite fra i legionari ed i fanti di marina, che si difesero dai bombardamenti chiudendosi in rifugi scavati nel terreno e contrattaccando i carri armati quando questi arrivavano nelle vicinanze delle buche. Al tramonto i difensori avevano esaurito le munizioni.

A sud della roccaforte si trovava, sin dall'inizio dell'azione, il Kampfgruppe (gruppo da combattimento) del capitano Briel, formato da reparti del 606º Battaglione di Artiglieria e del 605º Panzerjägerabteilung. Le informazioni raccolte da un prigioniero catturato poco prima del tramonto confermavano a Briel che le truppe britanniche, da sud, avrebbero tentato, con attacchi di alleggerimento, di facilitare la sortita delle truppe assediate. Quella stessa notte il gruppo di Briel si trovò a combattere su due fronti, preso da nord dalla 1ª Brigata Francia Libera e da est dalle truppe della 7ª Divisione corazzata rischiando di venire travolto dall'impeto che i legionari superstiti misero nell'ultimo, disperato assalto alla baionetta.

La sortita della guarnigione iniziò alle 23.30, con gravi difficoltà dato che i passaggi dei campi minati, devastati dal tiro di artiglieria e dai bombardamenti aerei, non erano più riconoscibili, specialmente di notte. Alle 3 vennero effettuati una serie di attacchi contro i nidi di mitragliatrici tedeschi e italiani, e contro il Kampfgruppe Briel, alcune posizioni furono distrutte, ma dai nidi superstiti il fuoco degli assedianti danneggiò molti veicoli, aumentando la confusione nel nemico. Verso le 5 cominciarono ad apparire le autoblindo italo tedesche, alcuni veicoli persero i contatti con la colonna, ma il grosso riuscì ad arrivare al sicuro a Bir el Gobi.

La mattina, gli uomini che erano rimasti nella fortezza, tra cui 500 feriti, si arresero alle forze dell'Asse finalmente vincitrici.

Le perdite[modifica | modifica wikitesto]

Il rapporto di Koenig stilato il 14 giugno presso il comando del XXX corpo[10] indicava le perdite fra i francesi in 1.200 fra uccisi, feriti, dispersi (di cui 200 feriti presenti in ospedali alleati), 53 cannoni persi, disabilitati o distrutti, 350 veicoli persi. Dall'altra parte, sempre secondo il rapporto di Koenig le perdite erano state di 52 carri, 11 autoblindo, 5 cannoni su autocarro, 7 aerei abbattuti, "molti" veicoli, 10 ufficiali e 267 sottufficiali e soldati prigionieri. Le perdite in uomini (uccisi e dispersi) nell'assalto a Bir Hacheim fra gli italo tedeschi non sono indicate, essendo comprese in quelle della battaglia di el Gazala, ma dovrebbero essere comprese fra 2.000 e 3.000 uomini.

Le perdite di aerei sul campo di battaglia di el Gazala dal 27 maggio al 10 giugno furono di 58 aerei per le forze dell'asse e 77 aerei per la RAF[11], si può ritenere che più della metà sia stata persa nel cielo di Bir Hacheim. Grave fu il danno per la Regia Aeronauticha che, benché disponesse di una forza d'urto maggiore della Luftwaffe, non poté successivamente ripianare le perdite

Valutazioni tattico strategiche[modifica | modifica wikitesto]

