Battaglia di Bassano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Battaglia di Bassano
Il generale Napoleone Bonaparte sul campo di battaglia di Bassano, di Horace Vernet (1789–1863)
Il generale Napoleone Bonaparte sul campo di battaglia di Bassano, di Horace Vernet (1789–1863)
Data 8 settembre 1796
Luogo Bassano del Grappa
Esito Vittoria francese
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
22.000 uomini[1] 20.000 uomini[2]
Perdite
dati non disponibili 6.000 morti, feriti e prigionieri, 32 cannoni, 200 vetture del traino[2]
Voci di battaglie presenti su Wikipedia

La Battaglia di Bassano fu combattuta l'8 settembre 1796, durante la prima campagna d'Italia, nei dintorni di Bassano del Grappa, fra l'Armata d'Italia francese al comando del generale Napoleone Bonaparte e l'esercito austriaco al comando del feldmaresciallo Dagobert von Wurmser.

La battaglia si svolse al termine del secondo tentativo austriaco di sbloccare la fortezza di Mantova assediata dai francesi; il generale Bonaparte anticipò l'offensiva del nemico, avanzò in Trentino e inseguì l'esercito austriaco lungo la valle del Brenta vincendo una serie di violente battaglie. A Bassano le truppe austriache furono definitivamente sbaragliate e il feldmaresciallo von Wurmser fu costretto a ritirarsi con i resti del suo esercito all'interno di Mantova dove venne a sua volta bloccato dal generale Bonaparte, accorso al suo inseguimento con una serie di marce forzate.

La campagna culminata nella battaglia di Bassano dimostrò nuovamente la superiore abilità strategica del generale Bonaparte e la grande aggressività, la resistenza e l'entusiasmo delle truppe francesi dell'Armata d'Italia; tutti i piani austriaci di controffensiva fallirono completamente.

Ripresa delle operazioni in Italia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Prima coalizione, Campagna d'Italia (1796-1797) e Battaglia di Castiglione (1796).

Dopo aver superato la difficile situazione provocata dalla grande controffensiva sferrata dal feldmaresciallo Dagobert von Wurmser, comandante dell'esercito austriaco in Italia, ed aver vinto il 5 agosto 1796 l'importante battaglia di Castiglione, il generale Napoleone Bonaparte, giovane ed energico comandante in capo dell'Armata d'Italia, aveva potuto riprendere l'assedio della fortezza di Mantova, riconquistare le posizioni sull'Adige e consolidare il predominio francese nella penisola italiana, intimidendo i regnanti delle potenze reazionarie[3].

Il generale aveva informato dettagliatamente con una lunga missiva il Direttorio dei brillanti risultati raggiunti ed aveva comunicato che era sua intenzione sfruttare la favorevole situazione e l'indebolimento delle forze nemiche per prendere risolutamente l'iniziativa, eventualmente in connessione con l'avanzata in Baviera del generale Jean Victor Moreau con l'Armata del Reno e Mosella. Nonostante le rilevanti perdite subite durante l'ultima campagna e le gravi carenze organizzative e materiali del suo esercito, il generale Bonaparte intendeva passare presto all'offensiva in Trentino per conquistare la base di operazioni austriaca ed impedire nuovi attacchi nemici[4].

Il generale Napoleone Bonaparte, comandante dell'Armata d'Italia, da un dipinto di Edouard Detaille (1848-1912).

Per la nuova offensiva il generale Bonaparte aveva raggruppato il grosso dell'Armata d'Italia, circa 33.000 soldati, dalle due parti del lago di Garda; il comandante in capo avrebbe preso personalmente la guida delle truppe e avrebbe marciato in direzione di Rovereto e Trento; per controllare il settore di Verona e il corso dell'Adige, sarebbero rimaste le deboli forze del generale Charles Kilmaine, mentre a Mantova il generale Jean Joseph Sahuguet, che aveva sostituito il generale Jean Mathieu Sérurier ritornato in Francia per malattia, con 10.000 uomini avrebbe mantenuto l'assedio della fortezza. Il generale Bonaparte era deciso ad attaccare nonostante i dubbi e le preoccupazioni dei suoi luogotenenti; in particolare il generale Andrea Massena era fortemente allarmato per lo stato deplorevole dal punto di vista materiale delle truppe di nuovo prive di equipaggiamenti essenziali. Il generale in capo impose le sue decisioni; egli contava soprattutto sull'alto morale dei suoi soldati dopo le continue vittorie, per raggiungere un nuovo successo[5].

