Basil Davidson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Basil Davidson (Bristol, 9 novembre 19149 luglio 2010) è stato uno storico britannico. Viene annoverato fra i massimi esperti mondiali di storia dell'Africa, e ha contribuito in modo determinante all'evoluzione della storiografia africana moderna, denunciando l'influenza dei pregiudizi coloniali nella rappresentazione europea dell'Africa antica e rifondando lo studio della materia su basi strettamente archeologiche e documentarie.[1] Le sue opere sono utilizzate come testi di riferimento in numerose università nel Regno Unito e in altri paesi. Ha scritto numerosi libri anche divulgativi e prodotto una celebre serie di documentari dal titolo Africa.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ dickinsg.intrasun.tcnj.edu/films/basil/bio.html

Bibliografia parziale[modifica | modifica sorgente]

In lingua originale[modifica | modifica sorgente]

  • Let Freedom Come: Africa in Modern History
  • The Black Man's Burden: Africa and the Curse of the Nation-State;
  • A History of Africa
  • Lost Cities of Africa
  • African Kingdoms
  • African Civilization Revisited: From Antiquity to Modern Times
  • Old Africa Rediscovered
  • Black Mother
  • Africa in History
  • The Africans
  • The Liberation of Guine
  • In The Eye of the Storm: Angola's People
  • Africa in Modern History
  • Partisan Picture
  • Golden Horn (novel)
  • Special Operations Europe: Scenes From the Anti-Nazi War (1980)
  • Black Star
  • West Africa Before the Colonial Era

Traduzioni italiane[modifica | modifica sorgente]

  • La riscoperta dell'Africa (Feltrinelli 1963)
  • Africa: Storia di un continente (Mondadori 1966)
  • Civiltà africane (Arnoldo Mondarori 1968)
  • La liberazione della Guinea (Einaudi 1970)
  • Guida alla storia africana (Zanichelli 1971)
  • L'Angola nell'occhio del ciclone (Einaudi 1975)
  • Alle radici dell'Africa nuova (Editori Riuniti 1979)
  • L'Africa nel mondo contemporaneo (SEI 1987), ISBN 8805039225
  • Storia dell'Africa (Rai-Eri 1990), ISBN 8839704965
  • La civiltà africana (Einaudi 1997), ISBN 8806351885
  • Madre nera: L'Africa nera e il commercio degli schiavi (Einaudi 1997), ISBN 8806041010

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 76314183 LCCN: n80050342