Basilio IV di Moscovia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Basilio IV di Moscovia[1]

Basilio IV di Moscovia[1] (in russo: Василий IV Иванович Шуйский?, Vasilij IV Ivanovič Šujskij) (Nižnij Novgorod, 22 settembre 1552Gostynin, 12 settembre 1612) fu Zar di Russia dal 1606 al 1610. Membro della famiglia Šujskij, imparentata con i Romanov, che vanta di discendere per linea diretta dalla Dinastia Rurik, durante il regno di Boris Godunov è una costante spina al fianco per il sovrano non riconoscendone il potere. Nel 1606 organizza un complotto per eliminare il Falso Dimitri I approfittando dello scontento popolare dovuto allo stretto legame dello zar con il regno di Polonia.

Durante il suo regno, durato solamente quattro anni, deve affrontare oltre che l'esercito polacco anche un ulteriore presunto figlio di Ivan IV (Falso Dmitrij II, in realtà tale Andrei Nagi). Nell'agosto 1610 Vassilj IV viene battuto dai polacchi nella battaglia di Klučina, catturato viene portato in prigionia in Polonia dove muore due anni dopo.

Una parte dei boiardi russi, sperando di recuperare parte del potere feudale perso nei confronti degli autocrati di Mosca acclama coma zar il re di Polonia Ladislao IV.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Basìlio IV zar di Moscovia come da lemma in Enciclopedia Treccani [1]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Basilio IV di Moscovia in Treccani.it - Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011.

Predecessore Zar di tutte le Russie Successore
Falso Dimitri I dal 1606 al 1610 Ladislao IV

Controllo di autorità VIAF: 18028470 LCCN: nr89007735