Il generale Bonaparte inoltre contava, assumendo l'offensiva, di sorprendere il nemico ed anticipare la probabile nuova offensiva del feldmaresciallo von Wurmser di cui era venuto a conoscenza per mezzo del suo efficiente servizio informazioni. Attaccando subito, i francesi avrebbero potuto scompaginare i preparativi nemici, distruggere le forze austriache in riorganizzazione in Tirolo ed anche impedire l'eventuale trasferimento di una parte di quelle forze a nord in Baviera per contrastare il generale Moreau che si stava avvicinando a Monaco[6].

Il feldmaresciallo austriaco Dagobert Sigmund von Wurmser. Incisione di Jakob Adam (1748-1811).

Effettivamente il feldmaresciallo von Wurmser stava organizzando un nuovo tentativo di sbloccare la fortezza di Mantova e aveva pianificato una complessa operazione offensiva che prevedeva ancora una volta la divisione delle sue forze in colonne separate. Il comandante in capo austriaco aveva già raggruppato una massa di circa 10.000 soldati al comando del generale Johann Mészáros tra Bassano e Vicenza, mentre altri 25.000 soldati erano schierati in Trentino per sbarrare la strada del Tirolo al comando del generale Josef Philipp Vukassovich[6]. Il feldmaresciallo von Wurmser era a conoscenza della possibile offensiva francese verso Trento e riteneva di poter sorprendere a sua volta il nemico con i 20.000 uomini delle divisioni del generale Peter Vitus von Quosdanovich e del generale Karl Philipp Sebottendorf che avrebbero marciato lungo la valle del Brenta; dopo essersi ricongiunto con le truppe del generale Mészáros a Bassano, egli intendeva raggiungere Mantova e sbloccare la fortezza mentre i francesi sarebbero stati trattenuti in Trentino dalle forze del generale Vukassovich. Egli riteneva possibile da Mantova minacciare le linee di comunicazione dell'Armata d'Italia che sarebbe stata bloccata tra il lago di Garda e il Trentino[7].

Il generale Bonaparte non fu impressionato dalla nuova dislocazione delle forze austriache; il 1 settembre durante un consiglio di guerra mostrò ottimismo e fiducia: le truppe nemiche erano state di nuovo frammentate su un ampio settore del fronte senza collegamenti sicuri; inoltre il feldmaresciallo von Wurmser avrebbe avuto bisogno di tempo per raggruppare le sue forze principali a Bassano. L'Armata d'Italia quindi avrebbe avuto il tempo, sfruttando la sua grande velocità di movimento, lo slancio, lo spirito di sacrificio e l'elevato morale dei soldati, per sferrare l'offensiva in Trentino e occupare la base di operazione dell'esercito austriaco[8]. L'offensiva sarebbe iniziata il 3 settembre; il generale Claude-Henri Vaubois avrebbe marciato lungo la riva occidentale del lago di Garda, mentre il grosso dell'armata, con le divisioni del generale Massena e del generale Pierre Augereau, sarebbe avanzato a marce forzate lungo la riva orientale; dopo essersi ricongiunti a sud di Rovereto, tutte le forze riunite avrebbero conquistato quella città e quindi raggiunto Trento. Il generale Bonaparte prevedeva inoltre di continuare l'offensiva scendendo subito lungo la Valsugana e la valle del Brenta per prendere alle spalle le truppe del feldmaresciallo von Wurmser presenti a Bassano[9].

Durante il consiglio di guerra, i luogotenenti del generale non nascosero i loro dubbi su un piano così audace: le truppe erano stanche e il sistema logistico sarebbe stato messo in grave difficoltà da un'offensiva a marce forzate lungo strade disagevoli e territori aspri e montuosi. Il generale Bonaparte respinse tutte le obiezioni; egli contava sullo spirito di sacrificio e lo slancio delle truppe per superare tutti i problemi e sfruttare l'occasione di tagliare le comunicazioni e distruggere l'esercito austriaco[10].

Offensiva in Trentino[modifica | modifica wikitesto]

Il generale Bonaparte intendeva iniziare l'offensiva in forze in Trentino il 3 settembre per sbaragliare le truppe austriache del generale Vukassovich, ma fin dal 1 settembre le avanguardie del generale Vaubois avevano marciato da Lodrone lungo il corso del Chiese, mentre il generale Massena aveva attraversato l'Adige con la sua divisione e la riserva di cavalleria sul ponte di Pol; la divisione del generale Augereau da Verona era più indietro in seconda linea. Il generale Vukassovich aveva dislocato il suo quartier generale a Rovereto e schierava le avanguardie a Serravalle e Ala, mentre la divisione del principe Reuss difendeva il ponte di Sarca con le riserve a Calliano. Il feldmaresciallo von Wurmser era già in marcia per raggiungere a Bassano la divisione del generale Mészáros, il reparto del generale Sebottendorff era a Rovigo mentre il generale Quosdanovich aveva raggiunto con le sue truppe Lavis[11].

