Bastone animato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bastone animato
Shirasaya (versione giapponese)
Diagramma che mostra un bastone animato
Diagramma che mostra un bastone animato
Tipo Spada
Origine Europa
Giappone Giappone
Descrizione
Lunghezza ca. 90

[senza fonte]

voci di armi bianche presenti su Wikipedia

Il bastone animato è un bastone da passeggio celante al suo interno una lama di spada, solitamente uno stocco, che una volta sguainata, poteva essere usata dal gentiluomo per la sua difesa personale contro eventuali aggressori.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il vocabolo "bastone animato" è tipicamente usato per descrivere armi di fabbricazione europea databili al XVIII secolo. In realtà, analoghi dispositivi sono stati usati nel corso della storia presso diverse culture: basti considerare la Shikomizue giapponese o il Dolon degli Antichi romani.

Il bastone animato divenne comune in Europa a partire dal XVI secolo, cioè concomitantemente con la diffusione del bastone da passeggio.
Poco dopo l'introduzione sul mercato divenne popolare anche come "bastone porta accessori": al posto della lama da spada potevano essere inseriti lame di coltello, contenitori per alcolici, fiale, o attrezzi di piccole dimensioni. Nella maggior parte dei casi il manico del bastone continuava a fungere da manico per i vari oggetti occultati.

Arma per antonomasia del gentiluomo, il bastone animato era ancora d'uso comune negli anni trenta del XX secolo. Viene oggi considerato arma legale purché debitamente dichiarata e giustificata alle autorità.

Costruzione[modifica | modifica wikitesto]

Il bastone animato è ad oggi ancora prodotto presso officine specializzate:

  • Per la costruzione del "contenitore", cioè l'astile vero e proprio, si è sempre utilizzato del legno di varietà pregiate (Malacca), esotiche (bambù) o nostrane (corniolo);
  • Il manico ha solitamente parte terminale metallica: un semplice pomello o un'impugnatura più raffinata, ornata di fregi e vere e proprie sculture (cariatidi, teste di animali, ecc.)[1].
  • Dato che in origine erano abbastanza frequenti gli incidenti causati dal semplice meccanismo di apertura a pressione, il manico viene oggi bloccato quasi sempre con un duplice sistema di bloccaggio.
  • La lama celata nel bastone era uno stocco atto a colpire di punta, molto rassomigliante quella dello spadino in largo uso come arma da duello nel Settecento ed Ottocento. Alcuni esemplari più ingegnosi occultavano anche piccole lame di stiletto nell'impugnatura, costituentesi quali guardia per lo schermidore una volta estratte.

Shirasaya[modifica | modifica wikitesto]

Lo Shirasaya (白鞘?) (letteralmente "fodero bianco" perché il legno originariamente utilizzato per la costruzione è quello di magnolia, che è molto chiaro) o Bō animato è il corrispettivo giapponese del Bastone animato, in cui però si utilizza una spada giapponese (Katana) celata in un (棒: ぼう), termine giapponese che significa appunto "bastone".

Lo Shirasaya fungeva da custodia per mettere a riposo le lame delle katane poiché il legno aderiva perfettamente ad esse, senza far entrare aria. Così facendo la spada non si arrugginiva anche se non usata per lunghi periodi tempo. Quando il trasporto delle spade fu proibito, i samurai iniziarono ad usare gli shirasaya come vere e proprie katane, poiché sembravano bastoni ed era un ottimo camuffamento. Esiste anche un altro tipo di shirasaya in cui la lama celata è quella di un Ninjatō (忍者刀), la spada dei ninja, e viene detto appunto "Shirasaya Ninjatō".

Disciplina normativa nel mondo[modifica | modifica wikitesto]

Italia[modifica | modifica wikitesto]

È considerato un'arma, anche se dissimulata, e come tale non ne è consentito il porto senza apposita autorizzazione. Vedi Regio decreto del 18 giugno 1931, n° 773 (Testo unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza), titolo II, capo IV (Delle armi), art. 42: «Il Questore ha facoltà di dare licenza per porto d'armi lunghe da fuoco e il Prefetto ha facoltà di concedere, in caso di dimostrato bisogno, licenza di portare rivoltelle o pistole di qualunque misura o bastoni animati la cui lama non abbia una lunghezza inferiore centimetri 65(misura finalizzata ad evitare che diventi arma insidiosa in quanto estrarre una lama lunga difficilmente passa inosservato.

Regno Unito[modifica | modifica wikitesto]

Per l'Inghilterra vige analoga regola, salvo per quei pezzi che abbiano oltre un secolo di vita, i quali vengono quindi affrancati secondo il Criminal Justice Act 1988 (Offensive Weapons) Order 1988, ISBN 0-11-088019-6.

Stati Uniti d'America[modifica | modifica wikitesto]

Negli USA è illegale in molti stati in quanto considerato arma o arma dissimulata. In Arkansas e California ne è espressamente vietata la produzione, rispettivamente con le leggi (Ark. Code Ann. § 5-73-120(b)(3)(B)) e (Cal. Pen. Code § 12020(a)(1).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Merendoni, Antonio [a cura di] (2000) Scrima : tradizioni marziali d'Occidente, Bologna, Stupor Mundi, ISBN 88-8026-026-X, p. 59 : Già l'armeria de Medici al Bargello di Firenze conservava nel 1500 un esemplare di bastone animato sontuosamente ornato d'intarsi.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Merendoni, Antonio [a cura di] (2000) Scrima : tradizioni marziali d'Occidente, Bologna, Stupor Mundi, ISBN 88-8026-026-X.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]