Una mina britannica ritrovata nell'area intorno al 1990

Il caposaldo di Bir Hacheim rappresentò, per tutta la prima fase della battaglia di el Gazala, un notevole ostacolo per le forze dell'Asse poiché, per garantirsi i rifornimenti, la Panzerarmee era costretta ad aggirarlo da Sud, con un notevole dispendio di tempo e risorse, elementi entrambi fondamentali nel corso di un'offensiva terrestre nel deserto. Tuttavia, dopo la distruzione della 150ª brigata inglese (avvenuta il 1º giugno), la sua importanza strategica era notevolmente diminuita, poiché in quel modo le truppe dell'Asse avevano stabilito una linea di rifornimento che passava dalla Rotonda Meitfel, a nord ovest di Bir Hacheim; quindi la presa del caposaldo non avrebbe modificato radicalmente la situazione dei rifornimenti. L'accanimento con cui Rommel tentò di occuapre per tutta una settimana (dal 2 al 10 giugno) il caposaldo si può comunque spiegare col fatto che a Bir el Gobi si trovavano ancora reparti consistenti della 7ª divisione corazzata, che avrebbero potuto agire sulle retrovie italo tedesche (come dimostra il tentativo, comunque abortito, di operare ad ovest della linea iniziale del fronte del 7 giugno), quindi non era sensato lasciarsi dietro le spalle una forza organizzata ed attestata in un punto favorevole.

Considerazioni generali finali[modifica | modifica wikitesto]

Indubbiamente la valutazione iniziale delle capacità di resistenza del caposaldo furono sottovalutate da Rommel, anche per mancanza di informazioni adeguate[12], tuttavia nel corso della battaglia le forze dell'Asse furono costrette ad aumentare i reparti impegnati contro la singola brigata francese fino a circa due divisioni. I difensori comunque erano le truppe meglio addestrate dell'Esercito francese, che già un anno prima si erano battuti con grande efficacia contro le forze britanniche in Siria. A Bir Hacheim per la prima volta dopo il 1940 si ritrovavano di fronte truppe francesi e tedesche sul campo di battaglia, ed in questa occasione i francesi dimostrarono che quanto era successo due anni prima era dovuto più alla cattiva gestione dei soldati che alla mancanza di spirito combattivo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Tricolor over the Sahara: the desert battles of the Free French, 1940-1942, Edward L. Bimberg, Greenwood Publishing Group, 2002, p. 109, 101
  2. ^ The Second World War: Europe and the Mediterranean, Thomas B. Buell, John N. Bradley, Thomas E. Griess, Jack W. Dice, John H. Bradley, Square One Publishers, Inc., 2002, p. 169
  3. ^ Ford, p. 64.
  4. ^ A. Del Rosso, art. cit. pag 20 e 21
  5. ^ Non è indicata l'origine di questi cannoni, dato che prima dei combattimenti a Bir Hacheim la Brigata Francia Libera non aveva combattuto contro unità italiane, probabilmente si trattava di cannoni catturati dai britannici nel corso dell'Operazione Compass (gennaio 1941) e ceduti alle forze della Francia Libera
  6. ^ Nel periodo fra il 27 maggio e il 1º giugno il presidio perse 2 uomini, distruggendo 41 carri (compresi i 31 distrutti il 27 maggio), 7 autoblindo, 1 cannone su autocarro, probabilmente molti dei carri distrutti erano stati immobilizzati dai campi minati, dato che è detto esplicitamente che furono incendiati o fatti esplodere (par incendie ou pétardemment) - Y. Buffetaut op. cit. pag. 144
  7. ^ M. Carver op. cit. pag 306
  8. ^ D. Fraser. op. cit,. pag 317
  9. ^ Y. Buffetaut op. cit. pag 147
  10. ^ Y. Buffetaut op. cit. pag 144 e 150
  11. ^ M. Carver op. cit. pag 260
  12. ^ Vedi Attilio Del Rosso art. cit. pag 24

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (FR) Yves Buffetaut, La Guerre du Desert - Bir Hakeim - Histoire & collections - Paris (1992)
  • Michael Carver, Tobruk - Edizioni Accademia (traduzione di Mario Lamberti)
  • Attilio Del Rosso, Bir Hacheim - su Storia Militare nº 170 (novembre 2007) pag 17-30
  • K.J. Macksey, Afrika Korps, 1970ª ed., Parma, Ermanno Albertelli, ISBN non esistente.
  • David Fraser, Knigth's Cross - traduzione italiana di Andrea Buzzi col titolo Rommel - Mondadori (1996) - ISBN 88-04-41844-3

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]