Il generale Andrea Massena.

L'offensiva francese il 3 settembre raggiunse subito importanti successi; dopo una marcia forzata, i reparti di punta del generale Vaubois, guidati dal generale Louis Saint-Hilaire, superarono la resistenza austriaca con un attacco frontale, attraversarono il ponte di Sarca e raggiunsero Mori; nel frattempo il generale Massena attaccò, con il reparto del generale Pijon, le avanguardie del generale Vukassovich conquistò Serravalle e Ala e dopo una breve sosta notturna raggiunse all'alba del 4 settembre la stretta di Marco, dove arrivò anche il generale Bonaparte con il suo quartier generale[12][13].

Il comandante in capo dell'Armata d'Italia, desideroso di accelerare le operazioni per ottenere rapidamente un successo decisivo e disgregare le retrovie dell'armata austriaca del feldmaresciallo von Wurmser in lento movimento verso Bassano, diede ordine al mattino del 4 settembre di attaccare subito con la massima energia. Il generale Masséna assaltò frontalmente con la sua divisione le solide posizioni difese dal generale Vukassovich a sud di Rovereto. I primi attacchi furono respinti ed il generale Bonaparte prese la decisione di muovere due colonne di soldati lungo i sentieri di montagna laterali per aggirare la strettoia di Marco e minacciare le vie di comunicazione del nemico[14]. Le truppe austriache, preoccupate dal pericolo alle loro retrovie diedero segno di incertezza e il generale Bonaparte lanciò all'attacco per sfruttare la situazione il reparto del generale Claude Victor che tuttavia, nonostante un violento attacco in colonne, non riuscì a sbaragliare il nemico. La battaglia di Rovereto fu decisa infine dall'intervento del reparto di ussari del generale Paul-Alexis Dubois che caricò attraverso la strettoia e provocò il cedimento finale degli austriaci che iniziarono a retrocedere; a mezzogiorno la strada di Rovereto era aperta e le truppe francesi del generale Masséna, rinforzate dall'arrivo della divisione del generale Vaubois da Riva del Garda, entrarono nella città ingombra di soldati austriaci sbandati e avanzarono in direzione di Trento sotto il controllo diretto del generale Bonaparte; il generale Dubois era caduto mortalmente ferito nel momento decisivo della battaglia[15][16].

La battaglia di Rovereto del 4 settembre 1796. Illustrazione tratta da Colonel J. Revol, Histoire de l'Armée française, Paris, Larousse, 1929.

La truppe francesi avanzarono per alcuni chilometri fino a Calliano dove si trovarono di fronte ad un nuovo sbarramento organizzato dal generale Paul Davidovich con le residue forze austriache sfruttando l'aspro terreno montuoso attraversato dall'Adige. Il generale Bonaparte decise di attaccare subito e due colonne di fanteria manovrarono nuovamente sui fianchi delle montagne a destra e a sinistra delle posizioni austriache; l'avanzata francese sulla sinistra fu difficile a causa della presenza del forte della Pietra e fu necessario l'intervento di otto cannoni che colpirono le fortificazioni costringendo alla resa la guarnigione[17]. Per l'attacco finale alla stretta di Calliano il generale Elzéar-Auguste Dommartin schierò una batteria di artiglieria leggera per prendere d'infilate le difese nemiche, mentre nove battaglioni attaccarono frontalmente in massa[18]. Le difese austriache furono sbaragliate dall'attacco serrato della fanteria e dalla cariche della cavalleria; prese parte agli assalti decisivi anche il reparto delle guide, la guardia del corpo personale del generale Bonaparte, condotto dal comandante Jean-Baptiste Bessières[17]. I resti delle forze austriache ripiegarono confusamente verso Trento, mentre i francesi catturarono quindici cannoni, sette bandiere e 7.000 prigionieri[18].

Il generale Bonaparte, impaziente di concludere le operazioni in Trentino per poter deviare verso la Valsugana, sollecitò le sue truppe a riprendere subito la marcia per sfruttare il crollo del nemico e raggiungere al più presto Trento, distante 25 chilometri[17]; quindi durante la notte la divisione del generale Masséna, seguita dalla divisione del generale Augereau avanzò verso la città, mentre il generale Vaubois risalì lungo la riva destra dell'Adige, dopo aver conquistato nella giornata del 4 settembre la posizione fortificata di Mori[18]. Nella mattinata del 5 settembre i soldati francesi entrarono a Trento senza incontrare resistenza; le residue truppe del generale Davodovich avevano ripiegato dietro il fiume Avisio dove vennero presto attaccate dalla divisione del generale Vaubois, che riuscì a superare il corso d'acqua dopo un violento scontro costringendo gli austriaci a ripiegare ulteriormente[18]. Il generale Bonaparte arrivò a Trento il pomeriggio del 5 settembre e prese alloggio con il suo quartier generale all'arcivescovado dove convocò subito i generali Massena e Augereau per illustrare il suo nuovo piano che prevedeva ancora una volta estenuanti marce forzate e rapide avanzate da parte dei soldati dell'Armata d'Italia[19].

