Battaglia di Akroinon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Battaglia di Akroinon
L'Impero bizantino prima della battaglia di Akroinon.
L'Impero bizantino prima della battaglia di Akroinon.
Data 740
Luogo Akroinon, (oggi: Afyonkarahisar in Turchia)
Esito Decisiva vittoria bizantina.
Schieramenti
Bizantini supportati da contingenti bulgari Arabi
Comandanti
Effettivi
Ignoto 20.000 (Teofane)
Perdite
Ignoto ~13.000 (Teofane)
Voci di battaglie presenti su Wikipedia

La battaglia di Akroinon fu combattuta ad Akroinon, nella parte occidentale dell'Anatolia, nel 740 fra un esercito degli Omayyadi di Hisham ibn Abd al-Malik, e fra le forze bizantine comandate da Leone III Isaurico e suo figlio, il futuro Costantino V.

In una vittoria decisiva Leone espulse le forze arabe dall'Asia Minore, lasciando a Costantino V una buona situazione per contribuire al collasso del califfato Omayyade.

Contesto storico[modifica | modifica wikitesto]

Fin dall'inizio dell'espansione islamica, l'Impero bizantino, essendo lo stato più grande, ricco e forte militarmente confinante con il Califfato in via di espansione, è sempre stato il nemico primario dei Musulmani. In seguito alla disastrosa Battaglia di Sebastopoli, i Bizantini si erano da allora tenuti sulla difensiva, mentre le armate musulmane sferravano regolari incursioni nell'Anatolia bizantina.[1] In seguito al loro fallito tentativo di conquistare la capitale bizantina, Costantinopoli, nel 717–718, gli Umayyadi per un breve periodo rivolsero la loro attenzione altrove. Dal 720/721 in poi, tuttavia, le incursioni musulmane nell'Anatolia bizantina ripresero con uno schema regolare: ogni estate sarebbero state lanciate una o due campagne (pl. ṣawā'if, sing. ṣā'ifa), talvolta accompagnate da un attacco navale e/o seguite da spedizioni invernali (shawātī). I Musulmani non miravano più alla conquista permanente dei territori invasi, ma al saccheggio e all'acquisizione di un grande bottino di guerra, con devastazioni delle campagne e attacchi occasionali alle fortificazioni o ai centri maggiori. Le incursioni di questo periodo erano anche limitate in larga misura al plateau centrale anatolico (principalmente in Cappadocia), e solo raramente raggiungevano le coste periferiche.[2]

Sotto il più aggressivo Califfo Hisham ibn Abd al-Malik (r. 723–743), queste incursioni divennero più pericolose e vennero condotte dai generali più talentuosi del Califfato, compresi principi della dinastia umayyade, come Maslamah ibn Abd al-Malik o i figli stessi di Hisham Mu'awiyah, Maslamah e Sulayman.[3] Gradualmente, tuttavia, i successi musulmani divennero sempre più pochi, anche perché erano impegnati in un altro conflitto contro la popolazione dei Cazari.[4] Le incursioni continuarono, ma le cronache arabe e bizantine menzionano sempre di meno le espugnazioni di fortezze e città. Nonostante tutto, una grande vittoria contro i Cazari nel 737 permise agli Arabi di porre la fine alla guerra su quel fronte, permettendo loro di intensificare le loro incursioni contro l'Impero bizantino: nel 738 e nel 739, Maslamah ibn Hisham ottenne diversi successi contro i Bizantini tra cui l'espugnazione della città di Ancira. Nel 740, Hisham effettuò la spedizione più grande del suo regno, affidandone il comando al figlio Sulayman.[5]

Battaglia[modifica | modifica wikitesto]

Secondo la Cronaca di Teofane Confessore, l'esercito umayyade comprendeva in tutto 90.000 uomini. 10.000 uomini armati alla leggera sotto il comando di al-Ghamr ibn Yazid vennero inviati a saccheggiare la costa occidentale, seguiti da 20.000 soldati sotto Abdallah al-Battal e al-Malik ibn Su'aib che marciarono verso Akroinon, mentre la forza principale di circa 60.000 soldati (quest'ultima cifra è certamente esagerata e non attendibile), sotto il comando di Sulayman ibn Hisham, saccheggiò la Cappadocia.[6][7]