Battaglia a Bassano[modifica | modifica wikitesto]

Inseguimento del feldmaresciallo von Wurmser[modifica | modifica wikitesto]

Attraverso la raccolta di informazioni dai patrioti filofrancesi locali, il generale Bonaparte era a conoscenza della dislocazione delle forze austriache del feldmaresciallo von Wurmser. Il comandante in capo austriaco dopo il crollo delle difese in Trentino apparentemente era convinto che i francesi avrebbero marciato in Tirolo verso Innsbruck per raggiungere quindi la Baviera e congiungersi con l'armata del generale Moreau. Il feldmaresciallo quindi ritenne importante continuare la sua manovra, concentrare le forze a Bassano per riaprire le sue comunicazioni con l'Impero attraverso il Friuli e quindi avanzare verso Verona e Mantova. La divisione del generale Mészáros ricevette ordine di marciare su Verona, mentre il grosso dell'esercito, con le divisioni Sebottendorff e Quosdanovich, si raggruppò a Bassano e la retroguardia era a Primolano per sbarrare il corso del Brenta[20].

Il generale Pierre Augereau, da un dipinto di Charles Thévenin (1764–1838).

La notte del 5 settembre il generale Bonaparte apprese la notizia, proveniente dal generale Kilmaine, che gli austriaci avevano superato il Brenta e si avvicinavano all'Adige; si prevedeva che Verona sarebbe stata attaccata il 7 settembre[20]. Il comandante dell'Armata d'Italia ritenne quindi decisivo riprendere subito l'avanzata deviando con la maggior parte del forze lungo la Valsugana e la valle del Brenta per minacciare le retroguardie del nemico e cercare di accerchiare l'intero esercito austriaco tra il Brenta e l'Adige[20]. Il generale Bonaparte sollecitò quindi i generali Massena e Augereau a richiedere un nuovo sforzo alle loro truppe e riprendere subito la marcia avanzando di almeno 50 chilometri senza sosta; le truppe sarebbero state abbondanemente rifornite con i viveri catturati nei depositi austriaci a Trento. Il generale Massena si mostrò risoluto e affermò che i suoi soldati, se ben vettovagliati, avrebbero potuto eseguire la nuova marcia forzata[21].

Bivacco di soldati francesi durante l'inseguimento dell'esercito austriaco.

Il generale Bonaparte riprese l'avanzata all'alba del 6 settembre; nella notte aveva preparato e fatto affliggere un proclama indirizzato alla popolazione tirolese che invitava alla collaborazione pacifica, ad accettare la "protezione dell'esercito francese" e ad abbandonare le "bandiere tante volte sconfitte" dell'Impero d'Austria. Nel proclama si escludevano obiettivi di dominio da parte della Francia e si affermava la volontà di pace: "i francesi combattono per essa". Con queste dichiarazioni ferme ma tranquillizzanti il generale mirava ad evitare sollevazioni della popolazione tirolese che avrebbero potuto mettere in difficoltà le truppe francesi che sarebbero rimaste indietro, al comando del generale Vaubois, per mantenere il possesso del Trentino ed eventualmente raggiungere il passo del Brennero[22].

Durante la giornata del 6 settembre i soldati francesi percorsero quasi sessanta chilometri marciando tutto il giorno; la divisione del generale Augereau avanzava in prima linea seguita dai reparti del generale Massena e dalle riserve; il generale Bonaparte intervenne personalmente per accelerare i movimenti, e in serata le truppe esauste e il quartier generale dell'armata raggiunsero, dopo aver percorso la valle del Brenta, Borgo Valsugana[23]. Le avanguardie francesi avevano raggiunto Primolano dove erano entrate in contatto con la retroguardia austriaca del generale Quosdanovich, completamente sorpresa dall'inattesa presenza di truppe nemiche alle sue spalle. Le truppe combattenti francesi erano sfinite dopo la frenetica marcia forzata, mentre le retroguardie e il traino dell'armata erano ancora attardate; fu ordinato immediatamente il riposo sul posto per la notte[24].

All'alba del 7 settembre i francesi delle divisioni dei generali Massena e Augereau attaccarono subito le posizioni del generale Quosdanovich a Primolano; i soldati dell'Armata d'Italia, nonostante la stanchezza e le privazioni, diedero una nuova dimostrazione di spirito offensivo e assaltarono alla baionetta con grande impeto le difese[24]. Dopo l'intervento in ordine sparso dalla 5ª demi-brigade leggera, le colonne serrate della 4ª demi-brigade di linea sbaragliarono in poche ore le truppe austriache, mentre il 5° dragoni del colonnello Édouard Milhaud contribuì alla vittoria. Le forze austriache venne in gran parte catturate e i francesi presero molto equipaggiamento, dodici cannoni e 4.200 prigionieri[23]. L'inseguimento dei resti del nemico fu presto interrotto per la grande stanchezza dei soldati francensi; a Cismon venne quindi organizzato il bivacco dell'armata, dove giunse anche il generale Bonaparte con il quartier generale ma senza bagagli e senza vettovagliamento; il generale passò la notte sul posto e condivise con i suoi soldati affamati le magre razioni disponibili[23].

Vittoria francese a Bassano[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante l'esaurimento delle truppe, il generale Bonaparte riprese presto le operazioni; fin dalle ore 02.00 dell'8 settembre egli diede inizio alla nuova marcia dei suoi soldati, incitati a sfruttare la favorevole situazione per sbaragliare definitivamente il nemico colto di sorpresa. L'obiettivo francese sarebbe stato Bassano. La nuova marcia forzata prevedeva che la divisione del generale Massena avanzasse lungo la riva destra del Brenta, mentre sulla riva sinistra avrebbe progredito il generale Augereau con i suoi reparti. Dopo una frenetica marcia di quattro ore il generale Bonaparte giunse con le sue truppe alla stretta di Solagna difesa dalle demoralizzate truppe austriache[25][2].

La battaglia di Bassano di Louis Francois Couché (1782-1849).

L'avanguardia francese attaccò alle ore 06.00 questi demoralizzati reparti austriaci ed ebbe rapidamente il sopravvento; i resti del nemico abbandonarono le posizioni e ripiegarono sulla linea principale di resistenza organizzata a protezione di Bassano dal feldmaresciallo von Wurmser con circa 20.000 soldati[2]. Alle ore 07.00 l'artiglieria francese aprì il fuoco, mentre il generale Bonaparte si portò sulle prime linee per dirigere l'attacco decisivo ed esaltare con la sua presenza la combattività delle truppe. L'assalto venne condotto dalla divisione del generale Augereau sull'ala sinistra austriaca e dalla divisione del generale Massena sull'ala destra[2], e venne preceduto dall'intervento dei dragoni e dei cacciatori a cavallo del generale Joachim Murat che con una carica impetuosa disorganizzarono le linee nemiche[26].

I soldati francesi attaccarono alla baionetta la posizione di resistenza che gli austriaci difesero accanitamente; i combattimenti furono aspri e prolungati; il generale Massena guidò personalmente l'assalto dei suoi uomini mostrando la consueta energia[26]. Nonostante la disperata difesa gli austriaci vennero progressivmanete sbaragliati dai continui attacchi francesi e furono costretti a ripiegare in disordine verso Bassano mentre la 4ª demi-brigade di linea, guidata energicamente del colonnello Jean Lannes che rimase ferito negli scontri[27], conquistava d'assalto il ponte e proseguiva verso la città[2]. Dopo una rapida avanzata di alcuni chilometri i soldati francesi alle ore 15.00 dell'8 settembre entrarono a Bassano senza molte difficoltà e si impadronirono di 32 cannoni, otto bandiere, due equipaggi da ponte e duecento vetture del traino; le truppe francesi, stanche e prive di regolare vettovagliamento da giorni, poterono saccheggiare l'abbondante bottino raccolto nella città; 6.000 soldati austriaci furono catturati e i resti dell'esercito del feldmaresciallo von Wurmser si ritirarono in disordine[2]. Con la conquista di Bassano il generale Bonaparte aveva completato con pieno successo, grazie alla sua aggressività e all'infaticabile energia mostrata dalle truppe, l'audace manovra alle spalle del nemico[26].

Il colonnello Jean Lannes guida l'assalto decisivo a Bassano.

Il generale Bonaparte ritenne di aver inflitto una sconfitta decisiva all'esercito nemico; informazioni raccolte dai prigionieri fecero ritenere che il feldmaresciallo von Wurmser fosse completamente demoralizzato e stesse battendo in ritirata verso est in direzione del Friuli e di Trieste. Il comandante dell'Armata d'Italia, sulla base di queste valutazioni, diede quindi ordine al generale Augereau di marciare subito verso Padova per bloccare la prevista ritirata nemica, mentre il generale Massena si sarebbe diretto con la sua divisione verso Vicenza con l'obiettivo di cogliere alle spalle la divisione austriaca del generale Mészáros che, secondo i piani iniziali austriaci, avrebbe dovuto marciare verso l'Adige dopo il ricongiungimento con il grosso dell'esercito. Le truppe del generale Mészáros erano segnalate a Montebello, tra Verona e Vicenza, e il generale Bonaparte riteneva possibile tagliarle fuori e accerchiarle. I soldati francesi, dopo la frenetica marcia di circa 150 chilometri dei precedenti quattro giorni, avrebbero dovuto quindi effettuare una nuova avanzata a tappe forzate per eseguire i piani del generale[28].