L'Imperatore Leone si scontrò con il secondo esercito presso Akroinon. I dettagli della battaglia non sono noti, ma l'Imperatore ottenne una netta vittoria: entrambi i comandanti arabi caddero in battaglia, insieme alla maggior parte del loro esercito. Circa 6.800, tuttavia, continuarono a resistere e riuscirono a condurre un'ordinata ritirata a Synnada, dove si unirono a Sulayman.[6][8] Gli altri due eserciti devastarono le campagne incontrastati, ma senza riuscire a conquistare alcuna città o fortezza.[9] Inoltre, l'esercito arabo soffrì una grave carestia e si trovò in carenza di rifornimenti, e quindi fu costretto a ritornare in Siria. Secondo l'opera storica dello storico arabo cristiano del X secolo Agapio, i Bizantini catturarono 20.000 prigionieri di guerra in questa spedizione.[10]

Conseguenze[modifica | modifica wikitesto]

La vittoria a Akroinon fu un successo importante per i Bizantini, in quanto fu la prima vittoria a larga scala ottenuta in una battaglia in campo aperto contro gli Arabi. Interpretandola come evidenza del favore divino nei suoi confronti, Leone rafforzò la propria convinzione di continuare nella sua politica iconoclastica adottata alcuni anni prima (726).[11] A breve termine, questo successo aprì la via a incursioni offensive bizantine in territorio arabo: nel 741 i Bizantini attaccarono l'importante base araba di Melitene. Nel 742 e nel 743, tuttavia, gli Umayyadi approfittarono di una guerra civile scoppiata a Bisanzio tra l'Imperatore Costantino V e l'usurpatore Artavasde e sferrarono incursioni in Anatolia senza trovare opposizione, ma le fonti arabe non riportano nessun altro risultato importante.[12]

La sconfitta araba a Akroinon è stata tradizionalmente definita una battaglia "decisiva"[13] e "punto di svolta"[14] nelle guerre arabo-bizantine, in quanto allentò la pressione araba su Bisanzio. Altri studiosi tuttavia, dallo studioso siriano dell'inizio XX secolo E.W. Brooks a studiosi più recenti come Walter Kaegi e Ralph-Johannes Lilie, non concordano con ciò, sostenendo che Akroinon coincise non solo con altri rovesci pesanti subiti dagli Arabi nelle più remote province del Califfato, che esaurì le sue risorse militari sovraestese, ma anche con turbolenze interne dovute alle guerre civili e alla Rivoluzione abbaside.[15][16] Comunque, gli attacchi arabi contro l'Impero bizantino negli anni 740 furono inefficaci e finirono presto col cessare completamente. Costantino V fu in grado di approfittare del collasso del Califfato Umayyade lanciando una serie di spedizioni in Siria e assicurarsi l'ascesa bizantina sulla frontiera orientale, che durò fino agli anni 770.[17]

Nel mondo musulmano, la memoria del comandante arabo sconfitto, Abdallah al-Battal, fu preservata, e divenne uno dei più grandi eroi dei poemi epici arabi e successivamente turchi come Battal Gazi.[18]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Blankinship 1994, pp. 104–105, 117 .
  2. ^ Blankinship 1994, pp. 117–119
    Treadgold 1997, pp. 349ff
    .
  3. ^ Blankinship 1994, pp. 119–121, 162–163 .
  4. ^ Blankinship 1994, pp. 149–154
    Treadgold 1997, p. 353
    .
  5. ^ Blankinship 1994, pp. 168–173
    Treadgold 1997, pp. 354–355
    .
  6. ^ a b Turtledove 1982, p. 103 .
  7. ^ Blankinship 1994, pp. 169, 330 (Note #14) .
  8. ^ Blankinship 1994, pp. 169–170 .
  9. ^ Blankinship 1994, p. 169 .
  10. ^ Blankinship 1994, p. 170 .
  11. ^ Treadgold 1997, p. 355
    Morrisson & Cheynet 2006, p. 14
    .
  12. ^ Blankinship 1994, pp. 200–201 .
  13. ^ Foss 1991, p. 48 .
  14. ^ Herrin 1977, p. 20 (Note #36) .
  15. ^ Blankinship 1994, pp. 145–146, 167–168, 330 (Note #14) .
  16. ^ Kaegi 1982, p. 167 .
  17. ^ Blankinship 1994, pp. 20, 201, 223ff.
    Morrisson & Cheynet 2006, pp. 14–15
    .
  18. ^ Winkelmann et al. 1999, pp. 5–6 .

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Bisanzio Portale Bisanzio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Bisanzio