La situazione delle residue forze austriache appariva molto difficile; il generale Quosdanovich con 3.000 uomini era rimasto isolato dal grosso del feldmaresciallo von Wurmser e stava ritirandosi verso il Friuli, mentre il comandante in capo austriaco dopo la serie di sconfitte era rimasto con solo 16.000 soldati. Il 7 settembre il generale Mészáros aveva attaccato Verona ma il generale Kilmaine aveva organizzato abilmente le sue difese e l'attacco nemico venne duramente respinto; il generale Mészáros dovette sospendere gli assalti e richiese rinforzi per attraversare l'Adige, ma il feldmaresciallo von Wurmser, battuto a Bassano e tagliato fuori dalle comunicazioni con il Friuli, ritenne indispensabile concentrare le sue forze e ordinò al suo subordinato di ripiegare subito verso Bassano. I due raggruppamenti austriaci si congiunsero il 9 settembre a Vicenza[29].

Assedio di Mantova[modifica | modifica wikitesto]

Contrariamente alle previsioni del generale Bonaparte, il feldmaresciallo von Wurmser, dopo essersi congiunto con la divisione del generale Mészáros, non decise di ripiegare su Trieste ma prese invece la sorprendente iniziativa di continuare a marciare verso l'Adige e Mantova. Questa inattesa manovra avrebbe messo in difficoltà i francesi e avrebbe contretto il comandante dell'Armata d'Italia ad organizzare un inseguimento in velocità, spronando ancora un volta i suoi soldati al massimo sforzo nel tentativo di tagliare la strada al nemico[30].

I piani del generale Bonaparte furono però vanificati dalla mancata difesa di Legnago e del suo ponte sull'Adige che permise al feldmaresciallo von Wurmser di trovare una via di scampo e di trasferirsi a sud del fiume. La difesa di Legnago spettava al generale Kilmaine che tuttavia, impegnato a sbarrare la strada di Verona, evacuò la guarnigione senza distruggere il ponte; le truppe del generale Sahuguet che, provenienti da Mantova, avrebbero dovuto prendere il suo posto, non giunsero in tempo e quindi gli austriaci poterono occupare la città ed attraversare l'Adige il 10 settembre[31].

Il generale Bonaparte accolse con forte disappunto queste cattive notizie e diramò subito una nuova serie di ordini per organizzare l'accerchiamento del nemico; il generale Augereau avrebbe dovuto interrompere immediatamente l'avanzata su Padova e dirigersi invece a tappe forzate su Legnago all'inseguimento degli austriaci, mentre il generale Massena avrebbe tentato di anticiparli attraversando l'Adige tra Verona e Legnago e sbarrando la strada di Mantova; infine il generale Sahuguet avrebbe dovuto impegnare una parte delle sue forze a nord di Mantova[32].

Il generale Bonaparte e i suoi generali sul campo di battaglia di Bassano. Incisione di Charles George Lewis (1808-1880) da un dipinto di Thomas Jones Barker (1815 –1882).

I generali Massena e Augereau avanzarono con grande velocità per cercare di eseguire i piani del generale Bonaparte; la divisione del generale Massena attraversò l'Adige a Ronco e percorse 170 chilometri in sei giorni, mentre gli uomini del generale Augereau marciarono per quasi 195 chilometri affrontando scontri sporadici contro i distaccamenti del nemico[31]. Tuttavia, nonostante questi grandi sforzi ed i sacrifici dei soldati francesi, il feldmaresciallo von Wurmser, combattivo e energico nonostante le precedenti sconfitte, riuscì a sfuggire alla trappola ed al contrario ottenne alcuni successi[31]. Le avanguardie del generale Massena, al comando del generale Pijon furono infatti sorprese isolate e sconfitte a Cerea, mentre il grosso della divisione era attardato avendo sbagliato strada; lo stesso generale Bonaparte fu coinvolto negli scontri e rischiò di essere catturato dagli austriaci. Il feldmaresciallo von Wurmser quindi proseguì verso Sanguinetto, il 12 settembre raggiunse Villimpenta ed il 14 settembre sconfisse a Due Castelli il debole reparto francese inviato da Mantova al comando del generale Charton[33].

Il feldmaresciallo von Wurmser quindi riuscì ad entrare a Mantova da sud e si ricongiunse con la guarnigione assediata; egli disponeva ora in totale di circa 33.000 soldati, di cui 25.000 disponibili per il combattimento e circa 5.000 malati e feriti. Con queste forze il comandante in capo austriaco prese posizione a nord-est della città tra La Favorita e San Giorgio; egli intendeva affrontare la battaglia e sperava, dopo aver sconfitto il nemico, di potersi aprire nuovamente la strada verso Legnago e l'Adige con il grosso delle sue forze[34].

Il generale Bonaparte prese energiche misure per fronteggiare la situazione, bloccare l'esercito austriaco e possibilmente conquistare finalmente la fortezza di Mantova; il 13 settembre il generale Louis André Bon, al comando in sostituzione del generale Augereau, aveva conquistato d'assalto Legnago e il giorno seguente raggiunse Governolo, mentre il generale Massena occupò Due Castelli. Il generale Bonaparte schierò sull'ala destra, a La Favorita, le truppe del generale Sahuguet; egli disponeva di circa 25.000 soldati intorno a Mantova e intendeva sferrare subito un attacco generale[35][36].

Il generale Charles Kilmaine.

La battaglia del 15 settembre fu aspramente combattuta; il generale Bon avanzò inizialmente da Governolo lungo il Mincio fino a San Giorgio, ma le riserve austriache intervennero e i francesi furono fermati e dovettero cedere una parte del terreno conquistato. Sulla destra il generale Sahuguet fece alcuni progressi, impegnando una parte delle forze nemiche fino all'arrivo al centro del generale Massena con la sua divisioone che sferrò l'attacco frontale in colonne serrate[35]. Duri scontri proseguirono durante la giornata e gli austriaci si batterono accanitamente sotto la guida del feldmaresciallo von Wurmser che, consapevole dell'importanza di mantenere le posizioni per evitare di essere respinto dentro la fortezza di Mantova, cercò anche di contrattaccare[36]. I francesi subirono perdite ed anche i generali Joachim Murat, Lannes e Victor rimasero feriti[36]; infine la divisione del generale Massena riuscì a conquistare definitivamente San Giorgio ed a costringere gli austriaci a ritirarsi nella fortezza; i francesi catturarono 3.000 prigionieri, tre bandiere e undici cannoni[35].

Il feldmaresciallo von Wurmser dovette quindi, dopo la sconfitta a San Giorgio, ripiegare con tutte le sue forze dentro Mantova; dopo un ultimo tentativo austriaco di riaprire le vie di comunicazione, fallito il 24 settembre, il generale Kilmaine, incaricato dal generale Bonaparte di stringere d'assedio la fortezza, riuscì a conquistare alcune importanti posizioni ed a completare il 1 ottobre il blocco completo della piazzaforte[37]. Il generale Bonaparte ritenne di non essere in grado per il momento di assaltare la fortezza e decise di limitarsi a riprendere l'assedio di cui fu incaricato il generale Kilmaine con soli 6.000 soldati; il comandante in capo dell'Armata d'Italia era stato informato dal Direttorio alla metà di settembre del fallimento delle operazioni francesi in Germania e della ritirata del generale Moreau. Diveniva quindi impossibile prendere contatto con quest'ultimo attraverso il Tirolo ed al contrario bisogna considerare la concreta possibilità dell'arrivo di nuovi rinforzi austriaci sul fronte italiano per accorrere in aiuto del feldmaresciallo von Wurmser[38].

Bilancio e conseguenze[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Battaglia di Arcole e Assedio di Mantova.
Ritratto del generale Napoleone Bonaparte eseguito nel 1797 da Jacques-Louis David (1748–1825).

Il secondo tentativo austriaco di sbloccare la fortezza di Mantova e ribaltare l'esito della guerra in Italia si concluse quindi con un nuovo costoso fallimento e il feldmaresciaallo von Wurmser, che pur riuscì a sfuggire alla distruzione completa e mostrò coraggio e energia, fu costretto a ritirarsi all'interno della fortezza dove le sue forze vennero assediate, insieme alla guarnigione della piazzaforte, dalle truppe francesi del generale Kilmaine. Durante le numerose battaglie della campagna di Bassano l'esercito austriaco perse circa 27.000 soldati in totale, tra cui 3.000 morti, 6.000 feriti, 18.000 prigionieri, vennero catturati dai francesi dell'Armata d'Italia 75 cannoni e 22 bandiere; il feldmaresciallo entrò a Mantova con circa 16.000 soldati, mentre altri 10.000 soldati al comando dei generali Davidovich e Quosdanovich riuscirono a riparare in salvo in Tirolo e in Friuli[39].

L'Armata d'Italia aveva aspramente combattuto e aveva perso nelle battaglie circa 7.500 uomini, tra cui 1.800 morti, 4.300 feriti e 1.800 prigionieri e dispersi; il generale Bonaparte, dopo aver rinunciato ad attaccare immediatamente la fortezza di Mantova, schierò la divisione del generale Vaubois a Trento, mentre il generale Massena presidiava la linea dell'Adige e il generale Augereau rioccupava Verona[39]. Nonostante non fosse riuscito ad accerchiare l'esercito austriaco e ad impedire al feldmaresciallo von Wurmser di entrare a Mantova, il generale Bonaparte aveva concluso con successo anche questa fase della campagna d'Italia; ben presto le numerose truppe austriache accerchiate, quasi 30.000 uomini, avrebbero subito un continuo indebolimento a causa della carenza di viveri con conseguente diffusione di malattie e denutrizione tra i soldati[40].

Il generale Bonaparte mostrò nuovamente durante la campagna culminata nella battaglia di Bassano grande abilità strategica; dopo aver rinunciato ai suoi propositi iniziali di riunirsi con l'armata del generale Moreau attraverso il Tirolo, il generale seppe reagire prontamente all'offensiva austriaca lungo la valle del Brenta e condusse con grande energia l'audace avanzata alle spalle del nemico, anticipando i suoi piani e sconvolgendo il suo schieramento. Egli seppe soprattutto sfruttare l'entusiasmo e la resistenza dei suoi soldati, che durante la campagna marciarono e combatterono incessantemente fino a costringere il nemico a rinchiudersi all'interno della fortezza di Mantova[41]. La campagna di Bassano, caratterizzata dal frenetico inseguimento del nemico e dal continuo variare delle combinazioni strategiche ideate dal comandante in capo dell'Armata d'italia, confermò la capacità di analisi strategica del generale Bonaparte e il suo genio di condottiero, accrescendo ancora la sua fama come vero proconsole d'Italia e, dopo le sconfitte sul fronte tedesco dei generali Moreau e Jean-Baptiste Jourdan, come solo generale vittorioso della Repubblica[42].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Chandler 1992,  vol. I, p. 153
  2. ^ a b c d e f g Bonaparte 2012,  p. 92
  3. ^ Rocca 1996,  pp. 49-63
  4. ^ Rocca 1996,  pp. 63-64
  5. ^ Rocca 1996,  p. 64
  6. ^ a b Bonaparte 2012,  p. 87
  7. ^ Rocca 1996,  pp. 64-65
  8. ^ Rocca 1996,  pp. 65-66
  9. ^ Rocca 1996,  pp. 67-68
  10. ^ Rocca 1996,  p. 68
  11. ^ Bonaparte 2012,  pp. 87-88
  12. ^ Bonaparte 2012,  p. 88
  13. ^ Rocca 1996,  p. 66
  14. ^ Rocca 1996,  p. 67
  15. ^ Rocca 1996,  pp. 67-68
  16. ^ Bonaparte 2012,  pp. 88-89
  17. ^ a b c Rocca 1996,  p. 68
  18. ^ a b c d Bonaparte 2012,  p. 89
  19. ^ Rocca 1996,  pp. 68-69
  20. ^ a b c Bonaparte 2012,  p. 90
  21. ^ Rocca 1996,  pp. 68-69
  22. ^ Bonaparte 2012,  pp. 90-91
  23. ^ a b c Bonaparte 2012,  p. 91
  24. ^ a b Rocca 1996,  p. 70
  25. ^ Rocca 1996,  pp. 70-71
  26. ^ a b c Rocca 1996,  p. 71
  27. ^ Chandler 1988,  p. 304
  28. ^ Rocca 1996,  pp. 71-72
  29. ^ Bonaparte 2012,  pp. 91-92
  30. ^ Chandler 1992,  vol. I, pp. 154-155
  31. ^ a b c Chandler 1992,  vol. I, p. 155
  32. ^ Rocca 1996,  pp. 72-73
  33. ^ Bonaparte 2012,  p. 94
  34. ^ Bonaparte 2012,  pp. 94-95
  35. ^ a b c Bonaparte 2012,  p. 95
  36. ^ a b c Rocca 1996,  p. 73
  37. ^ Bonaparte 2012,  pp. 95-96
  38. ^ Rocca 1996,  pp. 73-74
  39. ^ a b Bonaparte 2012,  p. 96
  40. ^ Chandler 1992,  vol. I, pp. 155-156
  41. ^ Chandler 1992,  vol. I, p. 156
  42. ^ Bainville 2006,  p. 151

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]